Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow l'Opinione arrow Fallimento del progresso nel Sud
Skip to content
Fallimento del progresso nel Sud PDF Stampa E-mail
Scritto da L.Niger   
mercoledý, 08 aprile 2015 07:36
ImageDopo decenni trascorsi, dobbiamo amaramente riconoscere che il Sud rappresenta il fallimento dell'idea di progresso. Per carità, qualcosa è cambiato, per molti aspetti in senso negativo, dato che si è puntato allo sviluppo confuso ed episodico senza prima riconoscere e rimuovere le macerie, non solo quelle materiali, ma anche quelle mentali, sociali, culturali. Grazie, soprattutto, ad una classe dirigente mediocre, sciagurata e predatrice. Mai spazzata via, ieri ed oggi. Vero problema, antico e recente, della tragedia del Sud. Ai giovani, malauguratamente appiattiti su un presente frenetico e annoiato, senza un passato e senza un futuro, e, quindi, senza radici, storia e memoria da una parte, e senza orizzonti e progetti dall'altra, resta come unica via di salvezza la fuga, oggi come ieri.

Dovremmo soffermarci, tanto per indicare alcune realtà disastrate, sul ruolo della famiglia, della scuola, della sanità, ma è preferibile tacere, anche perché il degrado, l'arretramento, lo sfarinamento sono sotto gli occhi di tutti. Ecco perché non pochi giovani si trastullano con scambi verbali banali e insulsi o si nascondono dietro immagini insensate. 

Nel Sud, non pochi continuano a non vivere, ma a sopravvivere. E ci si affida al caso o alla fortuna o alla provvidenza. Tanto per fare un esempio tratto dalla vita quotidiana, occorre una buona dose di fortuna se possiamo arrivare almeno a Roma per diagnosticare e curare in modo adeguato alcune patologie serie. Si muore di sanità, perché non c'è o è di livello infimo; altro che livelli essenziali di assistenza.

Cittadini (?) di una serie imprecisata. Il diritto di avere diritti è un sogno antico, è come aspettare Godot.  Ad aggravare le condizioni si  sono aggiunti la scarsezza, il taglio e il crollo dei mezzi di comunicazione: stradali, ferroviari, aerei, navali ....

Un isolamento tragico, di cui pochissimi parlano. Come suole dirsi, il Sud è scomparso dall'agenda politica, come se fino a ieri fosse stato presente, se non in forma clientelare e corruttiva. Tanti anni fa, per entrare come studente in una nota università avevo sostenuto un concorso solo scritto. Titolo, in breve: parla di un romanzo contemporaneo. Affascinato dalla recente opera di Carlo Levi, Cristo si è fermato a Eboli, mi ero soffermato nella trattazione ed interpretazione del magnifico e tuttora attuale romanzo di Levi. Preso dalla passione, dalla rabbia e dai furori adolescenziali, avevo sostenuto, tra l'altro, che fosse il caso di chiedersi da dove Cristo provenisse. Dal Nord o dal Sud? L'interrogativo si riferiva non tanto alle condizioni socioeconomiche del Sud, quanto ai valori di solidarietà, di autenticità, di fatica, di sacrificio, di disponibilità. Insomma, ai legami forti e veri tra gli uomini e tra gli uomini e la natura. Temerarietà adolescenziale. Qualche decennio dopo il concorso (primo classificato), ho incominciato a teorizzare, in forma consolatoria, che i veri eroi non sono tanto quelli che, forzatamente o non, hanno abbandonato il Sud., ma quelli che sono rimasti a combattere in trincea.

Di fronte alle perduranti sconfitte, la conclusione provvisoria è che la rinascita, il riscatto, la liberazione del Sud continuano a rimanere sogni, progetti gettati nel mare dell'indifferenza e della rassegnazione. In seguito all'ultimo terribile crollo autostradale occorre aggiornare il titolo del bel libro di Levi: Cristo si è fermato a Laino. il Sud si è un po' accorciato. La Calabria è il Sud del Sud:  povera, isolata, abbandonata, depredata e disperata.

Luigi Niger

< Precedente   Prossimo >