Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow Ambiente e salute arrow Tolte le ferriti di zinco a Sibari
Skip to content
Tolte le ferriti di zinco a Sibari PDF Stampa E-mail
Scritto da M.Petroni   
mercoled́, 30 settembre 2015 18:45
ImageBuone notizie dal tavolo di concertazione romano tenutosi presso il Ministero dell’Ambiente per fare il punto della situazione sui siti inquinati dalle ferriti di zinco provenienti dalla Pertusola Sud, ubicati in alcune aree di Crotone, di Cassano All’Ionio e di Cerchiara di Calabria. Dalla conferenza dei servizi, per quanto riguarda il territorio del comune di Cassano All’Ionio, con particolare riferimento alle località di Tre Ponti e Chidichimo, il sindaco Papasso, ha informato che i responsabili della Syndial, Ing. Andrea Cecchinato, che cura l’iter della bonifica dei siti di Cassano e Cerchiara di Calabria ed Enrica Barbaresi, delegata per i rapporti esterni, presenti alla riunione, hanno comunicato ufficialmente che l’attività di rimozione delle ferriti di zinco interrate nelle sopra citate località, è stata completata.

Al momento, sono in corso le azioni di collaudo dei siti in questione e si è in attesa dei risultati delle analisi che sono state eseguite, in contraddittorio con l’Arpacal. Le operazioni di collaudo, stante alle rassicurazioni che il sindaco Papasso ha avuto dai responsabili preposti di Eni-Syndial,  dovrebbero essere completate entro il mese di novembre prossimo, per dare subito avvio alla fase successiva, riguardante l’attività di ripristino delle aree bonificate di cui è prevista la consegna alla Procura della repubblica di Castrovillari. Nell’occasione, il sindaco Gianni Papasso, ha concordato con i dirigenti di Eni-Syndial, che entro la fine dell’anno in corso si dovrà tenere un incontro pubblico tra le parti per una informativa dettagliata alla popolazione. A margine del tavolo di concertazione con i rappresentanti del Ministero dell’Ambiente e dell’Eni-Syndial, il sindaco Papasso, facendo anche riferimento all’Enciclica di Papa Francesco, che esalta l’ambiente e il creato, sensibilizzando tutti alla loro tutela e salvaguardia, si è detto fortemente soddisfatto del risultato raggiunto,che, ha sottolineato, è stato frutto di una incessante vigilanza e stimolo, nelle sedi deputate, a chi di competenza affinché dal territorio cassanese, oltraggiato e violentato dal traffico delle ferriti di zinco, registratosi nei primo anni ’90, venisse rimossa tale sgradita presenza di rifiuti tossici, anche e soprattutto a salvaguardia della salute pubblica. L’amministrazione comunale, ha concluso il primo cittadino, sin dalla prima ora, ha eletto a priorità della sua azione, la salvaguardia dell’ambiente e del territorio, in quanto rappresentano gli elementi basilari cui fare riferimento per l’elaborazione dei progetti di sviluppo economici, sociali e culturali della comunità locale

Il Capo Ufficio Stampa del Comune di Cassano Ionio

Mimmo Petroni

< Precedente   Prossimo >