Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow l'Opinione arrow Una SPA nelle Terme di Cassano
Skip to content
Una SPA nelle Terme di Cassano PDF Stampa E-mail
Scritto da A.M.Cavallaro   
martedý, 04 dicembre 2012 17:57
ImageLa preannunciata conferenza stampa indetta dal Consiglio d’Amministrazione delle Terme Sibarite ha avuto luogo oggi alla presenza del presidente della Regione Calabria Giuseppe Scopelliti. L’oggetto della conferenza era la presentazione di un “masterplan” per aumentare le capacità attrattive del nostro centro termale. Capiamoci bene non si tratta né di un progetto di massima, né di una semplice idea progettuale. Un masterplan “è una sorta di "Piano d'Azione": vi sono delineati gli obiettivi da raggiungere, definite le competenze, le responsabilità e gli strumenti che i singoli attori del processo decisionale debbono compiere. Il masterplan, generalmente, si occupa di delineare indirizzi di settore” (da wikipedia) Abbiamo riportato questa definizione giusto per chiarire il concetto, in caso contrario con questa parolona si potrebbero intendere fischi per fiaschi. Nel comunicato stampa che ci è stato inviato con preghiera di pubblicazione e che trovate in coda alla presente nota, è stata  ventilata  una serie di innovazioni che sarebbero veramente auspicabili nel nostro centro termale. Ma non sarà un’altra bolla di sapone?  Nel testo del comunicato, si dice che è stato redatto un progetto esecutivo (costato quanto? Ci vengono in mente i costosissimi progetti faraonici di un passato sindaco) che prevede una piscina coperta, un centro benessere e una sala convegni, tutte cose che effettivamente renderebbero certamente più accattivante un soggiorno nel nostro paesello.

Ma ammesso che tutte queste cosine venissero realizzate, dove sarebbero accolte le centinaia o migliaia di ospiti? L’Hotel delle Terme non ci pare abbia una capienza tale da poter soddisfare richieste massicce. Sempre nel comunicato leggiamo che il presidente Scopelliti ha detto testualmente ”…. e non a caso abbiamo destinato 1 milione di euro al termalismo….” . Ha detto al termalismo, non alle terme di Cassano, di questo milioncino quanti Euro toccheranno alle nostre? Non si sa. Il presidente Lione invece nel suo intervento ha detto: ”la legge regionale sul termalismo ci offre importanti possibilità anche di natura finanziaria a cui potremo attingere, che insieme ai fondi di cui dispone la società, ci permetteranno di  rendere cantierabile l’opera”.  Dei soldi della legge regionale abbiamo capito l’entità, ci piacerebbe conoscere l’ammontare dei fondi di cui dispone la società; a noi risulta che le casse siano a secco, o quasi. Ci auguriamo, ovviamente di essere in errore e quanto da noi esposto, sia chiaro, non è per amor di polemica, perché anche a noi, come al presidente Scopelliti, non frega niente se i finanziamenti arrivano da destra o da sinistra, quello che ci preme è che non vengano raccontate altre fanfaluche, il tempo delle favolette è finito.  Staremo in attesa di ulteriori sviluppi e visto che era presente anche un importante ex-esponente dell’UIL  Benedetto Di Iacovo,  ci auguriamo che almeno lui sia vigile a tutela della buona fede di chi annaspa alla ricerca di un lavoro.  (A.M.C.)

PS: Al fine di diradare ombre e dubbi sull’iniziativa sarebbe interessante conoscere nel dettaglio il masterplan con le previsioni di spesa e le fonti  di finanziamento.

(invitiamo i visitatori a prendere visione, cliccando quì, di un nostro vecchio articolo dal titolo "Così si fa turismo termale")

 

Image

 

COMUNICATO STAMPA

Presentato masterplan per l'ampliamento funzionale del complesso termale delle Terme Sibarite di Cassano All’Ionio.

