Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow Amici,fatti, curiositÓ arrow Il Club delle Meraviglie
Skip to content
Il Club delle Meraviglie PDF Stampa E-mail
Scritto da L.Marino   
martedý, 10 novembre 2009 10:16
La storia, perché tale dev’essere considerata, racconta di un locale creato in un paese che balza spesso alle cronache per fatti Imagedelittuosi e vicende non certo lecite, e di due ragazzi che fanno di tutto per migliorare la cultura di chi vive in questo territorio. Il luogo d’ambientazione è quello di un paesino di un comune costituito da 17 mila anime, che pian piano a causa dell’incalzante disoccupazione, vede i suoi giovani emigrare verso mondi nuovi, dove c’è vita migliore e divertimenti vari. I protagonisti, lo dicevamo sopra, sono due ragazzi, stanchi di sopportare la fama poco lodevole del loro paese e di vivere in un luogo fatto di settimane noiose, vissute con l’ansia del sabato sera per migrare verso paesi limitrofi, alla ricerca della piacevolezza delle serate fatte di persone che si divertono e di nuove amicizie che si creano. 

Un paese di un comune segnato nel passato anche da belle storie, ambientate su un terreno che è stato calcato da uomini gloriosi che hanno costruito la storia del mediteranno, il paese della “magna grecia”, dove vivevano i pensatori più famosi e dove aleggiava la cultura del vivere bene, con la musica come elemento fondamentale, che faceva da contorno alle giornate passate tra i campi coltivati rigogliosamente e alle serate del candido riposo. Il paese è Lauropoli che insieme alla Magna Sibari, compone le frazioni del comune di Cassano allo Ionio, ed è qui che vivono i protagonisti. Dicevamo due giovani, nati con la voglia di divertirsi e che da sempre hanno fatto della musica la loro passione, proprio come gli antichi greci. Questi, un giorno stanchi del vivere quotidiano e della linearità delle loro giornate, decisero di creare qualcosa che nel loro paese non c’era.

Gianni Sarubbo
Gianni Sarubbo
Un posto in cui i propri concittadini potessero divertirsi senza uscire fuori dalle mura amiche. I loro nomi, perché è giusto farli, sono Gianni Sarubbo e Cristian Raul Vocaturi. Il primo è uno dei dj più rinominati della zona, con la sua musica “progressiva” e con un carattere buono e amichevole, l’altro è un ragazzo con voglia imprenditoriale, desideroso di fare divertire gli altri e di divertirsi. Così, ad un tratto, ispirati da una musa che sussurrava qualcosa alle loro orecchie, decisero di costruire la Chimera. Un posto unico nel suo genere, dove i ragazzi potessero divertirsi, circondati da bella musica e da un ambiente colorato e accogliente. Decretarono cosi di mettere in atto il loro progetto, con la consapevolezza che la sfida che stavano per affrontare, perché questo era, sarebbe stata ben ricompensata, non in senso economico, ma in termini di consensi.

La Chimera, prese cosi lentamente la sua forma. Gli elementi ambientali che la circondano sono quelli giusti, la zona dove si colloca è isolata, nella strada interpoderale che collega Lauropoli a Sibari, la presenza di un ampio parcheggio rende facile l’affluenza, senza contare la possibilità di fare piacevoli serate senza creare problemi, che per natura la musica del genere provoca, a chi oramai è meno propenso al divertimento. La Chimera ora è un luogo affermato, con una propria anima, anche se ancora c’è da lavorare per convogliare gente di altri paesi, dubbiosi e poco propensi ad avvicinarsi ad una realtà che è messa in risalto solo da fatti spiacevoli. Il luogo dove la Chimera vive, si diverte e affascina, è fatto di disegni bellissimi, nati dalla mano di una giovane del paese: Laura Stanziani, una ragazza dalle notevoli capacità artistiche, che ha reso i bianchi muri, un mosaico di figure meravigliose, intriganti e ancestrali. La postazione di chi detta le regole del gioco della musica è in un angolo della sala rispetto a dove si svolge la vera vita.

Vocaturi
Cristian Vocaturi
Quasi a significare che non importa essere al centro per dettare i tempi e le storie ma, basta solo che la musica che si propina entri nella testa di chi balla o sorseggia tranquillamente qualcosa nei comodi divanetti. L’imperativo che viene da quel piccolo posto, dove Gianni e non solo trasmettono emozioni in musica, è divertirsi con serenità. La Chimera vive cosi i suoi giochi e trasmette i suoi effetti con una profondità immensa, lasciando chi la vive con un sapore piacevole e dal quale difficilmente si può distaccare. Una Chimera che nel suo essere plasmata sulle esigenze dei suoi ideatori, ha incamerato i suoi stessi autori rendendoli figure fondamentali di un luogo tutto da vivere. Gianni e Cristian hanno fatto di questo luogo un posto in cui vivere piacevoli serate e con loro hanno trasportato altre persone, che oramai sono diventati parte integrante di quell’entità cosi misteriosa quanto affascinante, sto parlando di ragazzi che come loro condividono la passione per la musica e la voglia di divertirsi, i loro nomi sono Pierpaolo Guarino, Angelo Maradei e Claudio Petrosino, ma non solo.

La Chimera che si è composta deve la sua grandezza a chi ha creduto in essa, non tradendola mai e portandola inconsapevolmente dentro di se. L’affetto di chi ha permesso a questa creatura di crescere ed evolversi, la Chimera lo porta stampato su di se, con quelle firme su una delle sue pareti dell’entrata. Un segno che lascia la traccia, anche quando questa non sarà più tale. Ovviamente, la storia non si conclude, perché questa continua. La Chimera che oramai ha preso forma si sposta anche fuori dal suo corpo e si espande in altri locali e in altre piazze incarnata nella voglia dei suoi due creatori e del suo staff. Quando si entra nella Chimera, difficilmente si esce senza aver avuto uno scossone nell’animo, senza aver sentito un piacevole cambiamento dell’anima, senza aver visto l’immensità di chi vuole fare qualcosa per migliorare. Questo scritto si chiude con quella frase che la Chimera ha impressa su di se e precisamente sul muro che segna l’entrata in quel posto in cui essa esprime la sua forza esplosiva.

L’aforisma recita: “Due sono le cose infinite: l’universo e la stupidità dell’essere umano”. In questa espressione di un grande scrittore, sta tutto il progetto della Chimera. Essere consapevoli che l’infinità dell’universo ha in se qualcosa che non porta a capire come la gente cambia la propria mentalità. L’idea più volta profusa dai suoi ideatori è quella di rendere visibile a tutto l’universo che vive ancora nella stupidità della non conoscenza, che qualcosa in quel paese è cambiato, che la creatura che ha inglobato i suoi stessi ideatori è il simbolo di qualcosa di nuovo, di qualcosa che è cambiato e che scalpita per essere conosciuto, qualcosa che vuole mostrarsi nel suo piccolo ma che ha dentro di se un obiettivo difficile da raggiungere ma non impossibile.

< Precedente   Prossimo >