Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow Ambiente e salute arrow Inquinamento: Tolleranza zero
Skip to content
Inquinamento: Tolleranza zero PDF Stampa E-mail
Scritto da Vari   
lunedý, 18 marzo 2013 06:43
ImageSotto gli sguardi apparentemente indifferenti dei rossanesi e dei sibariti tutti, sono ormai molti fine settimana che le torri di Sant'Irene sbuffano inebriando il cielo con benefico vapore bianco. Già, perché ora, grazie a complesse e ultra inquinanti formule chimiche, il fumo nero che un tempo vedevamo uscire dalle ciminiere degli impianti industriali diventa bianco come i vapori di una sauna rilassante, se non addirittura trasparente.A questo punto rivolgiamo delle domande che richiedono risposte immediate da parte di Enel, senza le quali ognuno è autorizzato a pensar male. Quando si è parlato della famosa petroliera che avrebbe dovuto attraccare al porto di Corigliano carica di olio per riempire i mega-serbatoi della Centrale, l'azienda ha rassicurato tutti dicendo che non c'era nessuna intenzione di riaccendere il mostro di Sant'Irene. Dunque quali attività sta svolgendo la centrale? Non esiste nessuna emergenza energetica nazionale, visto che in queste settimane la media del fabbisogno italiano si attesta intorno ai 30.000 megawatt, mentre la potenza netta installata è di circa 180.000 megawatt, indi per cui nulla giustifica l'eventuale messa in funzione di una centrale costruita mezzo secolo fa, con sistemi di combustione, di controllo e di filtraggio di mezzo secolo fa. Quindi, perché? Forse si vuole punire il territorio per aver detto no alla riconversione ottocentesca proposta dalla multinazionale?

ImageE cosa c'è in quel vapore? Agli ultimi dati in nostro possesso, ovvero quello dei registri europei, la centrale emetteva negli anni scorsi fumi con 920 mila chili di monossido di carbonio, 2.300 mila chili di ossido di azoto (Nox), 1.500 mila chili di ossido di zolfo (SOx), 133 chili di nichel, 177 mila chili di gas organici ultra inquinanti, più di due miliardi di chili di CO2: nulla a che vedere con i vapori di una sauna insomma, tutto terribilmente inquinante e dannoso per la nostra salute e, a dire il vero, nel registro mancano tanti altri metalli e composti pericolosissimi. Pensare che ci sono “sostenitori” dell'azienda, sparutissimi a dire il vero, che affermano addirittura che la centrale sia un baluardo di tutela dell'ambiente. Chi controlla le emissioni della centrale? Chi tutela i cittadini e dove è la trasparenza? Perché i cittadini non sanno quello che respirano, non sanno in che mare nuotano, non sanno quello che si mangiano? Perché è permesso ad un colosso come Enel di svolgere le proprie attività, che sono terribilmente impattanti per il nostro territorio, senza dover rendere conto a nessuno, senza dover nemmeno informare quelli che vivono ai piedi della centrale?
Il colonialismo di Enel fa parte di un capitolo buio della nostra storia, di cui stiamo pagando pesantissime conseguenze sanitarie ed economiche. Ma oggi il nostro territorio non è più una colonia delle multinazionali o della burocrazia clientelare di stato, pretendiamo che i cittadini siano informati di ogni attività, Enel dia conto alla comunità di Rossano e della Sibaritide.
Flavio Stasi
Rete per la Difesa del Territorio “Franco Nisticò”
Contatti:
3341557744

 

ImageCOMITATO DIFESA E SVILUPPO SOSTENIBILE SIBARITIDE

NO TRIV

COMITATO INTERREGIONALE

Primo tempo: Regioni-NoTriv 0 – Governo 2

Secondo tempo: Regioni-NoTriv 4 – Governo 2  

Il Governo (nelle persone dei Ministri Clini e Passera -Ambente e Sviluppo Ec.-), pochi giorni fa e di tutta fretta, ha approvato le norme regolamentari in applicazione del Dl 9 febbraio 2012, n. 5, in materia di disposizioni urgenti per la semplificazione e lo sviluppo (convertito con modificazioni dalla L. 4 aprile 2012, n. 35, in G.U. 06/04/2012, n. 82), sollevando non poche perplessità e critiche nel mondo variegato dell’ambientalismo e dell’economia alternativa. Infatti, con tali provvedimenti si dava il via, tra l’altro, alle società petrolifere e ai loro progetti di trivellazioni a mare e sulla terra, in molte Regioni d’Italia che si erano già espresse in modo contrario. Si è osservato che un Governo in liquidazione non avrebbe dovuto osare tanto e in termini calcistici abbiamo dovuto incassare un netto: 2 a 0 contro i NoTriv.  Senonché la Corte Costituzionale adita dalle Regioni Veneto, Toscana e Puglia che avevano imputato l’art. 61, comma 3 di incostituzionalità per l’introduzione del principio della prevalenza degli orientamenti governativi su quelli delle Regioni in una materia (tutela ambientale) già regolata in senso opposto in base al principio di sussidiarietà che garantisce l’autonomia regionale (Art.118 Cost.), con Sentenza N.39 depositata il 15 marzo scorso ha dichiarato la norma incostituzionale cancellandola dal ns. ordinamento. Conclusione: 4 a 2 per i NoTriv.

Ciò non vuol dire tutti a casa sia perché ci riproveranno e perché i procedimenti sono tuttora in corso davanti ai Ministeri competenti.

Avanti così.

                                                                                                            
Avv. Amerigo Minnicelli
< Precedente   Prossimo >