Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow l'Opinione arrow Il vero costo della benzina
Skip to content
Il vero costo della benzina PDF Stampa E-mail
Scritto da administrator   
venerdý, 06 maggio 2011 13:33
ImageIl costo del carburante è giunto da noi a livelli non più sostenibili. Siamo arrivati a pagare un litro di benzina 1 Euro e 50 centesimi, fra poco costerà più di una buona bottiglia di vino. Il nostro vivere comune oggi è basato sopratutto sulla facilità di movimento, molti hanno preferito vivere in periferia o in campagna utilizzando l'automobile per le necessità quotidiane, purtroppo oggi i costi da sostenere sono diventati talmente alti che si ricomincia a pensare di ritornare nei centri urbani. Ma vediamo questi soldoni che ci chiedono per il carburante come vengono veramente distribuiti:  SU UN EURO E MEZZO SPESO PER OGNI LITRO, 70 CENTESIMI SONO IL COSTO DELLA BENZINA E 80 CENTESIMI SONO TASSE.. ANZI 82, DA ADESSO IN POI.
Il prezzo della benzina al consumo oggi si trova intorno a 1,55 euro al litro. Questa cifra si compone di 3 parti. Innanzitutto il prezzo netto del combustibile: stabilito dalle aziende che vendono la benzina, comprende anche i costi logistici di trasporto del carburante e il guadagno dei gestori della pompa. Poi ci sono le cosiddette accise, cioè tasse. E quì iniziano le dolenti note.

Alcune di queste sono delle imposte di scopo, introdotte dal governo per raggiungere determinati obiettivi, ma nonostante molti di questi problemi siano ormai risolti o del tutto superati, le accise a loro collegate rimangono.
In questo momento, il prezzo di un litro di benzina comprende tra gli altri:
- 0,001 euro per la guerra di Abissinia del 1935;
- 0,007 euro per la crisi di Suez del 1956;
- 0,005 euro per il disastro del Vajont del 1963;
- 0,005 euro per l´alluvione di Firenze del 1966;
- 0,005 euro per il terremoto del Belice del 1968;
- 0,051 euro per il terremoto del Friuli del 1976;
- 0,039 euro per il terremoto dell´Irpinia del 1980;
- 0,106 euro per la missione in Libano del 1983;
- 0,011 euro per la missione in Bosnia del 1996;
- 0,020 euro per il rinnovo del contratto degli autoferrotranvieri del 2004.
In totale fanno 0,25 euro, a cui si aggiungeranno i 0,02 euro destinati al Fondo Unico per lo Spettacolo.
La terza voce in capitolo è l´IVA, che si calcola sia sul prezzo del carburante netto sia sulle accise: una tassa sulla
tassa che quindi fa arrivare il peso delle accise assurde fino a 30 centesimi di euro per ogni litro di benzina (per il gasolio, invece, le accise pesano 0,423 euro, l´IVA 0,238; per il GPL le accise pesano 0,125 euro, l´IVA 0,132).
Facendo ordine.. stando ai dati forniti dal ministero dello Sviluppo Economico, il 21 marzo un litro di benzina senza piombo costava in media 1,527 euro (0,709 euro costo netto carburante; 0,564 euro di accise; 0,255 euro di IVA).
Semplificando ulteriormente: su un euro e mezzo speso per ogni litro di benzina, 70 centesimi sono il costo della benzina e 80 centesimi sono tasse.. anzi 82, da adesso in poi.

Nessun governo è riuscito finora a togliere questi sovrapprezzi anacronistici e ingiusti.

(I dati sono stati estrapolati da diversi articoli presenti sul web)

< Precedente   Prossimo >