Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow News arrow Comunicati Stampa arrow Riconoscimento di pregio per Cassano
Skip to content
Riconoscimento di pregio per Cassano PDF Stampa E-mail
Scritto da S.Cataldi   
giovedý, 15 dicembre 2016 07:58
ImagePochi giorni fa l’Associazione Città dell’Olio di Siena ha trasmesso per il tramite del Mipaaf – Ministero politiche agricole alimentari e forestali – all’Ente la preziosa notizia che il territorio cassanese si è fregiato di un alto riconoscimento di rango Nazionale e Internazionale. Il risultato è stato raggiunto dopo che lo Suap del Comune si è attivato a rispondere all’opportunità offerta dal sodalizio senese cui l’Ente è socio dal 2005.

La scheda di candidatura nel Registro Nazionale Paesaggi Rurali,Storici, delle Pratiche Agricole e Conoscenze Tradizionali, di 6 paesaggi dediti alla coltura dell’olivo secolare ed extra secolare è stato redatto e inviato, lo scorso ottobre dal responsabile Suap Salvatore Cataldi a firma del sindaco Giovanni Papasso.

Dall’elaborato socio economico è emerso che a Cassano circa 1200 ettari di terreno sono interessati alla coltura dell’ulivo secolare con piante di età compresa tra i mille e duecento anni, quattrocento e duecento cinquant’anni allocati nelle zone: Giostratico – Costa della Ranca Vallone della Madonna della Catena - Tre Piani - La Silva - Fiego - Cannelle - Giastreta – Chidichimo – Capolanza - Lauropoli e Sisto.

L’associazione Città dell’Olio di Siena per mano del presidente Enrico Lupi ha reso noto le risposte positive giunte direttamente dal capo dipartimento del Mipaaf Giuseppe De Blasi. Il Mipaaf ha trasmesso la notizia anche alla Regione Calabria, sollecitata, ad inserire nei PSR – programmi di sviluppo rurale - una misura specifica per i territori e le aziende, che ricadono nel Paesaggio riconosciuto e con l’ISMEA,già al lavoro per elaborare un marchio di identificazione dei paesaggi riconosciuti, che potrà diventare veicolo turistico e commerciale per gli operatori agricoli e, non ultimo, il Mipaaf ha firmato una convenzione con Eataly Roma, per la realizzazione di uno spazio specifico nei suoi punti vendita, nel quale presentare su larga scala i prodotti olivicoli cassanesi.

La Giunta Comunale guidata dal sindaco Papasso ha accolto con soddisfazione, l’importante riconoscimento, dando mandato allo Suap – Urbanistica di proseguire nel lavoro di concerto con la Anco/Gesaaf,scuola di agraria dell’Università di Firenze, per approntare il dossier ufficiale, che diventerà un libro consultabile on line e l’ultimo passaggio per raggiungere il prestigioso risultato. Il paesaggio candidato è stato denominato: “Gli Ulivi della Magna Greacia Sibaritide”. Forse Cassano e la Sibaritide hanno trovato finalmente nell’ulivo con il riconoscimento nazionale e internazionale, poichè interessa anche l’Unesco, la sua icona produttiva identitaria, il suo marcatore territoriale? Cassano con l’ulivo, come Udine con il prosciutto San Daniele o Manzano con le sedie.

ImageSalvatore Cataldi

< Precedente   Prossimo >