Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow Eventi arrow Premio Cassano alle porte
Skip to content
Premio Cassano alle porte PDF Stampa E-mail
Scritto da administrator   
martedý, 06 settembre 2011 11:12

ImageCi permettiamo di ricordare, ai nostri gentili web-nauti, la manifestazione di grande spessore culturale che avrà luogo sabato 10 settembre prossimo con inizio alle ore 18,00 presso il Teatro Comunale di Cassano. Si tratta del “Premio Cassano”, giunto quest’anno alla XVI.a edizione,  organizzato dall’ I.R.S.D.D. (Isatituto di Ricerca e Studi di Demologia e di Dialettologia) di Cassano Ionio, presieduto dal solerte prof. Leonardo R.Alario, che tanto ha dato, e continua a dare, per portare lustro alla nostra cittadina. Quest’anno i premiati sono ancora una volta di grande valenza scientifica, sul palco del nostro teatro si alterneranno per ricevere l’ambito premio ricercatori e studiosi di chiara fama. Nella seconda parte trovate i nomi e le motivazioni. Ben otto i premi assegnati, 8 buoni motivi per dare il proprio contributo semplicemente presenziando all’evento.

Salvatore Claudio SGROI, Professore ordinario di Linguistica generale nella facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Catania, per l'impegno profuso nello studio della lingua italiana in chiave teorica, storica e descrittiva, per la approfondita ricerca sull'uso della lingua  in ambito nazionale e regionale  e per l'interesse dialettologico del contatto linguistico tra siciliano e arabo.

Giorgio OTRANTO, i cui innumerevoli studi, consacrati alle origini e alle antichità cristiane, all’agiografia e all’iconografia d’epoca tardoantica e medioevale, si segnalano per il vigore e il rigore scientifico, e si distinguono per la perenne vitalità e validità del contributo offerto per una più nitida e meglio documentata ricostruzione degli esordi e sviluppi del cristianesimo in Italia e principalmente in Calabria e nelle altre regioni meridionali.

Maria MINICUCI, la quale, dalle cattedre di prestigiose università italiane e straniere, ha portato avanti il suo magistero e la sua attività scientifica, spaziando dalle strutture della parentela alle strategie matrimoniali, dal ruolo della donna alle politiche dell’identità, per citare solo alcuni dei temi preferiti, mai rinunziando al “villaggio vivente nella memoria”, da intendere come Calabria e Basilicata, innanzitutto, terreno privilegiato di ricerca.

Museo demologico  dell’economia, del lavoro e della storia sociale silana, Direttore Pietro Mario MARRA, luogo di documentazione della vasta area degli altipiani silani, realizzato negli anni ’80 da studiosi coordinati da Francesco Faeta, e diretto con dedizione e passione da Pietro Marra, costituisce uno degli esempi piú significativi della museologia/museografia demo-antropologica scientificamente connotata per l’Antropologia Museale.

Anna Maria CIVICO, per l’impegno profuso nella ricerca, nella rielaborazione e nella riproposta di formalizzati della cultura di tradizione orale, diffondendone la conoscenza con appropriate performance in Italia e all’estero, lungo un percorso, iniziato nei primi anni Novanta, che è contemporaneamente formativo e lavorativo, ed in cui il canto è uno dei fulcri, che hanno costituito la base fondante della sua attività di ricercatrice e d’artista;

Mons. Luigi RENZO, Vescovo di Mileto-Nicotera-Tropea, studioso di storia e di antropologia religiosa, membro della Deputazione di Storia Patria della Calabria, Premio Speciale della Giuria per gli studî d’interesse antropologico e storico, poiché, pur dedicandosi al suo ministero di sacerdote e Vicario Vescovile prima e di Vescovo, poi, della Diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea, non ha tralasciato sia i suoi studî demo-antropologici e storici, dando alle stampe non poche pregevoli opere, sia la sua attività d’intellettuale attento ai problemi contemporanei, vedendosi conferire, per il suo impegno sociale, a Piazza Armerina (En) il Premio “Rocco Chinnici.

Casa Editrice LIBRARE per la valorizzazione e la promozione delle opere di autori esordienti e la diffusione della cultura in àmbito storico-economico, delle scienze umane e, piú specificamente, dei linguaggi pubblicitarî, della fotografia, del cinema, colmando, cosí, lacune dell’editoria non solo regionale.

Matilde TURSI, giovane ricercatrice, la cui attività di ricerca demo-antropologica e storica, culminata nella pubblicazione del suo primo libro Il Venerdí Santo a Cassano Allo Ionio. Origini, sviluppi e mutamenti, si è distinta per il serio impegno, la metodologia adottata e i risultati conseguiti.

Image
Un'immagine della passata edizione
 

< Precedente   Prossimo >