Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow News arrow News di sibari arrow Diatriba per svincoli della SS 106 TER
Skip to content
Diatriba per svincoli della SS 106 TER PDF Stampa E-mail
Scritto da Staff.redazione   
giovedý, 24 aprile 2014 08:34

ImageAttorno al 3° Megalotto SS 106 che dovrà congiungere Roseto C.Spulico con Sibari sono nate molte polemiche riguardanti l’impatto sull’ambiente che questa nuova strada provocherà di certo, l’ultima riguarda il numero degli svincoli che alcuni ritengono eccessivi. Nell’ultimo consiglio comunale  avutosi a Villapiana  apprendiamo dalla Gazzetta del Sud del 4 aprile quanto si è discusso ed approvato, con particolare riferimento al reinserimento di uno svincolo nei pressi di Villapiana-centro e dell’importante ricaduta occupazionale su tutti i territori attraversati. Nel seguito pubblichiamo per intero l’articolo del quotidiano e la replica, permeata di sarcasmo, dell’arch. Maurizio Silenzi Viselli, che ritiene troppi gli svincoli che dovrebbero sorgere sulla costruenda arteria e illusori gli sbocchi occupazionali che si vanno propagandando. Buona Lettura.

 

3° megalotto SS 106
reinserire svincolo

04/04/2014 – Gazzetta del Sud

Villapiana - Il consiglio comunale ha approvato le osservazioni ai lavori del 3° megalotto della SS 106. Necessario lo svincolo. I lavori porteranno occupazione e sviluppo - Megalotto della SS 106 Jonica. Impatto ambientale, sicurezza, indotto economico e ricaduta occupazionale sul territorio. Tutti d’accordo: reinserire lo svincolo di Villapiana così come previsto dal progetto preliminare. Il Consiglio Comunale di Villapiana  ha approvato, tutti i punti all’ODG tra cui anche l’intitolazione del nuovo viale di pista ciclabile e pedonale di Villapiana Scalo al Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa. Sul 3° megalotto il sindaco Rizzuto ha sottolineato l’importanza che un’opera come quella del nuovo tracciato della SS 106 può rappresentare per lo sviluppo del territorio di Villapiana che non può essere esclusa dai lavori. Uno svincolo, così come era previsto dal progetto preliminare. È quello che richiede il Consiglio Comunale all’unanimità. Minatori, perforatori, carpentieri, gruisti, cartellonisti, ponteggiatori, lancisti. Sono, queste, alcune delle figure professionali di cui il territorio, in previsione dei lavori, dovrà dotarsi. È per questo – ha dichiarato il Sindaco - che chiediamo agli organi preposti, Regione Calabria, Provincia di Cosenza, cassa edile ed associazioni di categoria, ad attivarsi per costituire dei corsi di formazione e qualificazione, che consentiranno di investire sul personale locale. 

 

Villapiana. Il Sindaco Roberto Rizzuto ribadisce il diritto di tutti ad avere uno svincolo. Il Sindaco di Villapiana si è fatto portavoce di tutti quei cittadini che chiedono un loro svincolo personale. Basta con questa politica dei figli e figliastri. Tutti i frontisti che si affacciano sul disastroso progetto della nuova-nuova 106 (3° megalotto Roseto-Sibari) hanno diritto ad uno svincolo. Del resto, diciamolo chiaramente, il proprietario di una villetta affacciata sulla progettata superstrada, deve o non deve poter accedere direttamente a casa sua? Certamente deve!

La soluzione è a portata di mano. Basterà realizzare uno svincolo ogni cento metri, naturalmente su entrambe le corsie di marcia. Ognuno di essi potrà essere servito da un cancello apribile elettricamente con il telecomando (dato in dotazione agli interessati).

Ovviamente, vista l'impossibilità di creare corsie di accelerazione per l'immissione in strada (gli svincoli infatti risulteranno molto fittamente addossati gli uni agli altri), si tratterà semplicemente d'impiantare dei comodi semafori, anch'essi dotati di telecomando (dato sempre in dotazione agli interessati).

Una soluzione per evitare i circa mille semafori potrebbe essere quella di creare due complanari a doppio senso di marcia affiancate alla superstrada. La ottenuta ampia larghezza dell'arteria (quattro corsie di marcia, due di emergenza, quattro di complanari più quattro di emergenza), che risulterebbe di quattordici corsie, consentirebbe anche l'atterraggio ed il decollo dei normali voli di linea nazionali ed internazionali. Finalmente vedremmo risolto anche l'annoso problema di uno scalo aereo nel territorio. Come si dice: due piccioni con una fava.

Inutile precisare che avendo, in questo razionale modo, occupato tutta la fascia costiera fino alla battigia, occorrerà anche prevedere delle comode piazzole per le sdraie e gli ombrelloni dei bagnanti che d'estate affollano festosamente le spiagge.

Per le vestigia archeologiche, che verranno coperte dalla modernissima infrastruttura, la soluzione è semplice ed elegante: grandi riquadri in cristallo antisfondamento, ritagliati sull'asfalto, permetteranno di ammirarle anche solo affacciandosi al finestrino. Senza scendere (sarebbe pericoloso).

Per il doveroso rispetto all'ambiente le stazioni di servizio offriranno agli automobilisti un grazioso souvenir: un ciuffo d'erba (plastificato) ogni dieci litri di carburante.Il Sindaco ha anche sottolineato il vantaggio occupazionale per i giovani del territorio. Testualmente: "Minatori, perforatori, carpentieri, gruisti, cartellonisti, ponteggiatori, lancisti" costituiranno la squadra che realizzerà l'opera. Ora non ci sono, è vero, ma il Sindaco si è già appellato alla Regione perché organizzi dei corsi professionali (l'amministrazione regionale risponderà al grido di dolore sicuramente a breve). Naturalmente, le ditte private, che in subappalto realizzeranno la grande opera, sono già pronte, anche se non l'hanno detto, a licenziare subito tutta la loro manodopera, e si sono rese disponibili, anche se ancora non l'hanno precisato, ad assumere tutti i valorosi giovani del posto, impazienti d'impugnare pala e picco, anche solo per poi raccontare agli sbigottiti nipoti: "Io c'ero".

Maurizio Silenzi Viselli

 

< Precedente   Prossimo >