Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow Banche-Economia-Tasse arrow Tutto cambia, Nulla cambia
Skip to content
Tutto cambia, Nulla cambia PDF Stampa E-mail
Scritto da administrator   
martedý, 30 giugno 2009 08:13
Gioia
dott. Anthony Gioia
Domenica scorsa si è tenuta l'assemblea ordinaria e straordinaria dei soci della BCC dei due mari di Calabria, c'erano alcune norme statutarie da modificare, tutto bene e regolare se non fosse stato che, come d'abitudine antica, anche la nuova "gestione" non è sembrata molto diversa dalle precedenti: il pastore fischia e il gregge bela.  Il presidente propone e gli "aficionados" alzano la manina il più delle volte senza neanche sapere cosa stanno approvando, i pochi che lo sanno molto bene sono gli "attachés". Quando qualcuno osa prendere la parola è accolto con mugugni dal gregge imbelle e con sorrisi di commiserazione o, peggio, con sguardi fulminanti da chi detiene il potere, alla faccia della democrazia. Comunque qualcosa è cambiato, finalmente c'è qualcuno che opina, a torto o a ragione non importa, finalmente qualcuno ha qualcosa da ridire, il gregge mormora, qualcuno dice pure ad alta voce:"è una perdita di tempo". No non crediamo che sia una perdita di tempo.

(Nella seconda parte, in formato PDF, troverete  l’intervento del dott. Congi, presidente del Comitato Etico Soci BCC dei Due Mari)

Sapete perchè? Perchè molti di quelli che sono "costretti" ad alzare la manina per approvare tutto e di più, cominciano a sentire dei discorsi nuovi, cominciano finalmente a capire che la loro alzata di mano ha un valore e che se si svincolano dalle sudditanze possono finalmente contare qualcosa, perché senza di loro la Banca non esiste, possono andare via presidenti, consiglieri ecc ecc, ma senza i soci non rimane un accidente di niente. Si sta iniziando una rivoluzione culturale anche nelle ex-Casse rurali?  Forse si. Un fatto è certo, dalle modeste paginette di questo portale si continuerà a scrivere e a dare informazioni e, si ricordi, che coloro i quali portano avanti proposte alternative non sono per lo sfascio delle BCC, ma per una conduzione più trasparente, chiara, senza verticismi assurdi, di questi istituti bancari che sono gli unici rimasti in Calabria  per soddisfare le necessità dei risparmiatori e degli imprenditori locali.

Bisogna essere vigili, essere socio significa essere interessato alla conduzione della banca e non accettare o subire passivamente quello che altri decidono. Il neo-eletto presidente dott. Noia in qualche occasione, durante quest'ultima assemblea, ci ha fatto ricordare precedenti presidenze, per lo meno, però, il suo eloquio è  più sintatticamente corretto, deve migliorare forse il suo aplomb e non farsi attirare dalla bagarre come è accaduto in una paio d'occasioni.

duetto
Duetto Guaragna/Noia
Ma torniamo alla cronaca. Ad un certo punto il gregge ha cominciato a mormorare perchè aveva fame, forse molti erano lì solo per il buffet, e quando prendeva la parola il dott. Anrthony Gioia, che sicuramente non è uno sprovveduto in materia bancaria, invece di aprire le orecchie, continuavano a mugugnare e a lanciare sottovoce qualche invettiva. Beh non si può dare "torta al cioccolato a chi mangia solitamente fieno", ma costoro devono mettersi l'anima in pace, dovranno imparare ad ascoltare anche in futuro perché sono finiti i tempi dei plebisciti senza appello, è vero che l'assemblea è sovrana, ma non può avallare proposte che non siano in linea con le leggi, e chi ha le capacità professionali e cognitive, anche se in minoranza, non perderà l'occasione per segnalare abusi e determinazioni illecite alle competenti autorità. Non per vendetta, come qualche sprovveduto ha mormorato, non avendo gli attributi per andare a dirlo al microfono, ma per amore di giustizia e per rispetto proprio nei confronti di quell'assemblea che per ora continua a non voler capire ed ascoltare; ma i muti parleranno e i sordi ascolteranno prima o poi.

 

(Cliccare qui per l’intervento del dott. Congi)

 

< Precedente   Prossimo >