Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow Amici,fatti, curiositÓ arrow Addio don Silvio ci mancherai...
Skip to content
Addio don Silvio ci mancherai... PDF Stampa E-mail
Scritto da A.M.Cavallaro   
lunedý, 07 luglio 2014 17:39
ImageDon Silvio La Padula ha lasciato per sempre questa “valle di lacrime”, ci conforta la Speranza di poterlo rivedere e riabbracciare il giorno della Resurrezione dei Morti promessaci da N.S. Gesù Cristo. I miei ricordi giovanili sono particolarmente legati alla figura di questo Grande Prete, dai tratti sempre gentili e disponibili che, nella sua qualità di assistente di Azione Cattolica, era spesso fra di noi a spronarci sempre e solamente verso la preghiera e verso il bene. Mi ha sempre affascinato la sua profonda cultura non solo religiosa, di cui si serviva nelle sue omelie sempre azzeccate, mai banali, sempre aderenti alla realtà.  (segue comunicato diocesano)

Un Uomo, un Sacerdote, che ha dato tanto alla Chiesa cassanese, che, forse, avrebbe potuto dargli maggiori soddisfazioni e riconoscimenti; lo so, può sembrare provocatorio dire questo post-mortem, ma chi mi segue sa che non amo le mezze misure. Non sono sempre stato d’accordo con alcuni suoi punti di vista, ma ogni qualvolta se n’è presentata l’occasione, non mancava mai di ascoltare con pazienza prima e di ribattere poi con convinzione, ma sempre in modo garbato, mai aggressivo o saccente, un modo di approcciarsi e di affrontare questioni anche spinose, con la modestia che contraddistingue i forti, senza tentennamenti e con coerenza estrema. Porterò sempre con me il suo sorriso dolce, aperto e cordiale. Addio don Silvio.

Antonio Michele Cavallaro

Diocesi di Cassano All’Jonio

Ufficio Comunicazioni Sociali

COMUNICATO STAMPA

ImageDopo una lunga malattia, è tornato alla Casa del Padre monsignor Giuseppe Antonio (Silvio) La Padula, apprezzato parroco, fine scrittore ed assistente negli anni di molte associazioni ed aggregazioni ecclesiali.

Nato a Cassano all’Jonio il 6 giugno 1937, monsignor La Padula era stato ordinato sacerdote l’8 luglio 1962. Per oltre mezzo secolo è stato uno dei pilastri della Chiesa cassanese e prezioso collaboratore degli 8 vescovi che si sono succeduti nell’arco di un cinquantennio: in ordine di tempo, monsignor Raffaele Barbieri, monsignor Domenico Vacchiano, monsignor Girolamo Grillo, monsignor Francesco Pala, monsignor Andrea Mugione, monsignor Domenico Graziani, monsignor Vincenzo Bertolone e monsignor Nunzio Galantino, attuale Presule e segreterio generale della Cei.

Dottore in Filosofia e docente di scienze umane e storia, dopo aver svolto il suo ministero pastorale in parrocchie di diversi Comuni della diocesi, monsignor La Padula aveva assunto la guida della parrocchia cassanese della Natività della Beata Vergine Maria e quella della rettoria del santuario della Madonna della Catena, conservandole fino al 2012 e continuando ad essere nel frattempo - e sin dall’inizio del suo cammino sacerdotale – sicuro punto di riferimento ed assistente spirituale dei gruppi laicali ecclesiali diocesani, dall’Azione Cattolica a Comunione e Liberazione al Rinnovamento nello Spirito.

Distintosi per l’umanità e la competenza manifestate pure nella veste di insegnante di religione e filosofia negli istituti superiori e di docente di antropologia filosofica presso l’istituto di scienze religiose “Pietro La Fontaine”, aveva ricoperto – tragli altri –anche l’incarico di direttore dell’Ufficio catechistico diocesano e dell’Ufficio Scuola, senza mai trascurare l’amore per lo studio e la scrittura: tra le sue molte pubblicazioni vanno ricordate “Il problema del male in Giobbe” (1978); “Testimoni di Geova e cattolici a confronto” (1979); “Esistenza di Dio in San Tommaso” (1980); “Antropologia filosofica” (2002); “Parola di vita” (collana composta da cinque volumi, edita nel 2006); “Frammenti di vita cristiana” (2012) e da ultimo, quando la malattia che lo ha portato alla morte lo aveva già assalito, “Preghiera e perdono”, con prefazione proprio di monsignor Galantino.

La camera ardente sarà allestita in Cattedrale e resterà aperta dalle 20 di domenica fino a tarda sera, per poi riaprire alle 8 di domani. I funerali si svolgeranno, sempre in Cattedrale, alle 15.30 di lunedì. Cordoglio per la scomparsa di monsignor La Padula è stato espresso da monsignor Galantino per la scomparsa, ha commentato addolorato il vescovo, «di un sacerdote che ha donato tutto se stesso al prossimo, con umiltà e sacrificio, luminoso esempio di ciò che la Chiesa è chiamata ad essere ogni giorno, ogni istante».

Cassano all’Jonio, 6 luglio 2014

 

Diocesi Cassano all’Jonio

Ufficio Comunicazioni Sociali

 

Info: 0981 71007 - 392 9221501

< Precedente   Prossimo >