Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow News arrow Articoli di Stampa arrow Pesche e Nettarine di Sibari
Skip to content
Pesche e Nettarine di Sibari PDF Stampa E-mail
Scritto da L.Guerrieri   
mercoledý, 16 aprile 2014 06:52
Cassano – L’idea messa in campo circa un anno fa si è rivelata vincente facendo registrare un incremento nelle vendite del prodotto distribuito attraverso le principali catene di distribuzioni nazionali ed europee,di oltre il 30%. Stiamo parlando del progettoche ha dato vita al Consorzio  per la valorizzazione di Pesche e Nettarine made in Calabria. L’Organismo associativo, costituito da 6 organizzazioni di produttori calabresi, può contare su una superficie di circa 3 mila ettari. La mission del consorzio punta a consolidare innanzitutto il trend positivo conseguito in questo primo anno di vita e quindi l’immagine positiva delle pesche e delle nettarine sui mercati nazionali ed internazionali nel settore della frutta fresca e trasformata. Ma punta anche all’acquisizione del marchio IGP- Indicazione geografica Protetta per questi due prodotti agricoli di eccellenza, che insieme a quelli agrumicoli, rappresentano uno dei comparti trainanti dell’economia calabrese, e che ha nel 70% delle aziende agricole della Piana di Sibari, il suo fulcro produttivo. Il Consorzio è stato presentato alla stampa, a produttori ortofrutticoli della  Sibaritide, ad amministratori locali, tra cui il sindaco di Cassano Allo Ionio, Gianni Papasso e di Altomonte, Gianpiero Coppola, nel corso di una conferenza promozionale svoltasi nella sala convegni della società “Campoverde” di località “Ciparsia” di Castrovillari.

Dopo i saluti di rito, ha relazionatoil presidente del consorzio Antonio Schiavelli. Sono seguiti gli interventi di  Alessandro Zanfino, membro dell’ente gestore dei PSR Calabria 2007-2013; Adriano Antinelli , esperto di Sviluppo Rurale; Giuseppe Zimbalatti, Dirigente Generale Dipartimento Agricoltura Regione Calabria. Ha concluso l’assessore  regionale all’agricoltura Michele Trematerra. Dal ricco dibattito è emersa chiara la road mapp tracciata nel progetto obiettivo del Consorzio che è stata distinta in due momenti. La prima fase del progetto, è stato spiegato, ha curato la valorizzazione multidimensionale del prodotto.

Sono stati creati a tal riguardo, un marchio e un packaging per conferire riconoscibilità fisica al consorzio e facilitare l’individuazione fisica dei prodotti da parte del consumatore. Nella seconda fase invece, si punta  al rapporto col mercato e col consumatore finale in maniera continuativa e non occasionale. Per tale ragione, parallelamente alle attività di promozione e pubblicità, è stato ricordato, il Consorzio ha prodotto una domanda di riconoscimento per IGP di pesche e nettarine di Calabria; così come ha in corso di registrazione presso l’Ufficio della Commissione della Comunità Europea ad Alicante, un marchio collettivo-geografico. “Il settore primario,ha dichiarato Michele Trematerra, Assessore regionale all’Agricoltura, rappresenta per la Regione Calabria, tra le prime otto regioni italiane produttrici, uno dei comparti di maggiore rilevanza in termini d’importanza e di ricchezza di eccellenze agroalimentari”.

Leonardo Guerrieri - Ora di Calabria

< Precedente   Prossimo >