Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow l'Opinione arrow Lettera aperta ai candidati a sindaco
Skip to content
Lettera aperta ai candidati a sindaco PDF Stampa E-mail
Scritto da E.Vocaturi   
giovedý, 03 maggio 2012 07:07
Image
La famigerata antenna
UNA LOTTA CHE CONTINUA - Lettera aperta per i cinque candidati a sindaco del comune di Cassano allo Ionio: Rosella Garofalo, Luca Iacobini, Giuseppe Cimino, Gianni Papasso, Mimmo Lione.

Non sembra possibile e pure lo è, ero solo una ragazzina che frequentava le scuole medie di Sibari quando si è avviata la battaglia contro l’antenna installata in via Plutarco di Sibari, l’antenna dimenticata, una battaglia in cui tutti credevamo fermamente. Oggi molti di quei ragazzi che manifestavano contro questo disagio sono divenuti maggiorenni, qualcuno di loro è anche riuscito a dimenticare  ma io che mi sono trovata sempre in prima fila non ho dimenticato, anzi ogni volta che mi trovo di passaggio do un’occhiata sul punto dove è collocata l’antenna e rifletto su come sia ammissibile che ancora oggi sia posizionata in quel luogo, eppure esistono ordinanze emesse dal Comune di Cassano Ionio se non dalla Procura di Castrovillari, così i miei pensieri si concludono ripetendo ancora una volta, ha vinto l’illegalità che regna sovrana sul nostro territorio posto ormai nel dimenticatoio da qualsiasi autorità. (Nella foto l'antenna durante lavori di manutenzione)
Il mio messaggio oggi vuole essere rivolto non solo al ricordo delle battaglie sostenute ma vuole essere soprattutto un rinnovo forte di questi ideali che ancora oggi qualcuno custodisce nel proprio essere, ideali rivolti alla difesa dell’ambiente e della vita degli individui che lo abitano. Le nostre idee saranno portate avanti a costo di subire processi ed essere rinchiusi nelle galere più nascoste di questo pianeta, perché con la vita umana non si può scherzare.
Image
Sibari Centro:veduta aerea
Il 6/7 giugno del 2009 i candidati a sindaco erano quattro e i concorrenti per le poltrone di consigliere erano 282, a conclusione del mandato nulla di fatto.
Oggi 6/7 maggio 2012 i candidati a sindaco sono aumentati a cinque e per ricoprire la carica di consigliere concorrono 298 candidati, che vinca il migliore.
Sono la portavoce dei ragazzi dell’antenna, Elena Vocaturi, vi ricordo che siamo sempre presenti col cuore e con la mente perché i problemi di Sibari sono i nostri problemi e li viviamo ogni giorno condividendoli con tutta la popolazione che ormai vive stremata e che non riesce più a digerire tutte le ingiustizie che gli vengono inflitte e che nessuno paga.
Voglio ricordare al futuro sindaco e al consiglio tutto, costituito da persone che occupano poltrone che non servono solo per sedersi sopra ma sono poltrone riservate ad individui che devono tenere a cuore il destino di questo comune,  per tanto chiedo anticipatamente a queste persone di risvegliare il caso antenna, cercando di risolvere definitivamente il problema, approvando dei piani per individuare la collocazione di questi ripetitori e dunque i loro trasferimenti.
Chiedo, inoltre, di compiere un monitoraggio per caratterizzare le zone dove sono ubicati fabbricati con coperture a base di amianto, programmando una eventuale bonifica poiché le particelle di questo elemento che vengono disperse nell’aria hanno effetti deleteri per chiunque ne venga a contatto.
Sulle ferriti di zinco mettiamo un punto interrogativo, si è parlato che i siti contaminati siano stati bonificati, non sappiamo se crederci. Ancora oggi gridiamo a queste sciagure, qui si muore per patologie tumorali, leucemie, rompiamo questo silenzio, la vita è un dono di Dio amiamola, tuteliamola, difendiamola.
Bisogna quindi promuovere azioni di prevenzione contro questi episodi drammatici che dovrebbero limitarsi al minimo ma che invece osserviamo inermi alla loro moltiplicazione senza fine.
Non ho voglia di fare polemica in questi ultimi giorni di campagna elettorale ma è stato consegnato a casa mia un opuscoletto del nostro amato Sindaco ed Onorevole Gianluca Gallo al cui interno sono riportate bellissime foto di opere realizzate.
Il titolo dice tutto, gli anni del buon governo, però on. Gallo si è dimenticato di mettere la foto dell’antenna di via Plutarco di Sibari, quello era un simbolo da citare, un ricordo lasciato a Sibari da Lei.
Un altro buon ricordo lo ha lasciato con tutte le strutture in miniatura realizzate  sul comprensorio di Sibari, forse onorevole nei sui pensieri crede che qui ci vivono mezze persone, questa è un’offesa grave per le nostre intelligenze.
Altro che anni di buon governo!

Sibari, 01/05/2012                                                                                      ELENA VOCATURI

< Precedente   Prossimo >