Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow Amici,fatti, curiositÓ arrow Innovazione? L'Italia Ŕ cenerentola
Skip to content
Innovazione? L'Italia Ŕ cenerentola PDF Stampa E-mail
Scritto da administrator   
mercoledý, 13 febbraio 2013 08:18

ImageNon è piazzata benissimo l’Italia, nella classifica dei 50 paesi più innovativi del mondo che il gigante dell'analisi e informazione finanziaria Bloomberg ha da poco pubblicato e che vede al primo posto gli Stati Uniti. Il Belpaese si attesta infatti su un modesto 24° posto, preceduto da praticamente quasi tutti i paesi dell’Europa occidentale. Che cosa ci rende così poco innovativi, perlomeno in relazione a paesi vicini e simili al nostro? Per stilare il Most Innovative Countries Ranking, Bloomberg ha considerato 200 paesi e li ha analizzati in base a 7 parametri indicativi del grado di innovazione: ne è risultata una lista di 96 nazioni, quelle per cui è stato possibile recuperare dati sufficienti in almeno 5 degli ambiti analizzati. Il posizionamento in classifica di ogni paese è dato poi dalla media del punteggio conseguito nei 7 parametri:

1. intensità di ricerca e sviluppo in rapporto al Pil;
2. produttività, cioè Pil per occupato per ora lavorata;
3. densità di aziende innovative, cioè la percentuale di aziende che operano in comparti quali aerospaziale, difesa, biotecnologie, software e servizi internet, energie rinnovabili, hardware e software;
4. il numero di ricercatori per ogni milione di abitanti;
5. la capacità di produzione industriale, in rapporto al Pil, di prodotti che richiedono un alto livello di ricerca e sviluppo;

6. il livello di studi della forza lavoro, cioè la percentuale di iscrizioni all’università, la percentuale di laureati in materie scientifiche e ingegneria e la percentuale di laureati sul totale della forza lavoro;
7. attività di brevettazione, cioè richieste di brevetto per milione di abitanti e per milione di dollari spesi in ricerca e sviluppo.

Al primo posto del ranking, quindi, gli Stati Uniti, che hanno un punteggio molto alto in ricerca e sviluppo, produttività e densità di aziende innovative; seguono la Corea del Sud, che si posiziona nella top ten in quasi tutti i parametri, escluso quello della produttività, e la Germania, forte nel numero di aziende innovative, nella produttività, nei brevetti e nella ricerca e sviluppo.

L’Italia si posiziona prima di Portogallo (25°), Ungheria (26°), Spagna (27°) e Polonia (30°), ma dopo tutti gli altri paesi dell’Europa occidentale, e più in basso di Slovenia e Repubblica Ceca, rispettivamente al 19° e 23° posto.

Il Belpaese non è fra le prime 10 posizioni in nessuno dei parametri considerati come indice di innovazione: quello dove si classifica meglio, al 19° posto, è la produttività. L’Italia è poi 22° per densità di aziende innovative e 25° per attività di brevettazione, ma il posizionamento peggiora quando si parla di ricerca e sviluppo, per il quale siamo 28° e, parallelamente, per numero di ricercatori, per il quale occupiamo il 34° posto. Gli ultimi due parametri si deducono da quelli precedenti: se in Italia si fa poca ricerca e ci sono pochi ricercatori, la capacità di produzione industriale di prodotti innovativi non potrà essere da record, e infatti siamo 36°. Drammatico, infine, il posto che l’Italia occupa, fra i 96 paesi del mondo considerati, per il livello di istruzione della sua forza lavoro: 56%, fuori persino dalla top 50.

Ultimo nella carrellata dei 50 paesi più innovativi è il Sudafrica, che si piazza dopo l’Iran, classificato al 47° posto. Per quanto riguarda gli altri BRICS, la Russia è 14°, la Cina 29° e il Brasile non è invece entrato nella top 50.

fonte:  eventreport.it

< Precedente   Prossimo >