Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow l'Opinione arrow Linea Verde:Ulteriore presa per il c.....
Skip to content
Linea Verde:Ulteriore presa per il c..... PDF Stampa E-mail
Scritto da A.M.Cavallaro   
lunedý, 22 aprile 2013 08:25
ImageLinea Verde a Sibari. La notizia che la popolare trasmissione televisiva di Rai-Uno si sarebbe occupata anche della nostra sibaritide era stata diffusa attraverso un comunicato del Sindaco di Cassano Gianni Papasso e molti concittadini si sono “appostati” davanti al televisore per vedere e sentire cosa avrebbero mostrato e detto del nostro territorio. Come già accaduto altre volte, la visione dell’area sibarita è stata molto limitata, si è trattato di una veduta panoramica da un elicottero solo della zona riguardante gli scavi archeologici di Sibari, commentata, ovviamente, in modo molto fugace e, a mio parere, anche molto disdicevole, mettendo in evidenza soltanto le pecche di chi non era intervenuto per prevenire la famosa esondazione del Crati. A commentare è stato chiamato Raffaele Nigro, caporedattore della sede RAI di Bari, originario di Melfi (PZ) scrittore e sicuramente ottimo giornalista, che però non mi è parso particolarmente interessato al nostro territorio, né a mettere in risalto le nostre peculiarità migliori, anzi, semmai, a denigrare in modo subdolo e, sotto certi versi, sconcertante quello che veniva ripreso dalle telecamere, senza considerare che è stato fatto intervenire un poliziotto il quale ha rimarcato come la zona sia pericolosa e che comunque è tenuta bene sotto controllo. (sic!)

Se è così che si vuole promuovere l’area della Sibaritide, è meglio che questi “grandi comunicatori” se ne stiano a casa loro piuttosto che venirci a prendere  per i fondelli.

La trasmissione si è occupata bene di Rocca Imperiale con visione parziale del castello e della produzione dei limoni;  benino di Trebisacce, di cui si è mostrato l’arancio definito “Biondo di Trebisacce”, denominazione sentita per la prima volta, almeno da me, in quanto questo prodotto particolare è universalmente conosciuto come “biondo calabrese”,  e poi ampio spazio è stato dato alla Basilicata ionica e alla cittadina di Bernalda, di dove  è originaria la famiglia del regista italo-americano Francis Ford-Coppola.

Un amico bresciano che viene spesso d’estate a Sibari , mi ha telefonato subito dopo la trasmissione notevolmente arrabbiato perché sperava che  venissero mostrati i luoghi d’eccellenza del territorio nostro, di cui è un grande estimatore,  e non solo della vicina Lucania, e giù parole di disapprovazione nei confronti dei nostri amministratori locali, colpevoli, secondo lui, di non essere riusciti a intervenire sull’impostazione della trasmissione. Ho cercato di rabbonirlo spiegando che i nostri rappresentanti locali non hanno certamente colpa alcuna di quello che si decide negli uffici dove vengono stabiliti i palinsesti televisivi e che ormai, comunque, siamo abituati a sentire solo vituperi e osservazioni di sufficienza sciocchi, figli di pregiudizi e ignoranza.

Antonio Michele Cavallaro

< Precedente   Prossimo >