Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow l'Opinione arrow Studi di Fattibilità
Skip to content
Studi di Fattibilità PDF Stampa E-mail
Scritto da A.Cavallaro   
mercoledì, 11 febbraio 2009 20:50

la spiaggia
La spiaggia di Marina di S.
Marina di Sibari. Gli studi di fattibilità sono una prerogativa, consolidata negli anni, degli amministratori del comune di Cassano, lo abbiamo evidenziato già in altra parte del sito, ora però ci sembra che si esageri. Appena due anni fa fu redatto uno studio per Marina di Sibari con l’altisonante intestazione “studio per la riqualificazione del tessuto urbanistico illegalmente edificato di Marina di Sibari”, ora appare il recentissimo “Riqualificazione, adeguamento e promozione della nuova entità ed immagine di Marina di Sibari” a cura dell’Associazione “Consorzio Sibari Città del Mare”, di cui abbiamo già scritto in occasione della pubblicazione dell’articolo di Gianpaolo Iacobini sull’argomento.

A parte le considerazioni sulla liceità di questa associazione ad arrogarsi la rappresentatività di tutti i proprietari-utenti di Marina di Sibari, cosa ancora da dimostrare e di cui il Comune non si è dato pena alcuna, vogliamo mettere in evidenza una frase particolare citata nell’articolo di Iacobini ed attribuita all’architetto Iovine, consulente dell’Amministrazione Comunale. La frase che vogliamo porre all’attenzione dei nostri lettori è la seguente:

“……l’architetto Andrea Iovine, che al Municipio avrebbe rivolto l’invito ad adottare un programma di riqualificazione urbana, dalla legge urbanistica regionale descritto come iniziativa - finalizzata a promuovere il recupero edilizio di ambiti della città appositamente identificati e delimitati, fruendo di finanziamenti pubblici e dell’eventuale concorso di risorse private - ….”

L’architetto Iovine parla di “….recupero edilizio di ambiti della città appositamente identificati e delimitati….” Noi ci chiediamo a quale città si riferisce? Crediamo che si tratti Cassano. Gli ambiti identificati e delimitati quali sono? Pensiamo Marina di Sibari. Ma allora se è un ambito cittadino perché il sindaco e i suoi seguaci continuano a volerla considerare un’area privata e avulsa dal resto dei contesti urbani di Cassano? E se questi famosi finanziamenti si otterranno, come potrebbero essere gestiti da privati senza un regolare bando?

Credo che il Sindaco sia in grado di rispondere a questi nostri modesti interrogativi, ma dovrebbe anche dirci come mai non ha mai tenuto in considerazione le centinaia di contestazioni che gli sono giunte dai proprietari di Marina di S. e testardamente ha continuato a dare corda a quest’associazione “non rappresentativa”. Nelle sue esternazioni pre-elettorali continua a dire che la risoluzione adottata era l’unica possibile, staremo a vedere e soprattutto a sentire cos’altro tirerà fuori in questa prossima campagna elettorale che si annuncia particolarmente agguerrita. Peccato che pochi dei proprietari di immobili di Marina di S. siano residenti nel nostro comune, sarebbe stato molto interessante constatare quanti avrebbero premiato l'operato di questa amministrazione.

A.U.P.M.S.

Associazione di Autotutela dei Proprietari-Utenti di Marina di Sibari

< Precedente   Prossimo >