Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow Amici,fatti, curiositÓ arrow A Berlusconi il naso di Pinocchio
Skip to content
A Berlusconi il naso di Pinocchio PDF Stampa E-mail
Scritto da administrator   
domenica, 13 gennaio 2013 18:57

ImageIl  noto quotidiano statunitense “Washington Post”   ha, da diversi anni, una rubrica che s’intitola “The Fact Checker” , (potremmo tradurre un po’ liberamente il “verificatore dei fatti”) e che, come simbolo o logo ha una testa del notissimo racconta-frottole Pinocchio (nota a margine: Pinocchio è il libro italiano più conosciuto in America) . In questa rubrica giornaliera vengono riportate e commentate, anche salacemente a volte, le bufale o panzane o fanfaluche o frottole che vengono sparate da note personalità sia del mondo politico che di altri settori del variegato universo americano. Noi della redazione di sibari.info abbiamo pensato di creare una sezione nella quale segnalare le “balle” che si sentono spesso in TV o lette sulle pagine dei giornali.  Anzi  invitiamo a collaborare tutti coloro che lo desiderano,  segnalandoci  le falsità che vengono propinate al  pubblico soprattutto in questo periodo di campagna elettorale dai politici “faciloni” e “tuttologi” che concorrono per un posto al parlamento. Ovviamente noi verificheremo e pubblicheremo di volta in volta quanto segnalato lasciando nell’anonimato (se desiderato) gli “accusatori”.

La panzana  che ci è stata segnalata da un nostro fedele web-nauta  è stata  detta da Berlusconi , il quale, durante la nota trasmissione televisiva di Bruno Vespa  “Porta a Porta”, ha affermato  che il debito italiano non è come si crede sopra il 120% del prodotto interno lordo ma addirittura sotto il 100%. Quindi la situazione del debito sarebbe tranquilla e non è affatto necessario tagliare la spesa o aumentare le tasse perché il livello è accettabile. Berlusconi, che è stato primo ministro ed ora aspira ad essere ministro dell’economia , dà questa spiegazione:  Il nostro prodotto interno non comprende il sommerso, cioè l’economia in nero, e, quindi, è sottostimato . Se si aggiungesse il valore del sommerso al prodotto interno lordo (PIL) verrebbe fuori un risultato pari al !00%. Berlusconi ha affermato  inoltre  che ha cercato di farlo capire in Europa ma la testarda della Merkel non ne ha voluto sapere e quindi all’Italia sono stati imposti sacrifici “illegittimi”.

L’affermazione di Berlusconi è una BUFALA!!!!

L’istat, l’Istituto Centrale di Statistica, che cura la contabilità nazionale ai fini statistici in raccordo con le autorità europee, sin dal 1987, provvede ad includere il sommerso quando stima il nostro Pil. Luca Ricolfi giornalista  della Stampa, si chiede come mai nessuno dei suoi consiglieri non provvede ad avvisarlo che continua ad affermare una falsità?

Per il momento il naso di Pinocchio lo assegniamo all’immarcescibile e recidivo Berlusconi. Se non siete d’accordo fatecelo sapere e, ci raccomandiamo,  segnalateci altre panzane.

La redazione

 

(Clicchi quì sopra chi vuole visitare la pagina web  del  “Washington Post”)
< Precedente   Prossimo >