Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow Eventi arrow Centenario di Silvio Vuozzo
Skip to content
Centenario di Silvio Vuozzo PDF Stampa E-mail
Scritto da L.Franzese   
mercoledý, 13 maggio 2009 18:31
In vista della ricorrenza del centenario della nascita del cassanese  Silvio Vuozzo, il Presidente dell’Istituto di Ricerche di Dialettologia e Demologia, Leonardo Alario, ha indirizzato una missiva al primo cittadino di Cosenza, Salvatore Perugini, in cui chiede di organizzare almeno un convegno per approfondire la figura l’opera del maestro cassanese scomparso con l’esposizione delle opere pittoriche e librarie dello stesso nonché di intitolargli una strada per meglio eternare la sua memoria.”Il prossimo anno 2010 -afferma Alario- ricorrerà il centenario della nascita di Silvio Vuozzo, la cui vita operosa e intensa, seppur breve, ha lasciato una traccia profonda nella Città di Cosenza essendo egli intellettuale purissimo tutto intento a spendersi per la crescita culturale e civile dei giovani. Pittore, cineasta, scrittore, saggista, operatore culturale Silvio Vuozzo è stato, eminentemente, un educatore non tanto e non solo perché docente esemplare, vocato al sacrificio e alla disponibilità totale per i suoi allievi ma, anche e soprattutto, perché ha saputo farsi guida per gli altri e, in particolar modo per i giovani, in tutti i campi della sua variegata e molteplice attività. Basta sfogliare i giornali del tempo per comprendere quale vuoto abbia lasciato alla sua morte nel cuore di tanti e negli ambienti di lavoro e leggere le cronache del tempo per capire quanto efficace e innovativa sia stata la sua attività di docente, precorrendo, talora, anche i tempi, ponendosi all’avanguardia in un insegnamento interdisciplinare, i cui prodromi matureranno molto dopo. La sua validità di docente innovatore lo posero all’attenzione di illustri pedagogisti e di primarie case editrici  tanto che fu chiamato a dedicarsi anche alla realizzazione di libri di testo per le scuole elementari, di cui si ebbe immediata diffusione per la freschezza e l’agilità del dettato e per l’efficacia del metodo”.
< Precedente   Prossimo >