Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow News arrow Articoli di Stampa arrow Il blocco della discarica sul "Quotidiano"
Skip to content
Il blocco della discarica sul "Quotidiano" PDF Stampa E-mail
Scritto da A.Iannicelli   
lunedý, 17 dicembre 2012 07:02
ImageCassano. Bloccato per circa sei ore l’accesso alla discarica di contrada “La Silva”. Ieri mattina, prima che sorgesse il sole, una cinquantina di agricoltori cassanesi aderenti al comitato spontaneo per la difesa della salute e dell’ambiente, con la presenza anche del primo cittadino, Gianni Papasso, hanno manifestato sulla strada d’accesso alla discarica, provvedendo, con dei trattori, a bloccare il passo ai primi camions carichi di immondizia provenienti dai comuni di Bisignano, Corigliano, Sant’Agata d’Esaro, Spezzano Albanese e Rossano autorizzati, “in via del tutto eccezionale e in termini d’urgenza e somma urgenza”, dal commissario delegato per l’emergenza ambientale, Vincenzo Speranza, con disposizione n. 13066 del 14 dicembre 2012, a conferire i propri rifiuti solidi urbani dal 14 dicembre e fino al prossimo 17 dicembre 2012 nella discarica cassanese. Il primo cittadino cassanese, già nella serata di venerdì, aveva provveduto, con una propria ordinanza, la n. 112 del 14 dicembre 2012, dopo averne dettagliatamente spiegato le motivazioni, a ordinare il “divieto di conferimento nella discarica comunale di località <La Silva> dei rifiuti dei comuni di Rossano, Corigliano Calabro, Bisignano, Spezzano Albanese, Sant’Agata d’Esaro indicati nel provvedimento del Commissario delegato per l’emergenza ambientale n.13066 del 14 dicembre”. 

Con il provvedimento sindacale si ordinava, altresì, alla ditta che gestisce la discarica di “vietare l’ingresso all’impianto ai mezzi dei cinque Comuni (Bisignano, Corigliano, Sant’Agata d’Esaro, Spezzano Albanese e Rossano) per il successivo conferimento dei rifiuti solidi urbani” e alla polizia municipale di “non consentire il transito di mezzi pesanti adibiti al trasporto di rifiuti solidi urbani non autorizzati”. Un’ordinanza che, poi, il primo cittadino ha revocato nella tarda mattinata di ieri dopo aver concordato con il Prefetto di Cosenza un incontro tra le parti per martedì prossimo 18 dicembre.

La notizia della convocazione dell’incontro, a cui parteciperà anche una delegazione del Comitato spontaneo, ha fatto sì che il presidio sulla strada di accesso alla discarica venisse tolto. Sin dalla mattinata c’erano state frenetiche trattative con la Prefettura di Cosenza per la convocazione di un tavolo di confronto per la risoluzione della questione. E’ una questione che il Prefetto di Cosenza, Raffaele Cannizzaro, conosce bene. Il rappresentante del Governo, infatti, già nella tarda serata di venerdì,  con una propria nota, la n° 47043 del 14 dicembre, inviata via fax al sindaco del comune di Cassano e, per conoscenza, al commissario delegato per l’emergenza ambientale,  aveva invitato, “al fine di scongiurare ulteriori problematiche di carattere igienico – sanitarie ed eventualmente di ordine pubblico”, il primo cittadino cassanese a “voler disporre per l’esecuzione dell’ordinanza emanata dal Commissario delegato per l’emergenza rifiuti in Calabria entro i soli e ristretti limiti temporali previsti dall’ordinanza”.

Una questione che per il momento pare risolta. Il sindaco Gianni Papasso, infatti, “di concerto con il comitato civico, ha acconsentito agli automezzi di scaricare nettezza urbana solo per oggi (ieri per chi legge), sino alle 15 e anche lunedì  sino alle 13,00”.  “Bisogna dire innanzitutto – ha dichiarato il primo cittadino cassanese, Gianni Papasso – che il comitato civico ha ragione a protestare. Ancora una volta l’Ufficio del Commissario per l’Emergenza Ambientale non ha rispettato  gli accordi presi lo scorso giugno con un protocollo d’intesa e ci troviamo ad accogliere immondizia superiore a quella preventivata nella nostra discarica”. Il sindaco cassanese tiene a ricordare che “nelle scorse settimane, per solidarietà nei confronti di delle popolazioni colpite dal terremoto, la discarica di contrada La Silva è stata aperta anche ai conferimenti dei comuni di Mormanno e Laino.

Venerdì sera – sottolinea il primo cittadino -  la situazione è precipitata, senza informarmi preventivamente quale sindaco del Comune in cui la discarica è allocata, il Commissario per l’Emergenza Ambientale ha emesso un’ordinanza con la quale dispone il conferimento in discarica, sino al 17 dicembre, anche dei comuni  di Rossano, Corigliano, Bisignano, Spezzano Albanese e Sant’Agata d’Esaro. A questa ordinanza mi sono in prima persona, per il bene dei miei cittadini perché avvertivo il sentimento della loro preoccupazione, opposto con un’altra ordinanza con cui ho vietato l’accesso in discarica ai Tir non autorizzati.  Il Prefetto, su mia iniziativa e con grande disponibilità – ha dichiarato, alla fine, il sindaco Papasso - ha convocato un tavolo di confronto per martedì mattina in Prefettura anche con l’Ufficio del Commissario e taluni rappresentanti del Comitato civico. In tale sede – ha annunciato - noi chiederemo un’unica cosa per il bene e la salute di questa collettività: che vengano rispettati i patti sottoscritti a giugno e che il conferimento in discarica in contrada La Silva sia limitato ai soli 17 Comuni, compresa Cassano, in quell’occasione concordati”.

ImageAntonio Iannicelli - Il Quotidiano di Calabria del 16-12-12

< Precedente   Prossimo >