Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow News arrow News di sibari arrow Leone di Bronzo nelle acque reggine
Skip to content
Leone di Bronzo nelle acque reggine PDF Stampa E-mail
Scritto da ansa   
martedý, 21 agosto 2012 17:35

ImageAncora un importante ritrovamento archeologico nello Ionio reggino. La notizia è stata diffusa dall'agenzia ANSA con un comunicato che lascia presupporre altri importanti ritrovamenti:  

"Ci sarebbero anche una nave ed un statua incagliati tra gli scogli al largo di Capo Bruzzano, dove sono stati trovati l'effige di un leone in bronzo ed un'armatura. A renderlo noto è Bruno Bruzzaniti, una delle tre persone che hanno rinvenuto i reperti a largo di Capo Bruzzano. "Quando sono entrato in acqua - ha detto Bruzzaniti - ho visto una statua che si trova incagliata tra gli scogli ed un pezzo di nave. Le maree però coprono tutto e quindi si deve essere proprio fortunati per poter vedere gli altri oggetti che si trovano ancora in fondo al mare".

L'effige del leone è alta circa cinquanta centimetri e pesa una quindicina di chilogrammi. Nella zona in cui è stato trovato ci sono anche alcuni resti di vasi di colore nero e la statua incagliata negli scogli. La prima ipotesi è che tutti gli oggetti appartenevano al carico di una nave affondata proprio davanti alle coste calabresi. Ora toccherà agli esperti della Soprintendenza dei beni archeologici compiere accertamenti sugli oggetti ritrovati e stabilirne l'epoca a cui risalgono.
Le due persone che hanno effettuato il ritrovamento, Leo Morabito e Bruno Bruzzaniti, sostengono di aver denunciato il ritrovamento alle autorità competenti. "Pensiamo si tratti di pezzi di valore - ha aggiunto Bruzzaniti - l'importante è che vengano salvaguardati e tutelati. E' una bella scoperta per tutta la Calabria".

Anni fa alcuni sub raccontarono di aver intravisto i resti di un'imbarcazione a circa 1 km dalla foce del Crati, non sappiamo se sono state fatte successivamente indagini specifiche, sarebbe oltremodo interessante se anche il nostro mare restituisse qualche straordinario reperto.

< Precedente   Prossimo >