Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow Letteratura arrow Letteratura arrow I misteri della lingua moderna
Skip to content
I misteri della lingua moderna PDF Stampa E-mail
Scritto da A.Iannaccone   
lunedý, 05 settembre 2011 06:33
Image
Amerigo Iannacone
Ai tempi del fascismo era vietato usare termini stranieri, anche se in uso ormai da anni nel parlare e scrivere quotidiano, Vietate parole come garage, sostituita da rimessa, addirittura il tennis si dovette chiamare "pallacorda", il bar si chiamò "mescita" o "quì si beve", l'alcool divenne "l'alcole", il sandwich "tramezzino" (usato ancora oggi) ecc ecc. Ma alcuni "neologismi" introdotti ai giorni nostri, non è che siano meno ridicoli e fuori dalla realtà. Il nostro amico, giornalista, scrittore ed esperto linguista ha pubblicato nella rivista che dirige "Il foglio volante", scritta in italiano ed in esperanto, una noterella che mi è particolarmente piaciuta e che ho pensato di condividere con voi, carissimi e affezionati visitatori del nostro sito. La trovate nella seconda parte, se non siete d'accordo, niente di male, ma fatecelo sapere. Grazie e Buona lettura.

Diversamente

 

Siccome in una società come la nostra tutti devono essere, volenti o nolenti, abili e arruolati, c’è qualcuno che ha deciso che non esistono piú i “disabili” o gli “inabili” ma solo i “diversamente abili”, i quali sono cosí obbligati ad essere “abili”, sia pure “diversamente”.

Allora, per rendermi utile alla società, mi permetto fare anch’io qualche proposta: i sordi si chiamino “diversamente udenti”, i muti “diversamente parlanti”, gli zoppi “diversamente camminatori”, i castani “diversamente biondi”, le persone di colore “diversamente bianchi”, gli stranieri “diversamente italiani”, gli analfabeti “diversamente colti”, i ladri “diversamente onesti” e, per simmetria, gli onesti “diversamente ladri”. Siano poi chiamati “diversamente intelligenti” i cretini, come quello che si è inventato la formula “diversamente abili”.

Amerigo Iannacone

< Precedente   Prossimo >