Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow l'Opinione arrow Il PEL e il Comune di Cassano
Skip to content
Il PEL e il Comune di Cassano PDF Stampa E-mail
Scritto da C.Rullo   
venerdý, 11 novembre 2011 19:29
ImageP.E.L. è un acronimo che sta ad identificare un piano energetico locale, ovvero un metodo analitico con cui un’Amministrazione Comunale dovrebbe programmare e gestire le risorse energetiche al fine di ottimizzarle e razionalizzarle evitando quanto più possibile attivi impieghi. La razionalizzazione dell’energia è una materia ormai acquisita dalla normativa nazionale dal 1991 quando è stata approvata la legge 10, che prevede appunto  "Norme per l'attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell'energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia".In un mondo dove la società è sempre più attenta ad osservare le regole che hanno come obiettivo non solo l’uso razionale dell’energia, ma anche il controllo delle emissioni in atmosfera dei gas ad effetto serra, al fine di combattere l’ormai irrefrenabile innalzamento delle temperature del pianeta terra, il Comune di Cassano non può rimanere eclissato ed indifferente a questo genere di richieste, proposte non solo dalla legislazione nazionale ma addirittura dalla Comunità Europea se non da una convenzione internazionale definita dal protocollo di Kyoto.

Di fatto, il Comune di Cassano allo Ionio è una delle poche realtà locali a non essere dotata di una programmazione energetica andando controtendenza alle linee seguite da diverse amministrazioni comunali della Provincia di Cosenza che si sono associate ad una proposta promossa da ALESSCO, agenzia per l’energia e lo sviluppo sostenibile dello stesso ente Provincia di Cosenza. La proposta, denominata Patto dei Sindaci, è un’iniziativa che impegna le città di tutta Europa nella lotta al cambiamento climatico. È da apprezzare l’accenno al tendere la mano verso un’azione, dell’attuale amministrazione,  atta a definire le basi di un piano energetico comunale fin dal 2007 dando mandato all’ Aerel – Cirps Università la Sapienza di Roma impegnando una somma di 15000 euro, ma del risultato ad oggi non si hanno ancora notizie.

Alla luce del risultato ottenuto, il Comune di Cassano avrebbe potuto agganciarsi all’opportunità lanciata dall’ iniziativa il Patto dei Sindaci ma evidentemente non è interesse dei nostri dirigenti dotarsi realmente di un così importante strumento di programmazione che oltre tutto porterebbe all’amministrazione anche un ritorno economico, poiché diminuendo le perdite di energia, è conseguenza logica collegare il concetto ad un risparmio monetario di non indifferenti dimensioni.

Le misure attuative che consiglia la legge sono molteplici tra le quali sono presenti anche la progettazione e la messa in opera di nuovi interveti in grado di risultare addirittura investimenti positivi e remunerativi per le casse comunali.

Un esempio che viene usato come soluzione più frequentemente promossa, considera l’installazione di pannelli foto voltaici sopra il piano di copertura delle strutture pubbliche, intervento suggerito alla nostra gestione comunale da molti soggetti sia politici che fisici ma mai messo in atto. Ovviamente, questa non è l’unica via percorribile ci sono anche soluzioni più immediate ed economiche come l’uso di lampade a basso consumo da inserire negli impianti di impiego pubblico come scuole, municipio e sue sedi decentrate ed altro ancora.

In conclusione è evidente come la programmazione e la gestione di un piano energetico sia di fondamentale utilità per un ente locale soprattutto in questo momento di scelte politiche che vede come attore principale il federalismo fiscale che è appunto un sistema economico e politico che prevede un rapporto direttamente proporzionale tra le imposte riscosse in un territorio (comune, provincia, Regione, Stato) e quelle effettivamente impiegate, nel tentativo di promuovere le autonomie locali e creare un coordinamento tra i vari livelli amministrativi e di governo.

Christian Rullo

< Precedente   Prossimo >