Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow Amici,fatti, curiositÓ arrow Studenti napoletani visitano la sibaritide
Skip to content
Studenti napoletani visitano la sibaritide PDF Stampa E-mail
Scritto da A.M.Cavallaro   
mercoledý, 09 aprile 2014 08:09
Image
Gli studenti ai Laghi di Sibari
Dal 1° al 4 aprile un nutrito gruppo di ragazzi di terza media guidato da nove insegnanti, hanno visitato le nostre contrade fermandosi a Sibari, Rossano, Cosenza, Morano, Frascineto e Civita. I circa 100 giovanissimi provenienti dall’Istituto Comprensivo Statale “Savio-Alfieri” di Napoli, hanno dimostrato grande interesse per le località visitate facendo spesso domande pertinenti e comportandosi in modo corretto e cameratesco.  Le  guide, fornite dalla Sybaris Tour,  che hanno condotto i ragazzi durante tutti e quattro i giorni del soggiorno, sono rimaste positivamente colpite dall’educazione e dall’attenzione con cui i ragazzi hanno ascoltato le loro spiegazioni.
(Cliccare sulla foto per ingrandirla)

Nel  Museo di Sibari le curiosità dei giovani studenti si sono accentrate maggiormente sulla storia dell’atleta Kleombrotos  vincitore di un’olimpiade nel V° sec. a.C., a Rossano hanno ascoltato affascinati la storia della Madonna Achiropita legata a quella di un bambino sordomuto, a Civita e Frascineto davanti ai colori brillanti delle icone custodite nelle rispettive chiese di rito greco-bizantino hanno ascoltato con grande interesse la storia della diaspora del popolo albanese, a Morano si sono tuffati con entusiasmo nelle belle sale del Centro Naturalistico “Il Nibbio” dove hanno potuto ammirare e comprendere la vita degli animali che vivono sulla catena del Pollino, a Cosenza davanti alla magnifica cattedrale del XIII° sec. hanno ascoltato incantati la triste storia di Enrico VII figlio sfortunato dell’imperatore Federico II  e poi hanno degustato le delizie dell’antica pasticceria del Gran Caffè Renzelli presente da ben  210 anni nel centro storico di Cosenza e dove si fermarono i due eroici fratelli Bandiera a sorbire l’ultimo caffè prima di essere condotti nel vallone di Rovito per essere fucilati. 

Hanno ascoltato a volte frementi di commozione e a volte sorridendo le  storie, i miti, le leggende della nostra terra di Calabria. A un certo punto proprio a Cosenza, mentre il gruppo si concedeva qualche minuto di riposo nella splendida “Villa Comunale”, uno dei ragazzi si avvicinava ad una della guide (il più anziano) e gli diceva: ”Complimenti, sapete, ho capito tutto quello che avete detto, non avete sbagliato neanche una parola”.

Il professionista che in tanti anni ne ha sentite di cotte e di crude ci ha raccontato che in tutta la sua lunga (trentennale) carriera di guida turistica  mai complimento è stato schietto, sincero e, nella sua semplicità, onesto più di quello. Un ringraziamento sincero e una nota di ammirazione va agli insegnanti che hanno condotto il gruppo, il merito di una condotta così disciplinata e attenta da parte dei ragazzi va certamente a loro e ai colleghi rimasti a Napoli. Ringraziamo il comitato scolastico per aver scelto il nord-est della nostra regione e ci auguriamo che i ragazzi, una volta adulti, ritornino nelle nostre contrade magari per una bella vacanza al mare o fra le nostre montagne.

Antonio Michele Cavallaro - direttore tecnico della Sybaris Tour - viaggi e turismo

 

Image
Gli insegnanti con le due guide agli scavi archeologici

per altre foto cliccare quì

< Precedente   Prossimo >