Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow News arrow Comunicati Stampa arrow Nuvole Migranti, Comunicare la Migrazione
Skip to content
Nuvole Migranti, Comunicare la Migrazione PDF Stampa E-mail
Scritto da administrator   
giovedý, 23 giugno 2016 07:33
Image“Cosa sappiamo veramente del fenomeno della Migrazione?” - Cercando la risposta a questa domanda, in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato - Comunità aperte e solidali per un futuro condiviso - col patrocinio del Comune di Trebisacce, del Servizio Centrale del sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati e del Coordinamento Provinciale S.P.R.A.R. di Cosenza -  La Kasbah – Associazione Culturale Multietnica, le associazioni Le Nove Lune, L’Arte delle Nuvole e Rizoma organizzanoNUVOLE MIGRANTI – MOSTRA DI TAVOLE ORIGINALI A FUMETTI E DIBATTITO SUL TEMA DELLA MIGRAZIONELa realtà che definiamo “il nostro mondo” confina con la portata dei nostri occhi. Siamo abituati, sia per negligenza emotiva, sia per mancanza di stimoli alla riflessione, a soprapporre i confini del nostro sapere con i confini del reale. Questo errore di percezione crea un cortocircuito culturale, sociale ed emotivo di cui riusciamo a prendere atto solo nel momento in cui siamo invasi da una scossa di consapevolezza, cioè nel momento in cui è ineluttabile il contatto con un fenomeno, come quella della migrazione, che bussa alle porte del nostro mare, della nostra vita, del nostro quotidiano, della nostra immaginazione che diventa materia e sguardi, generando un’indomabile empatia, spesso dolorosa.I popoli di ogni latitudine e ogni longitudine sono tra di noi.Quanto e come ne siamo consapevoli? Cosa sappiamo di come sta cambiando il nostro tessuto sociale, dei paesi costellati di macerie fumanti che si addormentano con melodie di colpi di fucile e mortai, dei tanti rifugiati politici, profughi, immigrati, uomini e donne e bambini in fuga che a volte accogliamo, a volte scacciamo e che spesso non sono altro che fotogrammi in movimento percepiti con la coda dell’occhio, a margine di una giornata vissuta all’insegna delle nostre circostanze.Quanto e come, i media, le istituzioni, gli organismi preposti, hanno contribuito ad informare, al fine di formare una consapevolezza ed una preparazione idonea a generare in ognuno di noi un’opinione informata? Conosciamo la complessa e volte dolorosa differenza tra migrazione forzata e volontaria? Tra profughi, immigrati in cerca di lavoro e rifugiati politici?Il nostro approccio alla comunicazione, in merito al fenomeno della migrazione, è attivo o passivo? Subiamo l’informazione o ne siamo ricercatori? Percepiamo, capiamo, studiamo o semplicemente sentiamo, spesso senza ascoltare?Il nostro sguardo mentre osserviamo il reale, dal nostro centro di gravità rispetto all’universo della comunicazione e al fenomeno della migrazione, cosa ci mostra?A queste domande, sabato 25 giugno, presso Piazza Matteotti a Trebisacce (CS) dalle ore 18.00, cercheremo di dare una risposta.L’evento Nuvole Migranti – Comunicare la Migrazione, si articola in due diversi momenti.Alle ore 18.00, presso Piazza Matteotti, si terrà un incontro-dibattito dal titoloComunicare la Migrazione – Un viaggio senza bussola?durante il quale si approfondirà il tema del rapporto tra migrazione e comunicazione. Interverranno - Sergio Trolio – Rappresentante Servizio Centrale S.P.R.A.R.- Alessandro Gordano – Referente Coordinamento Provinciale S.P.R.A.R.