Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow Ambiente e salute arrow Secco NO di Papasso alle trivellazioni
Skip to content
Secco NO di Papasso alle trivellazioni PDF Stampa E-mail
Scritto da M.Petroni   
lunedý, 15 giugno 2015 21:54
ImageIl sindaco del comune di Cassano All’Ionio, Gianni Papasso, in una missiva indirizzata al Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, On. Gianluca Galletti, al Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, On.le Dario Franceschini, al Ministro dello Sviluppo Economico, On.le Federica Guidi, al Presidente della Regione Calabria, On.le Gerardo Mario Oliverio, al Presidente della Provincia di Cosenza, On.le Mario Occhiuto, alla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesistici delle Province di Cosenza, Catanzaro, Crotone e Reggio Calabria, nonché, per conoscenza alla Appennine Energy S.p.A.,ha ribadito a chiare note il “NO” al progetto di trivellazione sia in mare che sulla terra ferma, nella Sibaritide, da parte della Società proponente Appennine Energy S.p.A..

A tale riguardo, nella comunicazione, il primo cittadino ha esposto alcune osservazioni a supporto di tale presa di posizione. “In riferimento al progetto per la perforazione del pozzo esplorativo proposto dalla società Appennine Energy S.p.A., prospiciente il litorale sibarita, il comune di Cassano All’Ionio, ha scritto il sindaco Papasso, ribadisce il suo “no” ed esprime contrarietà alle attività di ricerca ed estrattive di idrocarburi liquidi e gassosi nel Mare Jonio”. Nella comunicazione, viene, inoltre, evidenziato che la posizione rispetto alle trivellazioni dell’ente locale, era stata già espressa unanimemente dall’assise civica, che aveva espresso parere sfavorevole all’effettuazione di indagini ed in ordine alle attività estrattive, impegnato”..il Presidente della Giunta Regionale, il Presidente della Giunta Provinciale, i Comuni del comprensorio e tutti i parlamentari calabresi a mobilitarsi esercitando il loro peso politico ed istituzionale per scongiurare le ricerche e l’eventuale istallazione di piattaforme finalizzate alla ricerca di idrocarburi..”. Ma, il “no” del comune di Cassano All’Ionio, ha ricordato il primo cittadino, è stato rimarcato anche nel corso della manifestazione del 28 marzo scorso, tenutasi a Corigliano Calabro e anche nell’altra tenutasi il 10 aprile a Trebisacce, dove l’Assemblea dei Sindaci della Sibaritide, ha votato un ordine del giorno in cui si esprime la contrarietà rispetto alle trivellazioni, alla luce dei danni che si teme possano derivare dalle estrazioni di idrocarburi all’ambiente, alla salute pubblica e all’immenso patrimonio culturale di cui è ricca questa terra. Sulla stessa lunghezza d’onda, è l’intesa concordata con il Presidente della Regione Calabria, Gerardo Mario Oliverio, il quale ha ribadito la posizione contraria dell’ente regionale anche nel corso di una manifestazione tenutasi a Sibari il 16 marzo scorso, alla presenza di sindaci e amministratori locali, rappresentanze dei sindacati, delle categorie produttive, del mondo della scuola, degli ordini professionali, studenti e cittadini della vasta area della Sibaritide. Nella comunicazione, il sindaco Papasso, ha evidenziato, altresì, che le aree individuate per la realizzate delle attività di prospezione, sono localizzate nei pressi di siti della Rete Ecologica Europea “Natura 2000” e, cioè, a meno di 500 metri dalla Riserva Naturale Regionale “Foce del Fiume Crati”,  nelle cui vicinanze si trovano  due siti di interesse comunitario (SIC): “Foce del Crati” e “Casoni di Sibari” di grande rilievo naturalistico per la presenza di uccelli acquatici migratori di notevole interesse, molti dei quali nidificanti, come la Cicogna bianca, simbolo della Riserva. Le spiagge di Sibari, ha ricordato il sindaco di Cassano, sono state scelte anche dalla tartaruga Caretta Caretta per deporre le sue uova, a testimonianza dell’integrità delle acque e dell’ecosistema marino di questa parte di Calabria, nonché per la presenza del  giglio di mare. Altri riferimenti, hanno interessato il complesso turistico dei Laghi di Sibari,  centro nautico balneare di eccellenza, che ospita oltre duemila imbarcazioni e rientra tra i più grandi poli turistici di attracco del Mediterraneo e l’area archeologica dell’antica Sybaris, tra le più ricche e importanti città della Magna Grecia, l’adiacente Museo Archeologico Nazionale della Sibaritide, che custodisce, tra l’altro, il Toro Cozzante, bronzo del V secolo a.C. di enorme pregio e di importanza pari a quella dei Bronzi di Riace. “La scelta di violare questa terra per favorire gli interessi economici delle compagnie energetiche, ha affermato il sindaco Papasso, è una scelta assolutamente inopportuna, in quanto le operazioni nel settore della ricerca degli idrocarburi possono avere conseguenze devastanti e irreversibili sull’ambiente marino e costiero, con conseguenti ricadute negative sulle economie locali. Per il sindaco di Cassano, la Sibartide è un’area di grandi potenzialità e di immense risorse e ha bisogno di sviluppo, non di speculazioni. E la tutela dell'ambiente, ha concluso nella sua missiva alle autorità destinatarie, è essenziale per avviare un concreto processo di crescita economica e sociale, che parta dal turismo, unico grande volano di sviluppo per la Sibaritide e per la Calabria intera.

 

Lì, 15.06.2015                 Il Capo Ufficio Stampa – Mimmo Petroni
< Precedente   Prossimo >