Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow News arrow Comunicati Stampa arrow Movimento 5 Stelle Trebisacce
Skip to content
Movimento 5 Stelle Trebisacce PDF Stampa E-mail
Scritto da G.De Vita   
giovedý, 10 settembre 2015 17:44
Image
Il commissario Scura
I “4 gatti” fanno vedere a Scura i sorci verdi.
Il 7 settembre a Trebisacce si è tenuto un Consiglio Comunale straordiario all'aperto, per discutere il rifiuto di Scura di
conformarsi alla sentenza del Consiglio di Stato che impone la riapertura dell'ospedale di Trebisacce.
Il Meetup Trebisacce in MoVimento ha preso parte all'Assemblea allo scopo di fornire ai cittadini informazioni corrette
circa lo stato reale dei fatti relativi alla vicenda dell'ospedale. Tra i relatori, oltre al sindaco di Trebisacce Franco Mundo, anche la deputata Bruno Bossio e il consigliere regionale Graziano.  Il presidente della Regione Calabria Mario Oliverio ha inviato una lettera in cui esprimeva la sua posizione a
favore della riapertura dell'ospedale. Tutti hanno duramente attaccato il commissario Scura, anch'egli presente, per il
diniego opposto alla riapertura dell'ospedale, quasi non fossero esponenti dello stesso partito, il PD, la cui ragione
sociale è da sempre quella di favorire le c.d. “Regioni Rosse” a scapito di quelle del Sud.
L'incontro è sembrato più una messa in scena che un reale momento di confronto con la popolazione per addivenire ad
una soluzione. E ciò per svariati motivi. Il primo riguarda la credibilità pari a zero dei partecipanti, prima fra tutti della
deputata Bruno Bossio, che in Parlamento sostiene il governo Renzi e che, come ha ricordato la portavoce del
MoVimento 5 Stelle alla Camera Dalila Nesci, ha votato a favore degli insostenibili tagli voluti dal Presidente del
Consiglio, per poi lamentarsi degli esiti sacrificativi che hanno sortito sulla sanità calabrese. La stessa amministrazione
comunale di Trebisacce annovera tra i suoi membri esponenti del Partito Democratico che, in quanto tali, sostengono lo
stesso Governo che ha nominato il commissario Scura con lo specifico compito di tagliare la spesa sanitaria regionale.
Da parte sua Scura fa il proprio mestiere, eseguendo con ostinazione le direttive dei poteri forti europei e nostrani – che
hanno espresso l'attuale Governo – i cui sforzi sono sempre più tesi al riordino della spesa pubblica, che poi non è altro
che la riproposizione, sotto mentite spoglie, della soppressione dei diritti fondamentali.
A fronte della ben nota schizofrenia politica dei relatori, gran parte della popolazione ha preferito disertare l'evento. I
cittadini presenti all'assemblea hanno reagito nel modo più appropriato nei confronti di un Commissario che si comporta
da fuorilegge rifiutandosi di eseguire una sentenza, cacciandolo in malo modo dalla piazza. La sua sola presenza
arrogante è sembrata un insulto vivente ai cittadini dell'Alto Jonio. Ha chiesto scusa per averli definiti “quattro gatti”,
ma non per averli elegantemente invitati a levarsi dal groppone della Regione Calabria, per andare a pesare su quello
della Regione Basilicata. Invito, questo, che è stato ribadito a chiare lettere dopo la riaffermazione del diniego di volersi
conformare all'ordine di riapertura dell'ospedale, emanato dal massimo organo di giustizia amministrativa. In un paese
civile, i governanti riconosciuti dalla magistratura come colpevoli della violazione di un diritto fondamentale dei
cittadini, si recherebbero da questi in ginocchio a chiedere scusa per tale sopruso e si sforzerebbero di fare ammenda in
qualche modo. Invece, il potere arrogante che alberga nei palazzi delle istituzioni italiane persevera nella violazione dei
diritti e della legge. Lunedì sera, a Trebisacce, tale potere arrogante aveva la faccia del commissario Scura, presentatosi
spavaldo senza nulla temere dalla popolazione pur inferocita, con la spocchia di chi sa di essere sempre al sicuro, perché
in Italia non cade foglia che lo Stato non voglia.
