Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow News arrow Comunicati Stampa arrow Referendum e Perdigiorno
Skip to content
Referendum e Perdigiorno PDF Stampa E-mail
Scritto da M.Silenzi Viselli   
giovedý, 13 ottobre 2016 09:04
ImageFaccio subito una premessa: il solo fatto che a scrivere le varianti alla Costituzione sia stato un qualcuno convinto di poter proiettare un sindaco a fare il Senatore (sic), su decisione non si sa di chi (sic), e gratis (sic) ed a tempo perso (sic), mi fa dubitare sullo stato mentale del soggetto, e, quindi, a respingere in toto qualsiasi altro suo ragionamento (sic) in proposito. Resta il fatto che questo contenuto "disturbato" è stato incanalato in un percorso legalmente ineccepibile.

Nella scienza della psicologia questa concatenazione, quella cioè di partire da un assunto falso a cui fa seguito un processo logico, viene definita "paranoia".

Ora, nella fase propositiva, nessuno ha evidenziato l'assunto delirante, e quindi, essendosi approvate le varianti in blocco unico, ed essendosi accettata la formulazione della legge in un unico titolo, quelli che ora, da bravi perdigiorno, si stanno affannando a rivolgere istanze al Tar, od alla Corte Costituzionale, stanno, in perfetta linea con la loro natura, perdendo tempo.

Parlano di spacchettamento alla memoria, o di furba titolazione già approvata, come tante Alici (nomen omen) nel paese delle loro stesse meraviglie.

Una legge approvata nel suo insieme, può ben contenere diversi argomenti: o, pensano costoro, che se una legge stabilisce il prezzo dei broccoli e delle zucchine, debba essere spacchettata separatamente sulle due qualità ortofrutticole?

Mi si dirà: ma chi sei tu per contestare il pensiero di cotanti esperti costituzionalisti e giuristi di chiara fama? Sono un essere pensante, prima di parlare, e notoriamente, quindi, non abituato a parlare a vanvera. Se avete dei dubbi in proposito, non avrete che da aspettare le sentenze relative alla istanze. Semplice no?

Ma da essere pensante, nel caso, per me ovvio, che avessi ragione, in virtù della premessa iniziale vi invito anche a seguire il mio disinteressato consiglio: votate NO.

Maurizio Silenzi Viselli
< Precedente   Prossimo >