Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow Letteratura arrow LIBRI arrow Presentazione libro sulla Magna Grecia
Skip to content
Presentazione libro sulla Magna Grecia PDF Stampa E-mail
Scritto da Staff.redazione   
sabato, 10 gennaio 2015 11:47
ImageGiovedì prossimo, 15 gennaio, presso la sala convegni del Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide con inizio alle ore 17,30, sarà presentata l’ultima fatica letteraria del prof. Leopoldo Conforti dal titolo “Città, personaggi, storia della Magna Grecia”. A relazionare sull’opera sarà il prof. Gianfranco Lambosciano e interverranno il dott. Alessandro D’Alessio direttore del Museo di Sibari e Antonio M.Cavallaro presidente dell’assoc. “Lo Statere Sibarita” e organizzatore dell’evento. Da Ibico a Zaleuco, da Locri a Sibari, da Reggio a Kaulon, il libro, che è la raccolta di una serie di articoli pubblicati nel tempo sul “Quotidiano” di Calabria, contiene una serie interessante di notizie, aneddoti e curiosità che aiuta a ricostruire la storia della Magna Grecia. Una sorta di guida a quel mondo scomparso le cui memorie continuano a echeggiare forti intorno a noi. Nel seguito pubblichiamo per intero la nota introduttiva del prof. Salvatore Settis (direttore  emerito della Scuola Normale Superiore di Pisa) dal titolo “La grande storia della “Megala Hellas”. (clicca sulla foto per ingrandire)

 

La grande storia della “Megala Hellas"

Che cosa può dire, alle donne e agli uomini che vivono oggi in Calabria, una serie di articoli sull' antica civiltà della Magna Grecia  come quella a opera di Leopoldo Conforti?  Nessuno vorrà credere che il ricordo di quelle antiche glorie possa destare retorici patriottismi o vanterie: merci oggi assai poco spendibili. Da stu­dioso delle culture antiche e da calabrese, vorrei  piuttosto sperare che l'esperienza di letture come questa vada ben oltre ogni pur comprensibile motivo ­di patrio orgoglio per quella civiltà che, a dirla con Tomasi di Lampedusa, è ancor oggi evocata dai “nomi voluttuosi e atletici di Sibari e di Crotone” .

 

Non è, e non dev'essere, la nostalgia del passato che ci guida, bensì un progetto del futuro. Perciò le an­tiche civiltà che hanno lasciato sul suolo della Calabria tracce tanto vistose, ma tanto bisognose di stu­dio per esser intese, ci si offrono non come vano rispecchiamento del presente, bensì come sfida.  Procl­amano, se solo ne guardiamo da vicino, le testimonianze che via via emergono dagli scavi, la loro radicale diversità, la loro straordinaria distanza da noi, dal nostro sistema di valori, dal nostro mondo;  proprio per questo ci invitano a riflettere su noi stessi. Sulle vicende che dalle poleis greche sulle coste ­dello Ionio e del Tirreno condussero alla questio­ne meridionale; che videro la stessa regione del mondo una volta all' avanguardia nella cultura e nei commerci, un'altra volta, invece, ai margini. Nes­suna formula magica può spiegare questo sviluppo, nessuna (pretesa) equivalenza di sangue e di intenti pretendere di rovesciarne la direzione.

