Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow Amici,fatti, curiositÓ arrow Un ricordo e una preghiera per Don Lazzaro
Skip to content
Un ricordo e una preghiera per Don Lazzaro PDF Stampa E-mail
Scritto da A.M.Cavallaro   
martedý, 06 maggio 2014 07:11
ImageDomenica mattina, come faccio spesso,  mi sono recato a Lattughelle per assistere alla SS Messa nella chiesetta dedicata a S.Raffaele Arcangelo. Chiesa legata per me al ricordo imprescindibile di don Lazzaro Longobardi. Quella mattina ho trovato un’insolita animazione perché un nutrito gruppo di giovani facenti parte dell’AGESCI (Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani) aveva scelto proprio la nostra parrocchia per un  incontro organizzativo. Chiesetta quindi affollata e a celebrare, come avveniva già spesso da quando don Lazzaro non c’è più, era giunto da Castrovillari don Franco Oliva, vicario generale della diocesi. Non sapevo ancora che nel pomeriggio sarei venuto a conoscenza della sua nomina a vescovo di Locri. Ma di questo fausto avvenimento si scrive in altro articolo, a me preme invece raccontare le sensazioni di sofferenza che provo ogni volta che entro in quella Chiesa, vedendo le curatissime aiuole e pensando alla passione per i fiori di quel missionario-prete barbaramente ucciso. Tempo fa lessi una breve nota di mons. Bertolone scritta per ricordare il caro don Lazzaro e mi piace proporla anche a voi cari amici del sito affinchè il suo ricordo rimanga nel nostro cuore e nella nostra mente.

«Solo i coraggiosi sanno perdonare. Un vigliacco non perdona mai, non è nella sua natura».

Vigliacco certo non era padre Lazzaro Longobardi, il sacerdote redentorista ucciso a Sibari da uno dei tanti poveri, derelitti, ultimi, per aiutare i quali aveva votato l’intera esistenza. E come scrive lo scrittore Laurence Sterne, avrebbe perdonato anche il suo assassino, poiché ricco del coraggio della fede, che in vita gli aveva dato la forza di stare dalla parte dei deboli e degli emarginati, in silenzio ma con dignità, sfidando e vincendo le diffidenze anche di molti cattolici della domenica.

ImageHo conosciuto padre Longobardi, per essere stato suo vescovo nel periodo del mio ministero episcopale a Cassano. Per lui il Vangelo erano i giovani, gli emarginati, i derelitti, in particolare i migranti che nei campi della piana di Sibari vengono sfruttati come manodopera a basso costo. A loro apriva il cuore e la casa. Qualcuno, purtroppo, ne ha approfittato. Ma il sacerdote, anche di fronte alle minacce ricevute negli ultimi giorni, non s’è piegato. Ed a chi lo vessava ha dedicato l’ultimo gesto d’amore, tenendolo lontano dal carcere, convinto che la forza del dialogo e della Parola, come sempre, avrebbe alla fine avuto la meglio, perché il bene trionfa sul male. Però è stato ucciso. Il suo esempio s’impone con forza nel tempo speciale che stiamo vivendo, la Quaresima, tempo di conversione. La Chiesa ci ricorda che «siamo in questo mondo ma non siamo di questo mondo». Ci invita a riprendere le forze per camminare ancora lungo le strade strette e polverose, per i sentieri tortuosi e impervi che portano alla Pasqua. Camminare, sovente, contro corrente. Morire per i poveri, per generosità, da sacerdote, persino in Calabria, che non è solo terra di ’ndrangheta, malaffare, scandali e cattiva politica, ma anche palcoscenico di storie di impegno solidale e generoso.

Quaresima vuol dire che sperare contro speranza è possibile se si è docili al soffio dello Spirito, che sussurra un nome, indica una via, infonde nuova energia. Vivere il Vangelo significa scontrarsi con chi incarna con la violenza, lo sfruttamento, il male, il crimine. Non sempre è facile, come rammenta in ogni occasione papa Francesco, col suo invito ad essere e a diventare sempre più una Chiesa della strada che fa, opera, testimonia, continuando a tenere aperto con il cuore le porte. Per riuscirvi serve l’umiltà, soprattutto di ammettere una grande verità: tutto è dono, tutto è grazia.

Certo, impressiona - e non poco - la velocità con la quale si precipita verso gli abissi più profondi dell’anima umana, nel cui baratro si perdono le ragioni dello stare insieme e della stessa vita. È nel buio di quel vuoto che chi non perdona crede di essere il più forte. Nulla di più falso: è forte veramente chi, come Cristo sulla croce, alza le braccia e si lascia crocifiggere. «A volte – ricorda proprio papa Bergoglio - ci sembra che Dio non risponda al male, che rimanga in silenzio. In realtà Dio ha parlato, ha risposto, e la sua risposta è la Croce di Cristo: una Parola che è amore, misericordia, perdono».

+ Vincenzo Bertolone

< Precedente   Prossimo >