Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow l'Opinione arrow Un treno ESIZIALE? BOHHHHH!
Skip to content
Un treno ESIZIALE? BOHHHHH! PDF Stampa E-mail
Scritto da A.M.Cavallaro   
giovedý, 17 maggio 2012 22:09

ImageHo letto il programma del candidato a sindaco del centro-destra Mimmo Lione e non mi permetto di esprimere un qualsivoglia giudizio sulla qualità delle idee e delle attività future prospettate, perché si sa che i programmi elettorali spesso non sono che dei proclami scritti giusto per riempire qualche pagina; sfiderei in qualsiasi momento il firmatario a spiegare  in termini concreti, punto per punto quanto enunciato. Ma il motivo del mio intervento non è quello di verificare la realizzabilità o la veridicità di quanto asserito  nel programma, piuttosto mi ha colpito l’uso di paroloni di cui l’estensore dell’elaborato dimostra di non conoscere il significato corretto e gliene attribuisce uno errato o, addirittura, opposto a quello desiderato.  E’ il caso del lemma “ESIZIALE”, che significa (Treccani docet): “che arreca gravissimo danno, pernicioso, altamente pericoloso”.

Ma andiamo a leggere l’intero periodo in cui viene utilizzato il termine (si trova al punto 10 Trasporti del programma di Mimmo Lione):

“…..Nessuno può nascondere, quindi, che sia esiziale per il rilancio economico di Cassano e dell’Alto Ionio, assicurare il pronto raggiungimento dell’unica tratta ferroviaria degna di tal nome esistente in Calabria, quella Tirrenica……”

Provate a mettere l’aggettivo “pernicioso” o “pericoloso” al posto di esiziale e vedrete che la frase assume un significato opposto a quello che il redattore vuole intendere. Probabilmente l’aggettivo “essenziale” più corretto nella fattispecie, è sembrato troppo “banale” e si è pensato di fare sfoggio di cultura con un termine più “aulico”.

Sono sicuro che non è stato Mimmo Lione a commettere questo banale errore, ma visto che questa coalizione si ispira alla tanto decantata rivoluzione culturale  dell’ex-sindaco on. Gallo, mi è sembrato doveroso mettere in evidenza il “qui pro puo”; diamo, almeno alle parole, il loro giusto significato; sui contenuti, come accennato in precedenza, è meglio stendere un pietoso velo.

Antonio MIchele Cavallaro

< Precedente   Prossimo >