Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow Ambiente e salute arrow Tornano i fenicotteri a Sibari
Skip to content
Tornano i fenicotteri a Sibari PDF Stampa E-mail
Scritto da M.Petroni   
venerdý, 31 maggio 2013 09:17
ImageTRE FENICOTTERI FANNO BELLA MOSTRA NELLA RISERVA NATURALE DELLA FOCE DEL CRATI - Avvistati tre Fenicotteri rosa (Phoenicopterus roseus) nell’area della Foce del Crati. Ne ha dato comunicazione la dirigenza dell’associazione Amici della Terra. La scoperta è avvenuta nell’ambito delle attività di monitoraggio dell’avifauna selvatica, curata dal personale dell’Ente gestore delle Riserve naturali regionali del Lago di Tarsia e della Foce del Crati, per rilevare le specie presenti nell’arco dell’anno, migratori, ospiti, stanziali e il relativo status di conservazione e di riproduzione, per le specie nidificanti. L’attività di monitoraggio e avvistamento, che avviene con strumenti ottici professionali ad una distanza tale da non arrecare disturbo agli animali, ha permesso di verificare come uno di essi fosse munito di anelli posizionati sulla zampa sinistra, riconducibili ad attività di inanellamento che viene effettuata a scopo di ricerca scientifica e conservazione delle specie di avifauna selvatica. Infatti, molte specie di uccelli, in questo caso una specie di grosse dimensioni, vengono inanellati con anelli colorati che riportano un codice alfanumerico che permette di identificarli a distanza proprio per favorire le attività di censimento e raccolta dati sugli spostamenti migratori e sul tasso di sopravvivenza degli animali.

In Italia l’attività di inanellamento avviene con la supervisione dell’ISPRA- Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, che si occupa anche dell’analisi, della gestione e dell’archiviazione dei dati raccolti. Nel caso del Fenicottero avvistato nell’area della Foce del Crati, il codice riportato sull’anello corrispondente alla dicitura MTBD, fa risalire, dalle informazioni raccolte dal personale del Servizio Conservazione dell’Ente gestore delle Riserve, ad un’operazione di inanellamento effettuata nel Parco Naturale Regionale Molentargius Saline in Sardegna. Il Parco del Molentargius, per le sue caratteristiche naturalistiche, contraddistinte da zone umide con bacini di acqua sia dolce che salmastra e le vasche dell’ex sistema delle saline di Stato di Cagliari, ospita numerose specie di uccelli acquatici tra i quali spicca la presenza del Fenicottero rosa, che nell’area delle saline trova il suo habitat ideale con numerose colonie nidificanti. La Foce del fiume Crati rappresenta la più interessante area di transizione della ns. Regione, un ambiente particolare dove si realizza la confluenza tra terra e mare ed il mescolamento delle acque dolci con quelle salate, dando vita ad una diversità di habitat. Punto di sosta e di approvvigionamento trofico per molti uccelli acquatici migratori, oltre che sito di nidificazione per molte specie. Le informazioni raccolte, supportate dal materiale fotografico, sono state inviate all’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale che, oltre alla raccolta e alla validazione dei dati sul territorio nazionale, segue la dinamica della popolazione europea di questa specie.

Mimmo Petroni

< Precedente   Prossimo >