Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow Viaggi & Turismo arrow Viaggi arrow Ravenna, Museo delle Bambole
Skip to content
Ravenna, Museo delle Bambole PDF Stampa E-mail
Scritto da M.della Ragione   
lunedý, 07 dicembre 2015 08:03
 ImageUna gioia per grandi e piccoli - Il piccolo museo delle bambole di Ravenna è stato fondato nel 2006 da Graziella Gardini Pasini, che ha voluto condividere la sua collezione privata di bambole e altri balocchi, raccolti nel corso di molti decenni.
Il frutto di una grande passione è oggi a disposizione di grandi e piccini che vogliono conoscere da vicino il mondo e la storia del più famoso giocattolo di tutti i tempi: la bambola. Il percorso del museo copre il periodo 1850-1950, passando così dai tempi in cui le bambole erano create artigianalmente, al momento in cui iniziano ad essere un oggetto industriale.

ImageTra i materiali scopriamo la porcellana, la carta e corpi di legno, ma quello che ha cambiato notevolmente l’utilizzo di queste bambole e il destino di ogni bambina è la celluloide, una prima plastica dura, che ha reso molto più economici ed accessibili questi affascinanti oggetti. Infatti, mentre un tempo, i pochi possessori delle bambole non potevano nemmeno toccarle per non rischiare di danneggiare la loro così delicata consistenza, una volta in uso questo nuovo materiale, finalmente ci si poteva giocare più liberamente.

E in questa casa delle bambole non potevano mancare le “case delle bambole”: camerette, cucine, stanze complete di suppellettili di ogni genere.

Tutte le bambole infatti vivono in un ambiente in miniatura creato apposta per loro.
Nel museo si trovano alcuni pezzi importanti di marche che hanno fatto la storia della bambola, come Jumeau, Armand Marseille, Lenci, Kathe Kruse, Furga, Tartaruga, Minerva e una piccola collezione di Kewpie.

ImageIl museo non vuole essere soltanto un nostalgico viaggio nel passato, ma un confronto con i modi di vivere e di giocare nelle varie epoche.

Un piccolo pezzo di storia di costume visto attraverso gli occhi dei bambini e delle loro bambole.
hanno. Alcune teche del museo sono dedicate al mondo della scuola con libri, quaderni, cannette, pennini e calamai, altre espongono capi di abbigliamento d'epoca per bimbi e neonati. Inoltre, una sezione è dedicata a bambole eseguite artigianalmente provenienti da varie parti del mondo.

Marina della Ragione

Image 

< Precedente   Prossimo >