Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow Eventi arrow Le notti dello Statere
Skip to content
Le notti dello Statere PDF Stampa E-mail
Scritto da Pasquale Cersosimo   
mercoledý, 18 luglio 2007 19:15
m placido
M. Placido
Quest’anno sono iniziate con la presenza di Michele Placido  ‹‹Le notti dello statere››, la rassegna cinematografica organizzata dal Circolo Cinema Calabria, l’associazione che da qualche anno presenta al territorio chermesse di cinema e spettacoli di qualità. Questa è la terza edizione delle notti dello statere e questa volta, i cineasti del Cinema Calabria hanno voluto fare una cosa in grande. Il Michele nazionale arriva a Sibari nel tardo pomeriggio, dove si concede a giornalisti e fotografi nei salotti garbati del circolo velico di Sibari. A fare gli onori di casa il direttore artistico della manifestazione, Luca Iacobini, teso come una corda di violino ed attento, come sempre, a che ogni cosa vada come previsto, oltre che il Presidente del Circolo Velico Ing.Galli, il presidente della pro-loco Gaetano Serrago ed il sindaco della Città, Gianluca Gallo.

Placido si racconta e racconta del suo ultimo film, Romanzo Criminale, in rassegna a Sibari nel cartellone del festival, di com’è nato e del successo che ha avuto in Italia ed all’estero. Il film ispirato alla storia della Banda della Magnana, ed a tutti i suoi intrecci con mafia, camorra, ndrangheta e massoneria, ha riscosso infatti un notevole successo soprattutto all’estero. Un successo inaspettato, dice soddisfatto Placido, guardando già ai progetti per il futuro. “Saro qui con Giorgio Albertazzi” dice “ molto probabilmente vorremo fare qualcosa sull’antica Sibari”. La sa lunga, Michele Placido,  lui che ha più volte puntualizzato in conferenza che nella sua carriera non ci sono stati solo i film di cronaca, anche se, il suo successo televisivo è dipeso essenzialmente da fiction come La Piovra. Impegno politico, lo definisce, mirato a raccontare quello che succede in un determinato periodo storico. E’ un uomo che conosce bene la storia e la vuole raccontare nei suoi film. Lui è consapevole della propaganda che certi film hanno fatto all’intero sud ma sa anche che “sono altri i perché si va o non si va in un posto”. Un Michele Placido comunque attento anche alle nuove generazioni : “hanno più passione i ragazzi emergenti perché hanno voglia di affermarsi” riferendosi al cast del suo ultimo film. La serata procede e il regista si regala al pubblico nell’arena cinematografica dei laghi di Sibari dove la rassegna cinematografica ha inizio. Viene proiettato ”Romanzo Criminale” ispirato alla storia della Banda della Magliana, nome attribuito dal giornalismo italiano a quella che è considerata la più potente organizzazione criminale che abbia mai operato a Roma, cui vennero attribuiti legami con diversi tipi di organizzazioni quali Cosa nostra, Camorra, 'Ndrangheta, ma anche con esponenti del mondo della politica come Licio Gelli e Loggia P2, nonché estrema destra eversiva e servizi segreti. Alla fine del film, all’attore e regista è stato consegnato, da parte del Circolo Cinema Calabria, lo Statere d’argento  <<per una carriera radiosa, all’insegna dell’impegno civile>>  . Le notti dello statere continueranno nei prossimi giorni: martedì 17 luglio scorreranno le immagini del film “Ma che colpa abbiamo noi”, commentate dall’attore Paolo Sassanelli (volto noto della fiction “Un medico in famiglia”). Sabato 21 luglio, poi, gran finale: al parco archeologico di Sibari, sarà la volta di Enzo De Caro (già al fianco di Massimo Troisi nella Smorfia), che salirà sul palco per un concerto con i percussionisti ed i violinisti di “Antiquasaxa”, gruppo capeggiato da Marcello Colasurdo. Gli eventi inizieranno alle 21.

Fonte Calabria Ora - Pasquale Cersosimo

< Precedente   Prossimo >