Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow Spirito e Fede arrow La diocesi in aiuto ai terremotati
Skip to content
La diocesi in aiuto ai terremotati PDF Stampa E-mail
Scritto da don Alessio   
venerdý, 26 ottobre 2012 23:18
Image
mons.Galantino
Sisma sul Pollino: in campo anche la Chiesa - La Caritas diocesana offre collaborazione all’unità di crisi - Sabato mattina visita di monsignor Galantino nelle zone colpite dal sisma. - Anche la Diocesi di Cassano all’Jonio scende in campo per contribuire ad arginare i disagi e le sofferenze scatenate dalla forte scossa di terremoto che ha interessato l’intero comprensorio del Pollino e, in particolare, il centro abitato di Mormanno.  Già in mattinata nei luoghi del sisma si sono recati il vicario diocesano generale, monsignor Francesco Oliva, ed i volontari della Caritas diocesana. Proprio questi ultimi, attraverso il loro direttore Raffaele Vidiri ed in coordinamento con Caritas Italiana, dopo un sopralluogo in zona hanno formalmente offerto al sindaco di Mormanno ed all’unità di crisi la propria disponibilità a collaborare alle iniziative che saranno adottate per fronteggiare le conseguenze del sisma. (in coda una nota di mons.Galantino inviata via web)

Nel frattempo, su altro versante, i tecnici della diocesi, insieme agli esperti della Soprintendenza, sono alle prese con le verifiche sulla stabilità degli edifici di culto e delle opere d’arte custodite al loro interno. Particolare apprensione destano, in queste ore, le condizioni della chiesa secentesca di Santa Maria del Colle, nel cuore del centro storico di Mormanno, dichiarata inagibile dai Vigili del Fuoco. Gravemente lesionata anche la chiesa del Santo Spirito, a Laino Borgo. Cadute di calcinacci dalla volta centrale e dalle navate laterali si sono invece avute nella chiesa di Santa Maria Maddalena, a Morano Calabro. «Penseremo anche alla tutela e salvaguardia del prezioso patrimonio artistico della nostra diocesi, ma per adesso la priorità è provvedere ai bisogni delle persone e ristabilire le condizioni minimali di vivibilità», fa sapere il Pastore della Chiesa cassanese, monsignor Nunzio Galantino, che sebbene impegnato all’estero in un convegno internazionale, appena ricevuta notizia dell’accaduto ha deciso di rientrare immediatamente in Italia «per stare vicino alle popolazioni colpite dal dramma e capire cosa e come la Chiesa possa e debba fare sin da subito per alleviare la sofferenza di tanti fratelli e sorelle e condividerne il peso».

Già nella mattinata di sabato monsignor Galantino si recherà in visita a Mormanno.

Don Alessio

DICHIARAZIONE DEL VESCOVO della DIOCESI DI CASSANO ALL’JONIO MONSIGNOR NUNZIO GALANTINO - "Stendo queste note mentre purtroppo sono bloccato dal maltempo in aeroporto a Nizza e dopo una giornata convulsa: trascorsa tra telefonate e sms, a partire dalle primissime ore di venerdì. Ero partito per presentare l’ipotesi di un progetto a favore di nostri ragazzi e giovani appartenenti a famiglie coinvolte in situazioni di grave conflittualità. Informato del terremoto che ha colpito il nostro territorio, ho subito cercato una possibilità per tornare a Cassano.

Conosco - da quanto mi hanno riferito il Vicario generale, alcuni parroci, i nostri tecnici e qualche fedele - la situazione. So che alcune nostre belle Chiese hanno subito gravi danni. Confesso però che la mia prima e grande preoccupazione è per le persone; per quelle che sono state svegliate in maniera violenta nel cuore della notte e per quelle - amministratori pubblici e uomini politici - che sono chiamate ora a stabilire priorità negli interventi e tenere a bada appetiti che purtroppo possono accentuarsi in queste circostanze.

La mia preghiera e la mia vicinanza vanno alle une e alle altre. Le prime hanno bisogno di attenzione, di vicinanza e di gesti concreti che restituiscano speranza e voglia di vivere. Gli amministratori pubblici e gli uomini politici, appartenenti alle stesse comunità provate duramente, hanno bisogno di un supplemento di incoraggiamento, di vicinanza e di vigilanza. Quanto alle nostre comunità terremotate, sentiamo già viva la presenza della Chiesa italiana attraverso Caritas Italiana. Sono certo, per esperienze passate, che non saremo lasciati soli dai nostri fratelli di fede e dai loro pastori. Agli uomini politici e agli amministratori pubblici chiedo di cogliere questa grave circostanza per dare seguito alle parole che ho sentito dire loro negli incontri avuti con me in questo periodo. Ricordate che, con parole diverse, tutti mi avete parlato di politica come servizio e di politica come passione per far crescere il nostro territorio. È questo il momento di passare dalle parole ai fatti. Non vi farò mancare incoraggiamento e vicinanza. Statene certi, non chiederò niente per le nostre realtà prima di vedere esaudite le richieste degli ultimi. Chiedo ai Sacerdoti di fare lo stesso. Dobbiamo conservare la libertà di denunziare con chiarezza ritardi e “distrazioni”; e, se se ne realizzano le condizioni, dobbiamo mantenere la possibilità di riconoscere e apprezzare gli interventi a favore del bene comune, al di là di interessi espliciti o impliciti.

Uniamoci, affidiamo il nostro impegno e il nostro territorio a Maria Santissima. Sono certo che, con l’aiuto del buon Dio, potremo uscire da questa prova più rafforzati. Colgo intanto l’occasione per ringraziare confratelli e amici che hanno subito offerto la loro solidarietà e la loro generosa disponibilità. L’Ufficio tecnico e l’Ufficio per i beni architettonici e artistici della Diocesi - col supporto della Commissione di Arte sacra, dei Vigili del Fuoco, della Protezione Civile e del Genio Civile - saranno in grado nei primi giorni della prossima settimana di offrire una mappa attendibile dei danni subiti dalle strutture dipendenti dalla nostra Diocesi. Un pensiero e una preghiera va all'unica, anche se indiretta, vittima del sisma."

+don Nunzio


 

 

 

< Precedente   Prossimo >