Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow Eventi arrow Vi presento Ottavio Olita
Skip to content
Vi presento Ottavio Olita PDF Stampa E-mail
Scritto da A.M.Cavallaro   
giovedý, 29 maggio 2014 06:48
ImageCari affezionati frequentatori del sito, vi presento Ottavio Olita che è, prima di tutto, un amico della mia giovinezza, che non vedo da circa 50 anni, sono tanti, ma non sono cambiati l'affetto e la stima che avevo per lui.  La sua venuta a Cassano era stata prevista fin dal 2009, ma per una serie di circostanze non è stato possibile. Il suo percorso di vita è lungo e variegato, potete averne riscontro nelle brevi note biografiche che troverete in coda a questa nota.  Con l’occasione dell’uscita del suo ultimo romanzo, “Codice Libellula” di cui parlerà il grande poeta e scrittore cassanese Dante Maffia, il gruppo di amici di cui faccio parte, ha deciso per il 2 giugno di invitarlo nella città della sua infanzia per farlo apprezzare dai giovani che non hanno avuto la fortuna di conoscerlo e per un tuffo nella comunità cassanese che lo ha visto crescere e divenire giovane uomo.  Durante la serata si cercherà di mettere in risalto le sue attitudini: da professore di francese a giornalista, da ... cantore di coro polifonico...a scrittore .... e sì, perchè il nostro amico è stato un valente membro della corale maschile creata a Cassano dall'indimenticabile don Francesco Spingola nei primi anni '60 .... A parte l’intervento fondamentale di Dante Maffia, nella serata, che sicuramente sarà contrassegnata da una buona dose di amarcord, interveranno gli amici (alcuni dei quali compagni di scuola) che hanno organizzato l’incontro. Siete tutti invitati il 2 giugno presso il Teatro Comunale di Cassano alle ore 18,00.(Foto: Ottavio ieri e oggi)

Note biografiche:

ImageCalabrese di nascita e cagliaritano di adozione, Ottavio Olita compie parte del suo percorso di studi in Cassano Ionio, dove ha conseguito il diploma di abilitazione magistrale presso la sezione staccata dell’Istituto “Lucrezia della Valle” di Cosenza. Trasferitosi in Sardegna partecipa ai movimenti studenteschi del Sessantotto. Laureato in Lingue e Letterature straniere presso l’Università di Cagliari, impegnato nel sociale, negli anni Settanta fonda con altri laureati e con alcuni studenti universitari la Scuola Popolare di Is Mirrionis che, prima dell’istituzione delle 150 ore, consente agli adulti lavoratori di conseguire il diploma di licenza media. Docente a contratto presso l’Università di Cagliari sino al 1980, dopo aver superato una selezione nazionale all’Agenzia di Stampa Ansa, intraprende la carriera giornalistica. Lavora per quattro anni nella redazione di Cagliari dell’agenzia, poi, dal 1984, passa al quotidiano “La Nuova Sardegna” dove, nella redazione di Sassari, si occupa delle pagine culturali. Nel 1988 passa al giornalismo televisivo in Rai. Sin dagli anni novanta coniuga l’attività giornalistica con quella saggistica e nel 1980 debutta nella narrativa con il suo primo romanzo, “La borsa del colonnello”, a cui seguono “Il futuro sospeso”, “Il faro degli inganni” (2012) e “Codice libellula: la verità negata” (2013), in cui il noir diviene anche pretesto per raccontare due luoghi dell’anima dello scrittore: Cagliari e Parigi.

(Cliccare sulla foto per ingrandire)

 

< Precedente   Prossimo >