La parlamentare del MoVimento 5 Stelle Dalila Nesci con il suo intervento dal pubblico ha smascherato l'ipocrisia della
politica e dalla sua pagina Facebook ha commentato: “se qualcuno aveva dubbi sulla finta guerra tra Oliverio e il
commissario alla sanità Scura, dopo i fatti di ieri è certo che i due sono d'accordo. Il PD calabrese obbedisce agli ordini
del PD nazionale, che ha colonizzato la Calabria per affarismo e calcoli elettoralistici. Così, delle necessità pubbliche
nel PD se ne fregano, da Renzi a Oliverio”. E aggiunge: “Nella campagna elettorale per le elezioni regionali, Oliverio,
oggi governatore della Calabria, aveva promesso di stracciarsi le vesti per restituire l'ospedale alla comunità di
Trebisacce. Salvo, poi, smentirsi. Immobile, assente, chiuso nel suo mondo di adulatori, sottoposti e questuanti. […] Il
commissario Scura sta calpestando la sentenza, insieme al suo vice Andrea Urbani”.
L'avvocato Rosa Rugiano, attivista del MoVimento 5 Stelle di Trebisacce, prendendo la parola ha dichiarato: “che Renzi
e Scura vogliano o non vogliano, non importa, l'ospedale di Trebisacce riaprirà comunque, non grazie alla classe
politica, che è stata sanzionata dal Consiglio di Stato per violazione dei LEA (Livelli Essenziali di Assistenza), ma
grazie alla Magistratura Amministrativa. È una vittoria dei Cittadini che si sono battuti nel 2010 contro il
provvedimento di chiusura, ora annullato. È una vittoria delle Associazioni di liberi cittadini che hanno firmato il
ricorso che ha condotto a questa sentenza, i quali hanno semplicemente ed ostinatamente creduto in un fondamentale
principio di legalità e che si possa ottenere giustizia applicando la legge”.
Il Consiglio Comunale in piazza è sembrata una trovata degna delle migliori campagne elettorali renziane, ovvero una
pagliacciata, perché, lungi dall'informare i cittadini spiegando il significato e la portata della sentenza, ha ingenerato
l'idea che, a causa del diniego del commissario Scura, l'ospedale non riaprirà mai; così ingannandoli, tanto per
cambiare. Che la guerra Mundo-Scura non sia altro che un escamotage grazie al quale l'amministrazione comunale di
Trebisacce intende forse intestarsi i meriti della prossima e certa riapertura dell'ospedale? Come mai l'amministrazione
comunale di Trebisacce gronda attivismo da tutti i pori, proprio ora che la riapertura è ineluttabile? È sufficiente la
proposizione del ricorso per il giudizio di ottemperanza innanzi al Giudice, giudizio che il sindaco di Trebisacce è
obbligato a presentare quale “atto dovuto del proprio Ufficio” e non come elargizione o scelta politica! Il di più è solo
campagna elettorale e volontà strategica di intestare alla politica e ai politici il merito di una vittoria EVIDENTENTE
ottenuta dai CITTADINI.
Si auspica, quindi, che la sentenza faccia il suo corso e venga eseguita per via giudiziale. La politica per una volta non si
comporti da sciacallo e abbia la decenza di starne fuori.
La politica locale regionale e nazionale, presente l’altra sera al Consiglio Comunale, è sin da ora avvisata che i cittadini
vigileranno sulla riapertura dell'ospedale, sui criteri di nomina del personale medico, infermieristico e amministrativo
(che dovrà avvenire su basi di competenza e di merito, fuori da vecchie logiche di clientelismo politico o, ancora
peggio, massonico), sulla correttezza e la trasparenza degli appalti.
Non deve più ripetersi l'assunzione di personale il cui unico pregio è di essere politicamente devoto ai politici di turno.
Il clientelismo locale e nazionale deve finire.
Tra provvedimenti annunciati dal Sindaco, oltre alla proposizione del ricorso per l'ottemperanza, un'interrogazione
parlamentare sulla mancata riapertura dell'ospedale di Trebisacce a mezzo dell'on. Barbanti avvenuta il 9 settembre. Si
sono recati a Roma per l'occasione anche alcuni membri della giunta giovanile di Trebisacce e il sindaco Mundo.
Sarebbe opportuno far sapere alla popolazione se questa inutile viaggio a Roma sarà pagato dai cittadini. Tra l'altro, il
MoVimento 5 Stelle, tramite la portavoce Dalila Nesci, ha già presentato, diversi mesi fa, un'interrogazione
parlamentare sullo stesso argomento. E ciò senza gite turistiche in Parlamento di pochi privilegiati, probabilmente a
carico dei cittadini. Altro provvedimento annunciato dal sindaco Mundo è l'intenzione di presentare un esposto alla
procura di Castrovillari per la mancata riapertura. Anche in questo il MoVimento 5 Stelle ha anticipato
l'amministrazione comunale di Trebisacce, depositando l'esposto tempo fa.
Ufficio Stampa Meetup Trebisacce in MoVimento
Giovanna De Vita
< Precedente   Prossimo >