Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow Arte arrow Il re Mida a Sibari
Skip to content
Il re Mida a Sibari PDF Stampa E-mail
Scritto da administrator   
martedý, 30 dicembre 2008 18:07
L'Orchestra e al centro il M░ La Banca
L'Orchestra e al centro il M░ La Banca
La favola del re Mida, il mitico signore della Frigia (era un piccolo stato che si trovava più o meno al centro dell’attuale Turchia nella regione anatolica) che trasformava in oro tutto ciò che toccava, finendo per morire quasi di fame se non fosse intervenuto Dioniso (chiamato anche Pan e Bacco  -  il dio che gli aveva dato il singolare potere di trasformare in oro ogni cosa) a revocargli questa facoltà e che, successivamente, ebbe anche la sfortuna di ricevere in “regalo” da  Apollo un bel paio di orecchie d’asino perché aveva giudicato le qualità musicali del dio “Sole” inferiori a quelle di Pan - insomma tutto sommato uno sfigato diremmo noi moderni – ebbene, questa bella favola ci è stata proposta e narrata in chiave musicale da un interessante composizione del nostro Rodolfo La Banca.

La sera del 29 dicembre, nell’auditorium delle Scuole Elementari “Kleombrotos” di Sibari, l’orchestra “Fucine Mentali” composta da 10 strumentisti diretti dal M° Rosario Raffaele  e la voce narrante della soprano Mariangela Sicilia, hanno raccontato, ai sibariti intervenuti, la favola tramandata da Ovidio nelle sue Metamorfosi, con l’impeccabile esecuzione di una musica dal sapore orientaleggiante intersecata da interessanti contrappunti, armonie leggermente cacofoniche e melodie insistenti su cinque sole note.

La soprano
La soprano Mariangela Sicilia
Gli spettatori/ascoltatori sono stati trasportati  dai suoni in un’immaginaria ambientazione greco-classica, molto simile alle musiche che ascoltavano i mitici sibariti durante le loro feste che duravano anche mesi interi. Il sapiente utilizzo delle percussioni e della voce narrante facevano ricordare le rappresentazioni teatrali della cultura greca dove il suono del cimbalo e del tamburo intramezzavano il racconto recitato dal coro.

Uno spettacolo degno di lode, da promuovere magari anche nelle scuole per far comprendere meglio la storia dell’antica Grecia di cui fa parte quella della Magna Graecia (Megale Hellas) e quindi di SYBARIS.

Il M° Rodolfo La Banca ci ha emozionato, lo ringraziamo per questo regalo e gli auguriamo che il suo lavoro sia il primo di una lunga serie e che possa ottenere il plauso ed il successo che merita.

 

Orchestra
l'Orchestra prima del concerto

I Componenti l’orchestra “Fucine Mentali”:

Marco Mauro, clarinetto; Stefania Libero, clarinetto; Tommaso Gerbasi, tromba; Eugenio Longo, percussioni; Vincenzo Flotta, percussioni; Eugenio Matalone, percussioni; Francesco Corrado, violino; Francesco Romeo, chitarra; Giosuè De Vincenti, piano; Gaetano Scarazzo, tuba.
< Precedente   Prossimo >