Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow l'Opinione arrow Matrimoni-Truffa e immigrazione
Skip to content
Matrimoni-Truffa e immigrazione PDF Stampa E-mail
Scritto da A.Della Ragione   
mercoledý, 04 maggio 2011 07:19
Image
La badante e il vecchietto
Si registrano ultimamente molti matrimoni tra anziani italiani e giovani badanti straniere, quasi sempre l'amore c'entra molto poco. Ho ricevuto di recente la partecipazione per il matrimonio di un conoscente che non vedevo da decenni e che francamente credevo avesse già da tempo lasciato questa valle di lacrime. Invece Giusto, un arzillo ingegnere novantenne, due volte vedovo, ha deciso di impalmare la sua badante, più giovane di lui di solo sessanta anni. Colpo di fulmine o più semplicemente una vera e propria truffa, anche se non punibile, ai danni dell'Inps. Infatti la nostra legge, a differenza delle più severe normative in auge in altri più seri paesi europei, prevede che la novella sposa possa usufruire della pensione di reversibilità, eventualmente tornandosene comodamente nel suo Paese a grattarsi la pancia, non appena il nostro Giusto si deciderà finalmente al trapasso. Speriamo che quanto prima il legislatore troverà il tempo per approvare una legge bipartisan, che stabilisca chiaramente, anche al fine di acquisire la cittadinanza, un tempo minimo di durata del matrimonio(due o meglio ancora cinque anni) prima che si maturi il diritto alla pensione, per evitare il dilagare di migliaia di matrimoni fittizi, che dilapidano le già disastrate finanze degli enti previdenziali e costituiscono una beffa per tanti giovani che non potranno mai avere la loro giusta pensione.
ImagePer quanto riguarda l'immigrazione selvaggia che sta avvenendo in Italia, ritengo gravi e offensive le dichiarazioni del Premier sull’immigrazione. Quando le autorità istituzionali paragonano l’immigrazione clandestina a quella degli italiani, generano una falsa cultura e contribuiscono notevolmente alla demolizione del poco senso dello Stato che rimane nel Paese; quando è il Presidente del Consiglio, attualmente Silvio Berlusconi, a fare questo tipo di dichiarazioni, divengono gravi, perché si offende la dignità di tutti gli emigranti italiani e dei loro discendenti, i quali emigrarono legalmente e, generalmente, verso Paesi che ne richiesero la manodopera. Senza nulla voler togliere ai rifugiati, che sono un’altra categoria, gli immigrati clandestini, che scelgono le nostre coste, e non quelle più vicine a loro come Spagna o Grecia, a causa dell’inettitudine delle istituzioni della repubblica italiana, rappresentano una vera e propria invasione, in spregio alle leggi internazionali e senza alcun rispetto per le nostre leggi sull’immigrazione. Inoltre rappresentano un enorme pericolo di decadenza culturale, in parte già avviata, per il nostro Paese. Bene fanno le istituzioni europee e le nazioni confinanti a scaricarci e a non ascoltare i piagnistei di Roberto Maroni che sono solo conseguenza della assoluta incapacità dei governi della repubblica nel gestire l’immigrazione clandestina-invasione; è ormai ovvio che la repubblica italiana è la falla che rischia di far affondare l’Europa tutta, considerato il numero di clandestini che quotidianamente sbarca e che rappresenta la punta di un iceberg, delineando scenari insostenibili per il futuro
< Precedente   Prossimo >