Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow l'Opinione arrow Ieri tutti dolenti attorno al feretro
Skip to content
Ieri tutti dolenti attorno al feretro PDF Stampa E-mail
Scritto da P.Martino   
martedý, 05 febbraio 2013 09:23
ImageIeri al Consiglio Comunale c'erano un pò tutti. Tutti scienziati, tutti capaci di fare e dire "dopo", ovviamente. Tutti che ammonivano....
Se fossi stato presente (ma non ci sarei mai andato) anche io avrei detto due o tre cose... più o meno queste:
"Quello che è successo nei giorni scorsi a Sibari, nell’area archeologica, è qualcosa che non dimenticheremo e che non dobbiamo dimenticare. E’ e sarà la nostra Shoa!!! Al capezzale della storia siamo arrivati in tanti e in tanti abbiamo visto la nostra coscienza denudata, il nostro egoismo annegare, la nostra presunta superiorità essere sopraffatta dai moti della natura, dalle acque di un fiume che nasce e che deve morire in altre acque ancora più maestose. Abbiamo visto, per un attimo ci siamo commossi e ce ne siamo andati. Ma la vergogna della nostra incuria è ancora lì: non serve aspirarla con potenti idrovore. Il suo segno è ormai storia e la storia purtroppo non si cancella. Non è un discorso politico. Abbiamo tutti delle colpe. Abbiamo tutti un fardello che ci porteremo sempre sulle spalle: nessuno potrà levarcelo. E’ la nostra lettera scarlatta di un tangibile segno di manchevolezza, di assenza, di ignoranza. Né la corsa contro il tempo potrà alleviarci il dolore: è uno stato irrimediabile. Decine e decine di anni buttati al vento.

E ovviamente anche potendo, nulla sarà come prima. Nulla. Come le migliaia di volumi dell’alluvione di Firenze persi per sempre, anche per noi sono persi per sempre i nostri libri della nostra storia scritti in ogni pietra che avevamo, con dispendio di forze e di poche risorse, riportato alla luce dalle tenebre della storia. Libri di pietra che non leggeremo più.
E la colpa è di tutti! Di nessuno escluso. E’ mia ed è vostra!
Il Crati ingrossa e spande. E’ naturale! Il Crati se ostacolato distrugge. E’ naturale! Il Crati deve arrivare al mare. E’ Naturale. Non è naturale aver permesso nel corso degli anni la coltivazione dei suoi argini. Non è naturale non averlo impedito. Ma come farlo se noi politici non abbiamo mai pensato all’ambiente, al territorio, alla sua tutela, al suo sviluppo naturalistico? Questa è la nostra colpa! Aver permesso al nostro egoismo di avere la meglio su tutto. Per voti e per soldi!
E allora se tutto è perduto, come la Fenice, qualcosa potrebbe ancora rinascere. La nostra coerenza, per esempio. Il nostro patto di un patto con la natura: farlo ora non è certamente tardi. Stringere amicizia con la natura non è mai tardi. E allora scriviamolo insieme questo patto. Come per la Shoa, diciamo anche noi: MAI PIU’. Ma deve essere un patto che dovremo onorare, un impegno che dovremo mantenere: per noi, per i nostri figli e per le generazioni future. Perché non siano le solite parole che il vento porterà con se e poi vomiterà da qualche altra parte, perché nauseato da tante altre parole pronunciate in simili circostanze.
Approviamo qui e ora tutti gli strumenti che occorrono. Facciamo si che vengano applicati. Se non lo sappiamo, e non lo sappiamo!, chiediamo in giro cosa e come fare! Ma agiamo subito, con determinazione, senza lasciare più che queste cose accadano. Lasciamo perdere il frivolo e dedichiamoci, insieme, alle cose utili. Ora e per tutta la legislatura stringiamo un patto programmatico per alleviare il nostro dolore. Potrebbe essere questo il nostro patto con la storia, con il tempo, con le nostre generazioni e soprattutto con madre natura."

dott. Pietro Martino - Naturalista

< Precedente   Prossimo >