Il confronto con quel remoto passato, nello stridente contrasto che ci propone, può tuttavia costringerci a pensare. Pensare ai Greci per pensare a noi stessi. La storia civile, culturale e religiosa della Magna Grecia ha il suo significato primo (lo ha scritto un grande maestro come Giovanni Pugliese Carratelli) in quanto parte essenziale, costitutiva, della storia dei Greci e del Mediterraneo; tanto che la storia greca tutta (anche quella di Atene) non può inten­dersi senza quella di questa "Grande Grecià” d'Oc­cidente. Ma perché Megale Hellas, Magna Grae­cia, una Grecia "grande" rispetto a quella balcanica? "Grande" essa fu agli occhi degli Antichi non certo per le dimensioni geografiche, ma per la forza e l'intensità delle esperienze politiche e culturali che vi si svolsero, e in particolare per la vivacità di una tradizione, quella pitagorica, che sembra aver in­ventato questa formula. Italia, invece, fu nel V se-colo, e forse prima, il nome dell' estrema penisola calabrese, poi esteso gradualmente fino alla Puglia e alla Campania, finché abbracciò l'intera penisola fino alla barriera delle Alpi. Con l'imporsi del do­minio romano, il nome d'Italia mostrò un' enorme vitalità e forza d'annessione in senso prima pura­mente geografico e poi geopolitico, mentre quello di Magna Graecia, limitandosi all' ambito culturale e in particolare alle città greche sulla costa, venne prendendo un senso prevalentemente retrospettivo. Al contrario, tutta in crescita fu la storia del nome Italia: eppure il fatto che esso sia nato e si sia impo­sto a partire non solo dalla stessa area geografica, ma anche dal medesimo orizzonte culturale è, an­che oggi, assai meno noto. Mi piace. ricordare in questo contesto la mostra "Magna Graecia. Ar­cheologia di un sapere", che si tenne nel 2005 in Catanzaro a cura di Cecilia Parra, mia e per inizia­tiva del compianto Salvatore Venuta, rettore del­l'Università "Magna Grecia" di Catanzaro. In quel­la mostra provammo a delineare la "riscoperta" del­la Magna Grecia a partire dal Cinquecento, quan­do quasi ogni memoria di quell'antico paesaggio di civiltà si era persa fra gli eruditi d'Europa, e anche i resti più imponenti (come i templi di Paestum o di Agrigento) erano caduti nell'oblio: perciò il libro di Ugo Golzio sulla Sicilia e la Magna Grecia (Bruges, 1576) dovette fondarsi sulle monete, sulle fonti an­tiche, su poche epigrafi. Loblio, prezioso monito, è il rovescio della memoria, è sempre pronto a in­ghiottire le tracce della storia; ma anche a restituir­le, se solo lo vogliamo.

Riscoperte fondamentali, come quella dei templi di Paestum e delle tavole di Eraclea, e infine gli scavi di Ercolano e di Pompei, aprirono nel Settecento una nuovissima stagione, innescando un processo conoscitivo che da allora non si è mai arrestato, e che portò tra l'altro non solo alle grandi collezioni reali di Napoli, ma anche a molte raccolte minori, nelle case di nobili, eru­diti e borghesi o nei municipi delle città; alle esplorazioni del terreno non solo da parte di dotti locali, sempre più avvertiti agli orizzonti della sto­ria patria, ma anche di antiquari, eruditi, genti­luomini d'ogni parte d'Europa, ora dediti all'obbligato Grand-Tour, ora in viaggio verso poche de­stinazioni scelte a tavolino, ispirandosi alla lettura dei classici. La conquista dell'indipendenza in Gre­cia fu parallela al risorgimento italiano (va qui ri­cordato il bel libro di Antonis Liakos, L'unificazione italiana e la "grande idea", Firenze 1985: la megali idea, quella di una Grecia una e indipendente, cor­risponde all'italiano Risorgimento). La nuova Gre­cia, aprendo le frontiere e intensificando la ricerca archeologica, fornì ulteriore stimolo a scavi e sco­perte sia in Grecia che in Magna Grecia, ma al tem­po stesso, proprio perché legava l'intensa riscoperta della grecità entro il territorio della Grecia indipen­dente al nuovo spirito nazionale greco, tendeva a disporre le altre grecità, quella d'Italia come quella del Mar Nero, su un piano più distante.

Fu questa la prospettiva sviluppata, in modo più o meno esplicito e consapevole, dagli eruditi greci, ma an­che da Tedeschi o Francesi che fondarono in Atene le loro scuole archeologiche e presero a scavare Olimpia o Delfi. Nell'Italia subito dopo l'unifica­zione, e in modo ancor più marcato dopo Roma capitale (1870)' la definizione di un'identità na­zionale si appoggiò anche alla storia antica e all' ar­cheologia monumentale e di scavo, ma per intui­bili ragioni preferì il passato autoctono (special­mente romano, ma anche etrusco e italico) a quel­lo magno-greco. La grecità dell'Italia meridionale, al contrario, non era un buon ingrediente per la nuova coscienza nazionale dell'Italia unita (che ave­va in Roma il suo centro di gravità), e si prestava male anche alla definizione di coscienze locali, con­traddittorie rispetto all'idea unificante di un'Italia tutta governata da Roma. Poteva, al massimo, con­tribuire a definire un'identità subnazionale, e per­tanto, in quel contesto storico, debole e centrifuga. Molto è cambiato da allora, e il quadro socio-poli­tico dell'Italia di oggi è caratterizzato da spinte non solo centrifughe, ma esplicitamente secessionistiche, sbandierate soprattutto dalla Lega Nord. È dunque il momento di riflettere sull'identità culturale italiana oggi e domani, e di farlo a partire dalle sue componenti storiche. Come è sempre più evidente sullo scenario mondiale (per esempio negli Stati Uniti d'America, o nella lenta costruzione dell'Unione europea), le identità nazionali forti non nascono dal nulla né si fondano sui principi arcaici e barbarici del "sangue" e del "suolo": sono processi culturali costruiti per addizione di culture regionali in grado di conversare tra loro e di fecondarsi mutuamente. Se l'identità nazionale italiana si è rivelata nei secoli particolarmente ricca e feconda, è solo in quanto essa è il prodotto di una millenaria ibridazione di genti e di culture da tutto il Me­diterraneo.

