Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow Amici,fatti, curiositÓ arrow il prof. Luigi Imperio ci ha lasciato
Skip to content
il prof. Luigi Imperio ci ha lasciato PDF Stampa E-mail
Scritto da administrator   
domenica, 28 ottobre 2012 19:28
ImageQuesta domenica 28 ottobre del 2012, difficilmente potrà essere da me dimenticata, perché un carissimo amico da oggi non è più. Stamane, poco dopo essersi alzato dal letto, il prof. Luigi Imperio è stato colto da un improvviso malore che non gli ha lasciato scampo. Doveva essere una giornata di festa, la squadretta di calcio nella quale milita uno dei suoi nipoti aveva in programma la prima partita del campionato di 3.a categoria ed eravamo rimasti d’accordo che ci saremmo sentiti in mattinata per stabilire l’appuntamento per il pomeriggio. Lo avrei certamente chiamato, ma prima che lo potessi fare, un comune amico mi dava la ferale notizia. Così ancora un’altra persona, a me particolarmente cara, lascia il mondo terreno per intraprendere il cammino senza ritorno verso il luogo della Beatitudine, che per la nostra comune Fede, toccherà a coloro che hanno vissuto nella bontà e nell’amore verso il prossimo, secondo l’insegnamento del Divin Maestro.

Luigi, o meglio il prof. Imperio come da tutti era chiamato con profonda stima e rispetto, durante tutta la sua vita  ha distribuito a piene mani i doni che il Signore abbondantemente gli aveva elargito: pazienza, carità, modestia, dolcezza, rispetto, alto senso del dovere, nella scuola primaria dove per lunghi anni aveva insegnato, nella famiglia, nella cerchia dei suoi innumerevoli amici. Tra questi ho avuto il piacere e l’onore di essere annoverato anche io e sarà molto difficile per me, passare, come spesso facevo, dal solito bar dove si facevano due chiacchiere commentando i quotidiani e sorbendo insieme la mattutina tazza di caffè.

Caro amico tu non ci sarai più ad accogliermi col solito gioviale sorriso, quel caffè non avrà più lo stesso aroma, non ci sarà zucchero sufficiente per addolcire quella tazzina e l’amarezza che mi stringerà il cuore. L’unica mia speranza è che questo mesto addio possa tramutarsi in un arrivederci, se l’Altissimo vorrà concedermi di poterti abbracciare quando giungerà anche per me il momento di affrontare l’estremo viaggio.

Tonino Cavallaro

(I funerali si svolgeranno domani 29 ottobre alle 15,30 in Lauropoli) 

 

< Precedente   Prossimo >