Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow Banche-Economia-Tasse arrow Matrimonio d'amore tra due BCC
Skip to content
Matrimonio d'amore tra due BCC PDF Stampa E-mail
Scritto da administrator   
lunedý, 14 marzo 2011 11:40
ImagePubblichiamo con grande piacere la nota inviataci dall'addetto stampa della BCC  MedioCrati di Cosenza dott. Bria, per mezzo della quale apprendiamo che la Banca di Credito Cooperativo della Sibaritide si integrerà con quella del MedioCrati. Come sappiamo tutti, la Banca di Spezzano Albanese era commissariata da tempo e si temeva addirittura per la sua sopravvivenza, attraverso questa fusione si evita il peggio e nella Sibaritide si potrà ancora fare affidamento sull'attività solidale di un istituto di credito "amico". Chissà se in tutto ciò non ci sia lo zampino del prossimo "beato" don Carlo De Cardona", fondatore di quasi tutte le Casse Rurali di buona memoria? E' giusto ricordare, anche in questa sede, che il prcocesso di beatificazione èstato avviato proprio dal nostro vescovo di Cassano mons. Bertolone. Ci auguriamo che sotto il benevolo e santo sguardo protettore del "De Cardona" anche la Banca dei Due Mari possa alla fine trovare la giusta via per risolvere i suoi problemi con dignità e con soluzioni come quella di cui stiamo scrivendo. Nella seconda parte trovate il comunicato stampa.

SOLIDARIETà ALLE COMUNITà DELLA SIBARITIDE - È ormai definito il processo di integrazione della BCC della Sibaritide nella BCC Mediocrati. Un fatto importante e significativo per il territorio e, più in generale, per l’economia calabrese.

“Il nostro intervento – dice il presidente della BCC Mediocrati, Nicola Paldino - rappresenta la volontà e l’attenzione dell’intero movimento del Credito Cooperativo a sostenere il valore del localismo bancario confermando, sul territorio, la bontà di una esperienza fondamentale a vantaggio di famiglie e imprese”.

Il processo di incorporazione rientra a pieno titolo nei percorsi organizzativi propri del Credito Cooperativo nel momento in cui evidenze di mercato e situazioni contingenti – aggravate anche dalla crisi economica – rendono necessarie la ricerca di soluzioni idonee a salvaguardare un autentico patrimonio collettivo, quale è una banca cooperativa.

“L’intervento della BCC Mediocrati si realizza in uno spirito di profonda solidarietà – prosegue il presidente Paldino - con l’obiettivo di tutelare occupazione e clientela di una istituzione finanziaria che ha radici storiche”.

È utile ricordare che le BCC calabresi rappresentano oggi le uniche vere banche locali presenti nel territorio regionale. Un sistema nato dall’apostolato di Don Carlo De Cardona costituito da 18 banche con 94 sportelli, che fino al 31.12.2010 hanno realizzato una raccolta diretta di € 2.436.052.870 (-0,41% rispetto a tutto il 2009) ed impieghi per € 1.810.965.301 (+5,70%).

Più in generale, il sistema delle BCC calabresi, basato su principi di solidarietà e sussidiarietà, è inserito nel più ampio sistema del Credito Cooperativo italiano.

Un sistema di 421 Banche e 4300 sportelli. Le BCC hanno – dati al 30.09.2010 – una raccolta diretta di 149,5 miliardi (cresciuti del 3,2% in un anno) e 133,4  miliardi di impieghi (cresciuti dell’8,3 per cento rispetto allo scorso anno).

E’ quindi un sistema sano, coeso, efficiente.

In più, grazie agli strumenti che il sistema si è dato, su tutti il Fondo di Garanzia dei Depositanti, mai nessun depositante ha perduto un euro a causa della crisi aziendale di una BCC. Segno di un’attenzione costante agli indicatori economici e, soprattutto, all’individuazione di soluzioni – come nel caso della integrazione della BCC della Sibaritide nella BCC Mediocrati – tese a garantire il bene primario del localismo bancario.

Con questo spirito si avvia una stagione nuova per l’economia dei nostri territori. Con uno strumento che sarà sempre attento a garantire la migliore allocazione del risparmio che, con tanta fatica e sacrifici, la nostra gente produce e chiede di tutelare e valorizzare.

 

Rende, 12 marzo 2011

< Precedente   Prossimo >