 Nella sala convegni delle Terme Sibarite di Cassano All’Ionio è stato presentato il masterplan per l'ampliamento funzionale del complesso termale. A coordinare i lavori è stato Roberto Senise, uno dei consiglieri del consiglio di amministrazione delle Terme insieme a Pierluigi Martucci. Presenti, oltre a loro, anche il presidente delle Terme, Mimmo Lione, il Presidente della Regione Calabria, Giuseppe Scopelliti, e Giuliana Bernaudo, responsabile per il settore termalismo dell’ASP di Cosenza, i consiglieri regionali Gianluca Gallo, Gianpaolo Chiappetta, Ennio Morrone e Benedetto Di Iacovo, presidente della commissione regionale per l’emersione del lavoro non regolare. Dopo la relazione sullo stato dell’azienda, presentato da Roberto Senise, è toccato al presidente introdurre il progetto di ampliamento del complesso termale: «Le aziende termali, come in senso più ampio, tutte imprese che lavorano nell’ambito del benessere stanno direzionando la loro “mission aziendale” verso un ampliamento e diversificazione della loro offerta. La nuova tendenza in ambito termale è rappresentata dalla funzionalità di nuovi e moderni centri benessere con annesse piscine utilizzabili per l’intero anno. Per questo una società pubblica come le terme sibarite deve intraprendere rapidamente questa strada  senza tentennamenti  che sarebbero letali e non riuscirebbero a far riposizionare in tempi utili l’azienda nel nuovo bacino di utenza. Un management accorto si avvede di quanto avviene nella società che lo circonda, cerca di interpretarne le tendenze, al fine di trasformare le nuove richieste del mercato in utili aziendali nuovo lavoro ed occupazione.  In conseguenza di questa analisi abbiamo fatto redigere una progettazione esecutiva che nel lungo periodo preveda investimenti miranti alla creazione di una piscina coperta, di un centro benessere e di una sala convegni». «La legge regionale sul termalismo – ha concluso il presidente Lione – ci offre importanti possibilità anche di natura finanziaria a cui potremo attingere, che insieme ai fondi di cui dispone la società, ci permetteranno di  rendere cantierabile l’opera. La regione Calabria , con l’approvazione  della legge  di cui dicevo, ha riconosciuto il settore termale come strategico   per l’economia calabrese ed ha dato  alle aziende uno strumento di lavoro imprescindibile, alla luce di ciò va tributato, al Presidente Scopelliti, alla commissione consiliare competente per materia ed al Consiglio regionale un forte ringraziamento».

 

Dopo l’intervento del presidente e un breve saluto di Gianni Papasso, sindaco della Città delle Terme, è stato l’ing. Mario Oriolo a spiegare nel dettaglio il progetto. A seguire, l’intervento del presidente Scopelliti: «Ho sposato subito questo progetto perché l’ho trovato valido e perché come Amministrazione Regionale stiamo puntando molto sul turismo, in particolare sul turismo termale inserendolo all’interno di molti progetti per farlo emergere all’interno di quelle nicchie di mercato turistico che ci permettano di promuovere la Calabria nel migliore dei modi. Non a caso, ad esempio, dieci navi da crociera attraccheranno in Calabria nel 2013. Perché? Perché stiamo promuovendo i nostri 4 porti regionali e il territorio che ad essi si rivolge». «Il turismo termale – ha insistito Scopelliti – ci deve servire come risposta al territorio, alle persone che lo abitano  perché in questo particolare momento storico è a loro e solo a loro che bisogna rivolgersi. È molto importante che ci siano enti come questo delle Terme di Cassano che meritino gli investimenti perché non ci chiedono fondi per coprire buchi di bilancio ma ci permettono di investire e camminino con le loro gambe grazie alla virtuosità dei propri amministratori e per dare risposte vere a particolari porzioni di territorio. Dico questo non per propaganda politica, non a caso non guardo mai in faccia il colore politico dei sindaci. Molte volte quando vado in un territorio non so nemmeno di quale partito sia il sindaco. E non a caso abbiamo destinato 1 milione di euro al termalismo: per attrarre gente dalla Germania, dal centro Europa, dai paesi scandinavi. Non ci interessa la polemica sterile, quando abbiamo pensato a questo progetto abbiamo pensato ad  alberghi con spa di un certo livello perché chi lavora se ha una settimana deve venire qui a riposarsi. È la filosofia di vita di vita contemporanea e questo crea nuove opportunità per i territori. Sarò felice se questo progetto riesca a portare a casa l’intera posta del progetto».

 

L’Ufficio Stampa

Terme Sibarite SpA

 

 

 

< Precedente   Prossimo >