Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow l'Opinione arrow sarÓ ricordato come: Passera l'Untore
Skip to content
sarÓ ricordato come: Passera l'Untore PDF Stampa E-mail
Scritto da M.R.D'Orsogna   
martedý, 14 agosto 2012 21:15
Image
La prof.ssa Maria Rita D'Orsogna
Sarebbe bello poter dire "BUON FERRAGOSTO" a tutti gli italiani e ai tanti amici che visitano costantemente il nostro sito, ma onestamente, ci riesce difficile in una situazione sociale ed economica "complicata", come quella che stiamo vivendo oggi e che  appare senza possibilità di sbocco. Sul web abbiamo "intercettato" una lettera che la ricercatrice italiana Maria Rita D'Orsogna, residente in California per lavoro, ha indirizzato al ministro Passera. (in coda potete leggere l'intero testo)  Un grido d'allarme, un atto d'accusa, un monito per tutti gli italiani, affinchè certe sconsiderate e folli elucubrazioni di Passera & C., siano sconfessate, bloccate e quindi non realizzate. Il monito della ricercatrice lo facciamo nostro e invitiamo tutti i giovani che ci leggono, di cominciare a pensare con estrema serietà al loro futuro personale e a quello della nostra Italia, mettendo da parte le seratine pseudo-culturali e abbandonando certe pratiche di "lecchinaggio" nei confronti del politico di turno. Pratiche che potevano andar bene qualche decennio fa e che hanno permesso a molti dei loro padri di sbarcare il lunario finora senza grossi patemi d'animo; la situazione è cambiata, i cosiddetti "posti di lavoro" in cambio di voti e di altre forme di servilismo, non ci sono più. E' necessario, oggi,  prendere in mano la propria vita e pensare autonomamente a come pianificare il proprio futuro lavorativo.

Quello che paventa Maria Rita D'Orsogna non è da imputare solo a Passera, Monti e tutta la  bella combriccola che ci sta affossando, ma all'intero canagliume di politicanti da strapazzo che non ha avuto le palle per governare l'Italia preferendo affidarla a questa accolita di "super-managers" che pensano solo di tutelare gli interessi delle banche, delle compagnie petrolifere e delle lobbyes finanziarie di cui fanno parte a vario titolo. Se non li blocchiamo finiranno veramente, dopo averci svuotato le tasche,  per fare dell'Italia un paese di zombi rincoglioniti dallo smog e dagli inquinamenti di vario genere. Diamoci una mossa, non aspettiamo l'ultimo momento e, soprattutto, lasciamo perdere questi policanti da strapazzo che a vari livelli, con il loro buonismo di facciata, ce lo mettono bellamente in quel posto da decenni.

A.M.Cavallaro

 

 

Caro signor Passera,

stavo per andare a dormire quando ho letto dei suoi folli deliri per l'Italia petrolizzata. Ci sarebbe veramente da ridere al suo modo malato di pensare, ai suoi progetti stile anni '60 per aggiustare l'Italia, alla sua visione piccola piccola per il futuro. Invece qui sono pianti amari, perche' non si tratta di un gioco o di un esperimento o di una scommessa.

Qui si tratta della vita delle persone, e del futuro di una nazione, o dovrei dire del suo regresso.

Lei non e' stato eletto da nessuno e non puo' pensare di "risanare" l'Italia trivellando il bel paese in lungo ed in largo. Lei parla di questo paese come se qui non ci vivesse nessuno: metanodotti dall'Algeria, corridoio Sud dell'Adriatico, 4 rigassificatori, raddoppio delle estrazioni di idrocarburi.

E la gente dove deve andare a vivere di grazia?         Ci dica.

Dove e cosa vuole bucare?              Ci dica.

I campi di riso di Carpignano Sesia? I sassi di Matera? I vigneti del Montepulciano d'Abruzzo? Le riserve marine di Pantelleria? I frutteti di Arborea? La laguna di Venezia? Il parco del delta del Po? Gli ospedali? I parchi? La Majella? Le zone terremotate dell'Emilia? Il lago di Bomba? La riviera del Salento? Otranto? Le Tremiti?

Ci dica.

Oppure dobbiamo aspettare un terremoto come in Emilia, o l'esplosione di tumori come all'Ilva per non farle fare certe cose, tentando la sorte e dopo che decine e decine di persone sono morte?

 

Vorrei tanto sapere dove vive lei.

Vorrei tanto che fosse lei ad avere mercurio in corpo, vorrei tanto che fosse lei a respirare idrogeno solforato dalla mattina alla sera, vorrei tanto che fosse lei ad avere perso la casa nel terremoto, vorrei tanto che fosse sua moglie ad avere partorito bambini deformi, vorrei tanto che fosse lei a dover emigrare perche' la sua regione - quella che ci dara' questo 20% della produzione nazionale - e' la piu' povera d'Italia.

Ma io lo so che dove vive lei tutto questo non c'e'. Dove vive lei ci sono giardini fioriti, piscine, ville eleganti soldi e chissà, amici banchieri, petrolieri e lobbisti di ogni genere.

Lo so che e' facile far cassa sull'ambiente. I delfini e i fenicotteri non votano. Il cancro verrà  domani, non oggi. I petrolieri sbavano per bucare, hanno soldi e l'Italia è corrotta. E' facile, lo so.

Ma qui non parliamo di soldi, tasse e dei tartassamenti iniqui di questo governo, parliamo della vita della gente. Non è etico, non è morale pensare di sistemare le cose avvelenando acqua, aria e pace mentale della gente, dopo averli lasciati in mutande perché  non si aveva il coraggio di attaccare il vero marciume dell'Italia.

E no, non è possibile trivellare in rispetto dell'ambiente. Non è successo mai. Da nessuna parte del mondo. Mai.

Ma non vede cosa succede a Taranto?

Che dopo 50 anni di industrializzazione selvaggia - all'italiana, senza protezione ambientale, senza controlli, senza multe, senza amore, senza l'idea di lasciare qualcosa di buono alla comunità - la gente muore, i tumori sono alle stelle, la gente tira fuori piombo nelle urine

E adesso noialtri dobbiamo pure pagare il ripristino ambientale?

E lei pensa che questo è il futuro?

Dalla mia adorata California vorrei ridere, invece mi si aggrovigliano le budella.

Qui il limite trivelle e' di 160 km da riva, come ripetuto ad infinitum caro "giornalista" Luca Iezzi. Ed e' dal 1969 che non ce le mettiamo più le trivelle in mare perchè non e' questo il futuro. Qui il futuro si chiama high tech, biotech, nanotech, si chiamano Google, Facebook, Intel, Tesla, e una miriade di startup che tappezzano tutta la California.

Il futuro si chiama uno stato di 37 milioni di persone che produce il 20% della sua energia da fonti rinnovabili adesso, ogni giorno, e che gli incentivi non li taglia a beneficio delle lobby dei petrolieri.

Il futuro si chiamano programmi universitari per formare chi lavorerà nell'industria verde, si chiamano 220’000 posti di lavoro verde, si chiama programmi per rendere facile l'uso degli incentivi.

Ma non hanno figli questi? E Clini, che razza di ministro dell'ambiente è?

E gli italiani cosa faranno?

Non lo so.

So solo che occorre protestare, senza fine, ed esigere, esigere, ma esigere veramente e non sui social-network  che chiunque seguirà questo scandaloso personaggio e tutta la cricca che pensa che l'Italia sia una landa desolata si renda conto che queste sono le nostre vite e che le nostre vite sono sacre.

 Maria Rita D'Orsogna

 

< Precedente   Prossimo >