Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow Storie Miti e Leggende arrow Come eravamo nel 1931 e nel 1950
Skip to content
Come eravamo nel 1931 e nel 1950 PDF Stampa E-mail
Scritto da A. Cavallaro   
venerdý, 11 aprile 2008 07:33
copertina
La Settimana INCOM Illustrata
Scartabellando nella piccola ma ben ordinata emeroteca privata dell'amico Peppino Martire, abbiamo trovato dell’interessante materiale che non possiamo fare a meno di condividere coi nostri affezionati internauti. Si tratta di una copia del 1950 della rivista da tempo scomparsa “La Settimana Incom Illustrata”, all’interno vi si trova una “corrispondenza” da Sibari con delle foto molto interessanti, alcune delle quali, però, sono del centro di Cassano, ritenendo il cronista dell’epoca, questa cittadina l’erede della mitica Sybaris.

 

T C I
Rivista del T.C.I. 1931
Nel testo si fanno rilevare le sostanziali differenze tra la decantata vita lussuosa degli antichi sibariti e la povertà degli abitanti degli “eredi” cassanesi del 1950. Seppur in quegli anni la vita dalle nostre parti era particolarmente grama, il corrispondente  mette in risalto, secondo noi in modo esagerato, lo stato di sporcizia e di totale incuria in cui versavano sia la popolazione che il centro urbano. Le foto che vi proponiamo sono abbastanza esplicite, abbiamo lasciato sotto alcune di esse anche la didascalia originale, per vederle in formato grande cliccare quì.

 

cavalli selvaggi
Cavalli allo stato brado

 

 

Le comari a Cassano
Comari di Cassano

 

 

Stazione
Stazione FS Sibari 1950

 

 

fruttivendola
Cassano, castagne e arance sul marciapiede

 

 

Via F. Bruno
Cassano, Via F.Bruno nel 1950

 

 

cassano
Cassano: zona Teatro

Ma le sorprese non sono finite qui, perché il nostro amico aveva in serbo un’altra chicca, questa volta si tratta di una rivista  del Touring Club del 1931 contenente un’articolo del grande archeologo calabrese Edoardo Galli del quale potete leggere una breve biografia.All’epoca il sito dell’attuale zona archeologica non era stato ancora individuato e lo stesso Galli pensava che i resti dell’antica Sybaris fossero nella zona di Spezzano Albanese dove erano stati trovati dei reperti importanti. Di questo interessante articolo vi proponiamo la versione in formato pdf che troverete cliccando sui seguenti link:

Art. TCI parte 1

Art. TCI parte 2

< Precedente   Prossimo >