Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow Letteratura arrow Poesia arrow A Nella dal nonno (poesia)
Skip to content
A Nella dal nonno (poesia) PDF Stampa E-mail
Scritto da M.Miani   
giovedý, 20 novembre 2014 06:05
ImageSei apparsa all’improvviso sul monitor del mio PC,

Lo so, sei stata tu che smanetti di continuo sulla tastiera.

Con il mouse fai di tutto, sposti fotografie, i miei scritti con velocità,

perfettamente conosci le procedure,  le regole di questo mostro.

Hai postato la tua foto, quella che mi piace di più,

i lunghi capelli sciolti, il volto sorridente felice senza remore.

Sorridi dolce con gli occhi aperti larghi di piccola signorina,

mi vien voglia di rispondere al tuo sorriso angelico

diverso dal mio di uomo attempato e nonno, un po’ velato

dalla stanchezza e gli anni che son passati e ormai lontani.

Leggo godendo i tuoi scritti favole inventate dalla tua fantasia

che lavora con i sogni che vogliono anticipare il tempo.

Vi è in te tanta felicità, gioia, voglia di vivere ragazza mia

che mi commuove il cuore, gli occhi anche se induriti

dagli anni e dalle delusione che qualche volta han vinto

sulle mie passioni giovanile, sui miei sogni caduti, svaniti.

Questa è la vita Nella nipote mia, la gioventù, che fa tutto bello,

colora di rosa il futuro anche le ombre che lo nasconde,

riempie ogni minuto di speranze infinitamente grandi.

L’età matura e la vecchiaia anche se serena

pennella di grigio i lati remoti, li oscura, li rende neri

per le speranze che si assottigliano sempre di più.

Non correre velocemente sul tuo futuro, sogna con amore

gli attimi che verranno, riempili di fantasiose storie, godili.

Non mutare il tuo sorriso, che mi da gioia, mi illumina

Il viso di sorrisi vaghi che colorati come il tempo

della mia fanciullezza, mi rendono meno spiacevole sopportare

la mia senilità, la mia vecchiaia, i capelli bianchi, le numerose

profonde rughe sul viso ormai cadente, il mio passo appesantito,

i miei occhi dalla vista appannata dalle retine ispessite.

Goditi la vita. Essa comunque è sempre bella,  ricca di storie

sempre nuove da vivere attivamente, appassionatamente,

con il cuore, la mente fertilmente in moto

per accrescere i ricordi che nel tempo

coroneranno la tua storia di ragazza giorno dopo giorno.

Io spero che essi saranno fondamenta solide ai tuoi anni

che si sommeranno  nel futuro, e che saranno per te sempre belli

Ricchi di avvenimenti dai contorni colorati di Rosa pastello.

Michele Miani

< Precedente   Prossimo >