Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow Spirito e Fede arrow L'impegno della diocesi per i terremotati
Skip to content
L'impegno della diocesi per i terremotati PDF Stampa E-mail
Scritto da administrator   
giovedý, 03 gennaio 2013 06:37
Image
mons. Nunzio Galantino
Mormanno: la Diocesi avvia i lavori di consolida- mento dei locali ospitanti attività commerciali. - Interessati dagli interventi anche il seminario estivo e la cappella di Santa Maria degli Angeli - Intanto ha aperto i battenti in paese il centro di ascolto della Caritas diocesana. Presenza, preghiera, lavoro.  È ispirata a queste tre linee guida la missione della Chiesa cassanese nei territorio colpiti dal sisma, al confine tra Calabria e Basilicata. Come annunciato sin dai primi di dicembre, nel giorno di Capodanno il vescovo della Diocesi di Cassano all’Jonio, monsignor Nunzio Galantino, nel pomeriggio ha celebrato messa a Laino Borgo, in locali messi a disposizione dal Comune, prima di recarsi in visita alla casa di riposo per anziani, facendo successivamente tappa a Mormanno, per lo scambio degli auguri all’interno della tendostruttura allestita dalla Protezione Civile per ospitare attività comunitarie e di animazione.

«Avvertiamo come nostro dovere – ha commentato monsignor Galantino a margine dell’incontro, nel corso di un’intervista rilasciata al Tg3 Calabria – richiamare la continua e costante attenzione delle istituzioni e dell’intera opinione pubblica nazionale su quello che appare essere un terremoto dimenticato. Per questo continueremo a profondere il massimo impegno per stare vicini alle popolazioni, tentare di alleviare la sofferenza di tanti fratelli e sorelle, condividerne il peso».

Obiettivi che la diocesi ionica è impegnata a tradurre in concretezza anzitutto attraverso la preghiera e la predisposizione di servizi ed attività che consentano il normale prosieguo delle attività di culto, nonostante la chiusura per inagibilità di gran parte delle chiese del comprensorio. Inoltre, attraverso i fondi dell’otto per mille, messi a disposizione della Cei su richiesta di monsignor Galantino, si sta procedendo alla programmazione e realizzazione di opere materiali di non poco conto. Sono già a buon punto, ad esempio, gli interventi consolidamento dell’immobile di proprietà della Diocesi che al piano terra ospitava 8 esercizi commerciali, oggi con le saracinesche abbassate per inagibilità dell’edificio: la conclusione dei lavori è prevista per la metà del mese. Identica la tempistica prevista per l’avvio della messa in sicurezza di parte del seminario estivo danneggiata dal sisma e della cappella adiacente la chiesa di santa Maria degli Angeli. Inoltre, ha aperto i battenti il centro di ascolto Caritas, aperto ogni giorno (dal lunedì al venerdì) dalle 10 alle 12, per raccogliere istanze e richieste d’aiuto, ma pure per favorire l’accompagnamento al lavoro e l’attuazione del progetto di assistenza psicologica, per il quale gli esperti avvieranno percorsi formativi per i professionisti ed i volontari locali, mentre si è già proceduto alla mappatura del territorio per individuare le priorità e verificare bisogni ed esigenze in primis di anziani, ammalati e bambini. «Uniamoci, affidiamo il nostro impegno e il nostro territorio a Maria Santissima», conclude monsignor Galantino. «Sono certo che, con l’aiuto del buon Dio, potremo uscire da questa prova più rafforzati».
Cassano allo Ionio, 2 gennaio 2013

Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali
Il direttore
Don Alessio De Stefano

< Precedente   Prossimo >