Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow Eventi arrow Festa per il M░ don Spingola
Skip to content
Festa per il M░ don Spingola PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
lunedý, 07 aprile 2008 13:57
targa ricordo
La Targa con lo Statere d'argento
Perugia, 5 aprile. Nell’auditorium dell’Istituto Musicale Frescobaldi di Perugia ha avuto luogo un concerto di altissima qualità, con molti musicisti già affermati ed altri che sono sulla buona strada per diventarlo, il tutto in onore del nostro grande Santo calabrese: San Francesco di Paola. Il centinaio di perugini che per quasi due ore hanno assistito alle interessanti esecuzioni, sono intervenuti, però, anche per porgere il loro ringraziamento a un calabrese che da ben 38 anni vive e lavora a Perugia e al quale molti cassanesi sono ancora legati da profondi rapporti di stima ed affetto, parliamo di mons. don Francesco Spingola.

Don Francesco
Don Francesco ringrazia
Sacerdote e uomo dotato di grande carisma, musicista e delicato compositore, direttore di coro polifonico e da diversi anni direttore dell’Istituto Musicale Diocesano “Girolamo Frescobaldi” in Perugia.

A Cassano è stato ordinato sacerdote da mons. Barbieri, quì ha vissuto fino al 1969, anno in cui si trasferì in Umbria. Nella nostra diocesi ha lasciato segni profondi per le sue grandi doti  di uomo, di religioso, di musicista e per le sue straordinarie capacità di aggregazione rivolte soprattutto verso i giovani. Sotto la sua paziente, ma ferma guida il coro della Cattedrale ottenne risultati straordinari culminando con una strepitosa vittoria in un concorso per cori polifonici tenutosi nel 1965 presso il conservatorio di Napoli. Di questo avvenimento abbiamo già scritto sul nostro sito, ed abbiamo pubblicato una foto storica scattata proprio a Napoli subito dopo la consegna del premio. Una delegazione di quei giovani di allora era presente a Perugia ed ha portato il saluto e l’affetto che ancora molti, ahimè non più giovani, cassanesi hanno per don Francesco. Durante la bella serata Tonino Cavallaro e Peppino Martire, rispettivamente presidente e segretario dell’associazione culturale “Lo Statere d’argento”, hanno consegnato al caro don Francesco il primo riconoscimento che questo club intende anche in futuro assegnare a personalità benemerite del nostro territorio. La targa-ricordo oltre ad una perfetta riproduzione in argento dell’arcaica moneta sibarita, opera dell'orafo Luciano Lione, riportava la seguente motivazione: “ A Mons. don Francesco Spingola, per i suoi meriti umani, religiosi e di grande Maestro di Musica e di Vita. Perugia – Cassano allo Ionio, 5 aprile 2008”.

pubblico
La platea affollata
Grande commozione fra i presenti hanno suscitato le parole di Tonino Cavallaro mentre consegnava il riconoscimento al festeggiato, ma la tensione emotiva aveva raggiunto già dei picchi altissimi dopo l’esecuzione magistrale al pianoforte di alcuni brani di Franz Liszt, della concertista M° Gabriella Rivelli, anche lei cassanese, figlia dell’indimenticato ing. Rivelli. Durante la  bella serata sono state eseguite alcune composizioni dello stesso M° Spingola, dalla soprano Paola Staffici e dalla mezzosoprano Alissa Notari accompagnate al pianoforte rispettivamente da Patrizia Vescovi e Marta Alunni Pini: “Nostalgia”, testo di Mons. Pennini, “Le Ruisseau”, testo di J. Prevert e “Smarrimento”, testo di don Spingola. All’inizio gli spettatori hanno avuto l’opportunità di ascoltare un giovanissimo talento di soli 12 anni, Nicolò Toccaceli, che al pianoforte ha eseguito brani di Beethoven e Debussy.   In onore dello zio si sono esibite anche le nipoti di don Francesco, Cristiana al pianoforte e Rachele all’arpa, mentre Rosanna ha letto alcune poesie della prof.ssa Antonella Ubaldi, cognata di don Francesco e spigliata conduttrice della serata. 

La manifestazione musicale veniva conclusa da  3 canti composti sempre dal M° Spingola, eseguiti superbamente dal “Coro Polifonico  San Faustino” costituito e diretto sin da 1970 dall’instancabile don Francesco. Un generoso e conviviale rinfresco “alla calabrese” offerto ai convenuti chiudeva l’incontro che rimarrà sicuramente nella memoria di tutti i partecipanti.

rivelli
La pianista Rivelli con Don Francesco

< Precedente   Prossimo >