Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow Amici,fatti, curiositÓ arrow La dott.ssa Luppino ci ha lasciato
Skip to content
La dott.ssa Luppino ci ha lasciato PDF Stampa E-mail
Scritto da Staff.redazione   
domenica, 13 aprile 2014 07:45
Image
La dottssa Silvana Luppino
Ieri intorno a mezzogiorno in quel di Rogliano, la dott.ssa Silvana Luppino da oltre 35 anni direttrice del Museo Archeologico Nazionale di Sibari ha lasciato il mondo terreno. La ferale e improvvisa notizia ha colpito tutti coloro che la conoscevano e stimavano come professionista seria e integerrima e certamente lascia un notevole vuoto nella struttura museale che ha visto nascere, tanto da poterla definire una sua creatura. L’abbiamo vista nei tristi giorni dell’alluvione prodigarsi nel tentativo di fare il possibile per poter prosciugare l’acqua che aveva inondato gli scavi archeologici del Parco del Cavallo e affannarsi nello spiegare ai numerosissimi politici, che in quell’occasione visitavano il sito, le varie problematiche da affrontare per riportare alla normale fruibilità quello che era stato il suo campo di lavoro. Lavoro che le aveva dato molte soddisfazioni ma anche tantissime amarezze. Non sempre sono state condivise le sue idee sulla gestione dell’archeologia di Sibari, ma ella ha sempre tenuto conto dei punti di vista alternativi rispettando, però, in modo ferreo le normative e le leggi dello stato.
(in coda alcuni comunicati stampa)

Nella storia dell’archeologia della Sibaritide il suo nome resterà certamente impresso in maniera rilevante, insieme a quello del suo predecessore il prof. Piergiovanni Guzzo, per le sue indubbie capacità amministrative e la sua notevole sensibilità umana.  Chi verrà dopo di lei avrà modo di apprezzare e di approfittare del suo notevole lavoro svolto sia nel campo della ricerca che in quello organizzativo. Ai suoi familiari esprimiamo con profonda amarezza il cordoglio della redazione di sibari.info.  Le sia lieve il Viaggio.

La redazione

 

Dichiarazione del consigliere regionale Gianluca Gallo

in ordine alla premature scomparsa della dottoressa Silvana Luppino

«La notizia della morte della dottoressa Silvana Luppino ci ha colti di sorpresa, provocando in tutti un profondo dolore. Nei miei 8 anni da sindaco di Cassano, ancor prima da semplice cittadino e da ultimo da rappresentante delle istituzioni regionali, avevo avuto modo di imparare a conoscerla, apprezzarla, stimarla. Donna di grandi capacità, munita d’un invidiabile bagaglio culturale, ferma nelle sue convinzioni, ha contribuito in maniera determinante, negli ultimi 40 anni, alla tutela e salvaguardia di Sibari e della Sibaritide. Molte volte le sue richieste, i suoi appelli sono rimasti – in qualche occasione colpevolmente – inascoltati. Per renderle davvero omaggio, e per non disperderne la memoria, è forse proprio questo, al di là delle pur sentite e sincere dichiarazioni di cordoglio, l’impegno da assumere: continuare la sua battaglia per Sibari. Lei stessa, probabilmente, non avrebbe voluto far altro che ciò, se la vita le avesse consentito di tenere ancora aperta la sua parentesi terrena».

Reggio Calabria, addì 13 aprile 2014  

 

Segreteria politica

Consigliere regionale Gianluca Gallo

 

 

IL DISPIACERE DEL SINDACO PAPASSO PER LA PREMATURA DIPARTITA DELLA DIRETTRICE DEL MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DELLA SIBARITIDE E DEGLI SCAVI DI SIBARI

La notizia della morte della Dott.ssa Silvana Luppino, Direttrice del Museo Nazionale e degli Scavi Archeologici di Sibari, mi ha particolarmente addolorato e commosso.
Conoscevo da anni la Dott.ssa Luppino, il suo garbo, la sua cortesia, la sua immensa cultura e, in maniera particolare, la passione e l’amore infinito per l’Area Archeologica di Sibari.
Negli ultimi tempi i nostri rapporti, per ovvi motivi, erano divenuti più intensi
ed ancor più improntati al reciproco rispetto ed alla profonda stima.
Posso testimoniare, soprattutto, il suo grandissimo dolore per la disastrosa inondazione del Crati, che ha deturpato quel sito Archeologico di Sibari, al quale ella ha dedicato l’intera vita.
Tutte le personalità che ho avuto modo di accompagnare, nelle loro visite agli Scavi di Sibari, sono rimaste particolarmente colpite dalla professionalità e, nello stesso tempo, dalla passione e dal garbo della Direttrice.
Tutti, prima di andar via, hanno commentato: “questa Signora ama veramente Sibari!”
Con lei va via, troppo presto, una parte importante della storia recente di Sibari
Mancherà a quanti l’hanno conosciuta, apprezzata e stimata.
Mancherà a questa terra, che della sua opera si è avvalsa per così tanto tempo.
Resta il grande rammarico di non potere, insieme a lei, continuare a lavorare in favore del Sito di Sibari, per realizzare il sogno di riportare il “suo” Parco Archeologico agli antichi splendori.

IL SINDACO
Giovanni Papasso

 

< Precedente   Prossimo >