Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow News arrow Amici,fatti, curiositÓ arrow A Franco Fusca, amico e maestro
Skip to content
A Franco Fusca, amico e maestro PDF Stampa E-mail
Scritto da A.M.Cavallaro   
martedý, 05 luglio 2016 18:46
ImageIl 30 giugno ha cessato improvvisamente di vivere il caro amico Franco Fusca, non me la sono sentita di partecipare ai suoi funerali, non riuscivo ad accettare che non avrei potuto più  incrociare il suo volto sempre pronto al sorriso e ascoltare le sue parole sempre colme di affetto sincero. Ci eravamo ripromessi che avremmo "fatto" qualcosa insieme, un mix di poesia e musica cantata, tra recitazione e improvvisazione, così per divertirci, magari insieme a qualche altro amico.

Il maledetto destino non ha voluto che potessimo realizzare il nostro progetto, ed ho voluto ricordarlo a me stesso, ai tanti amici (suoi e miei) che mi leggono e a chi non ha avuto la fortuna di conoscerlo, recitando una sua poesia tratta da una raccolta dedicata alla pietà. Ciao Franco, sono sicuro che quando toccherà a me fare il gran viaggio, mi terrai un posticino accanto a te e chissà che non ci sarà concesso di realizzare il nostro duetto.

I VERSI DELLA PIETA'

Ho chiesto Pietà alla polvere
Perché non s'adagiasse
Sul ritratto di Mamma
E di mio Padre;
Ho chiesto Pietà alle mosche,
Alle formiche e al vento,
Perché non martoriassero
Più di tanto
L'aria e la dolce calce dei muri;
Ho chiesto poi Pietà
Agli austeri cipressi ed alle bacche,
Perché non stormissero minacciosi,
Ma solo vegliassero
Amari e teneri come il Ricordo;
Ho chiesto, infine,
Pietà alla Morte,
Ma non rispose
Sebbene la sentissi ridacchiare…

Bisognava scriver gli epitaffi
Prima a Mamma e poi a Papà…
Chi mai li avrebbe scritti
Se non il Poeta di casa Fusca?
E li scrisse
Ed ancora oggi, ahimè!,
Suonano bene…
Chi scriverà -mi chiedo-
L'epitaffio al Poeta della Gioia,
Le più belle parole dell'andata,
Oltre l'ulivo bianco, oltre la neve?

 

Per ascoltare la poesia cliccare quì

< Precedente   Prossimo >