Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow Storie Miti e Leggende arrow La cura del Crati nel '700
Skip to content
La cura del Crati nel '700 PDF Stampa E-mail
Scritto da A.M.Cavallaro   
mercoledý, 24 aprile 2013 18:50
ImageDopo le immagini che sono state mandate in onda della nostra Sibari durante il programma di Rai-Uno Linea Verde, di cui abbiamo già scritto in altra parte del sito, abbiamo ricevuto molte telefonate ed e-mails di amici, turisti, nostri concittadini “estivi”, allarmati dalle “catastrofiche” visioni offerte dalla televisione di Stato. Abbiamo faticato non poco per tranquillizzare coloro che si accingono a venire per la prima volta dalle nostre parti, ma anche molti dei proprietari di alloggi e villette a Marina e Laghi di Sibari. Finalmente tutti hanno capito che l’esondazione del Crati è stata causata dall’incuria e dalle piantagioni agrumicole all’interno dell’alveo (cosa  che da questo sito avevamo già denunciato da 5 anni a questa parte) e abbiamo pensato di far conoscere ai nostri lettori come invece veniva “custodito” il nostro fiume più grande nel  XVIII sec., quando l’intera piana era proprietà dei duchi Serra di Cassano e dei Nobili Compagna di Corigliano. (Cliccare sulla foto per ingrandire)

Tra gli  innumerevoli documenti che avevamo a suo tempo recuperato nell’archivio della Famiglia Serra a Napoli abbiamo anche alcune mappe che riportano  gli “INFASCINATI” con i quali si proteggevano e rinforzavano gli argini. Questi infascinati erano formati da fascine di rami che venivano strettamente fissate le une sulle altre per mezzo di palificazioni ai bordi degli argini, e man mano che venivano sistemate,  si  riempivano gli interstizi  di pietrisco e di fango argilloso che una volta indurito diveniva impermeabile. Queste protezioni venivano controllate spesso e rinforzate ogni qualvolta ce n’era necessità.  La cartina che vi presentiamo è stata recuperata e fotografata in quell’autentico “pozzo senza fondo” d’informazioni,  mai sufficientemente “esplorato”, che è  l’archivio Serra di Napoli.  Aprire uno qualsiasi di quei brogliacci o faldoni , significa immergersi in quella che è la VERA storia non solo di Cassano, ma dell’intero territorio della piana di Sibari.

La pianta del Crati, che potete ammirare,  ha un formato molto grande e non riusciamo, sul web, a mostrarla ben visibile in tutti i particolari e probabilmente non si riusciranno a leggere bene le annotazioni, comunque, chi guarda, ha certamente un’idea dell’attenzione che i nostri predecessori riservavano al “biondo” Crati.

Nell’intestazione così è scritto:

Pianta del Fiume Crati nel territorio della Contrada detta di Martino, a norma degli ordini delle Eccellentissime Signore Duchesse di Corigliano e di Cassano.

Il documento è un Duplicato ed è firmato dai Regi Agrimensori  Pasquale Scorzafave e Vincenzo Ciardulo, mentre l’originale deve essere stato realizzato da, un non meglio identificato, Gianbattista Guarnone in epoca precedente. Non è riportata datazione alcuna, ma all’archivio il documento si trova in un faldone dove vi sono altri reperti di metà del settecento.

Antonio Michele Cavallaro

< Precedente   Prossimo >