L’Italia da cui nacque l'impero romano era popolata non solo da Latini e Italici, ma da Greci, Fenici, Celti. L’Italia in cui Dante scrisse la Commedia nasceva da un medioevo ricchissimo di apporti germanici, bizantini, arabi. L’Italia in cui Machiavelli scrisse il Principe, Tasso la Gerusalemme, Vivaldi e Verdi le loro opere vedeva sul proprio suolo importanti presenze francesi, spagnole, au­striache, come vedeva gli Italiani attivi in tutta Eu­ropa nelle arti, nelle armi, nei commerci e nelle scienze. Insomma, la storia dell'identità italiana di­mostra, più in generale, che la definizione delle identità culturali non può e non deve essere isola­zionista, ma deve incentrarsi, al contrario, sulla complementarietà, sugli scambi fra culture; insomma, è fondata non sull'esclusione, ma su un principio di reciproca inclusione, su un costante "dare" e "avere". L’identità culturale dell'Italia, in tal modo intesa, può e deve apportare il suo contributo alla costruzione dell'identità europea nella piena consa­pevolezza della pluralità e molteplicità delle proprie componenti storiche, nelle arti come nella lettera­tura, nelle religioni come nelle istituzioni e nel diritto.

Questa definizione dell'identità culturale, storicamente inoppugnabile, ha inevitabilmente una dimensione politica, tanto più evidente quan­do il tema sia applicato all'Europa in un momento formativo e fondativo come il presente. In Europa, e non solo in Italia, i vari gruppi etnici, linguistici e culturali, presenti da millenni, si sono combinati fra loro con dinamiche di lunghissimo periodo. Le singole identità culturali europee si sono formate mediante processi di osmosi e di interscambio; cia­scuna di esse non va definita "per distinzione" dalle altre, ma piuttosto mediante l'analisi degli elementi che la compongono, molti dei quali sono presenti in altre culture. E’in questo contesto che il passato greco dell'Italia meridionale può prendere nuovo senso e nuovo spicco, come un dato culturale im­portantissimo che possa contribuire alla costruzio­ne di un'identità europea.

Nel contesto globale in cui viviamo, è sempre più importante ricordarsi dei precedenti storici, comprendere che la propria cul­tura include elementi significativi che provengono da altre culture, e che ha contributo a definire l'identità di altre culture, di altri Paesi. Se comuni­cato nelle forme più efficaci e opportune, questo dato semplice e incontrovertibile trasmette un mes­saggio del quale il nostro tempo ha assoluto biso­gno: un messaggio di apertura e di fraternità (per esempio, rispetto alla forza-lavoro degli immigrati e alla loro diversità culturale) che viene dal tessuto stesso della nostra storia. Una miglior conoscenza del nostro passato magno-greco, alla quale anche questo libro potrà contri­buire, può dunque essere una componente signifi­cativa di quel consapevole diritto di cittadinanza che deve includere, al primo posto, la capacità di pensare il futuro con piena coscienza dei problemi del presente e dell'insegnamento della storia.

Salvatore Settis

 

Image
il Prof. Conforti
Leopoldo Conforti, originario di San Benedetto Ullano (Cosenza), si è laureato nell'Università di Bari in lettere classiche con una tesi sulla storia e topografia dell'antica Siri, colonia della Magna Grecia, e ha svolto la sua carriera di insegnante al Liceo classico "B. Telesio" di Cosenza. Appassionato studioso del mondo classico, nel corso degli anni si è dedicato a incontri culturali e a conferenze nella città di Cosenza - dove è Membro Ordinario dell'Accademia cosentina - e provincia. Collaboratore di riviste come «Iniziativa» e di giornali come «il Quotidiano della Calabria», continua a svolgere la sua attività di studioso e di divulgatore della cultura.

 

< Precedente   Prossimo >