- Tiziana Aceto – Giornalista de Il Quotidiano del Sud- Paolo Castaldi – Autore di fumetti e del volume Etenesh – L’Odissea di una Migrante- Andrea Mazzotta – Giornalista e presidente dell’Associazione L’Arte delle Nuvole- Franco Mundo – Sindaco di Trebisacce Coordina Anna Franca Bilotto – Presidente dell’Associazione Le Nove Lune Alle ore 20.00, presso il Centro Espositivo Rizoma, sito in via Savoia 17, si inaugurerà la mostra di tavole originali a fumetti Nuvole Migranti.Il fumetto è un linguaggio che accompagna l’uomo fin dalla sua nascita, come testimoniamo i graffiti sulle pareti delle caverne, opera dei primi uomini della storia.E’ per tanto, forte della sua fusione tra parole e immagine, uno strumento narrativo e di comunicazione perfetto per raccontare un fenomeno complesso e spesso affrontato con superficialità come la migrazione, denso di amare storie di uomini di fuga. La mostra è divisa in due sezioni. La prima, ospiterà le tavole tratte dal volume Etenish – L’odissea di una Migrante, opera di Paolo Castaldi, pubblicata dalla blasonata casa editrice Becco Giallo.L’autore sarà ospite della manifestazione, presente all’inaugurazione e parteciperà al dibattito sul fenomeno della migrazione, raccontando l’esperienza vissuta nel narrare una storia vera e struggente come quella illustrata nel suo volume. La seconda sezione, avrà come protagonista l’incontro tra due visioni differenti del mondo della migrazione.Saranno infatti esposte le tavole originali opera dei beneficiari dello S.P.R.A.R. dei comuni di Trebisacce, di San Basile, Cerzeto, Cosenza e Civita e dai rappresentati delle associazioni culturali e di volontariato dell’Alto Ionio, realizzate in occasione del workshop gratuito organizzato nell’ambito del progetto Nuvole Migranti, nelle giornate di sabato 11 e domenica 12 giugno. Presso la sede dell’Associazione Rizoma, si è infatti tenuto un workshop, che ha visto i rappresentanti delle associazioni presenti sull’Alto Ionio più sensibili ai temi della migrazione e i beneficiari dello S.P.R.A.R. provenienti da Ghana, Pakistan, Afghanistan, Georgia, Siria, Gambia, Senegal, Nigeria e Iraq sedere allo stesso tavolo di disegno e alla stessa tavola da pranzo, ricca di prodotti e di cibi etnici cucinati e condivisi dalle famiglie dei beneficiari. Duplice il risultato finale: da un lato un momento di unione di popoli, di condivisione di intenti e di esperienze, di integrazione sociale, di empatia concettuale, grazie al quale i rappresentanti di ogni popolo presente, hanno varcato i confini della propria individualità per giungere in una terra comune priva di dolore o paura, dall’altro oltre 20 disegni originali, realizzati grazie alle conoscenze acquisite, trasmesse da Andrea Mazzotta, esperto in comunicazione, e dagli insegnanti della Red House Lab, Scuola Lucana di Fumetto e Illustrazione, Gianfranco Giardina e Giulio Giordano, durante il workshop.Un’esperienza catartica, che ha permesso a tutti i partecipanti di raccontare la propria migrazione.Queste tavole, raccolte nella collettiva “Un viaggio lungo 100 vignette”, forti di una potenza narrativa dirompente generata da un tratto spesso naïf, evocative come solo la storia di un ricordo può essere, potranno essere ammirate da tutti coloro che visiteranno la mostra.Una giornata ricca di eventi, orientata verso la ricerca di tutte le domande sul tema della Migrazione ancora prive di risposta. Per tutti coloro che non hanno paura di scoprire che a volte le risposte pongono più interrogativi delle domande.Nel corso della serata di inaugurazione sarà svelata anche l’illustrazione originale, dedicata al tema della migrazione, sviluppato nello scenario della città di Trebisacce, realizzata dall’autore Paolo Castaldi, che ritrarrà uno scorcio del paese ospite dell’evento.La serata di inaugurazione sarà allietata dai musicisti dell’Accademia Musicale Gustav Mahler. L'evento gode della media partership del Quotiano del Sud, che ringraziamo per il sostegno e la disponibilità. Per informazioni: #nuvolemigranti Ufficio Stampa Nuvole Migranti A.M.  Si ringraziano gli sponsor: - Officina del Gusto- Miramare Palace Hotel- AgriFranchino- Materiale Elettrico Laschera di Ramundo Elvira- B.F.C. di Napoli Nicola
< Precedente   Prossimo >