Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow l'Opinione arrow Governo anti-meridionale
Skip to content
Governo anti-meridionale PDF Stampa E-mail
Scritto da Nicola Perrini   
lunedý, 05 luglio 2010 16:56
da cancellare
mezzogiorno da cancellare
Nella nazione italiana un’intera macroregione è tagliata fuori da qualsiasi possibilità di sviluppo. E vediamo in dettaglio i perché.
Ci sono 20 milioni di italiani che non hanno rappresentanza politica. Il governo Berlusconi – Lega è infatti completamente nordista. I politici meridionali, eletti con la legge definita “una porcata” dal suo estensore, non osano né vogliono contraddire il capo, pena una gogna mediatica allestita immediatamente dalla stampa e dalle televisioni “affiliate”, che li porterebbe ad un rapido declino, con perdita della poltrona. L’economia è nelle mani del Nord, con la quasi totalità delle grandi imprese dislocate nella pianura padana. Esse vincono gli appalti anche al Sud, salvo poi subappaltare i lavori ad imprese meridionali a prezzi stracciati. Queste ultime non hanno possibilità di crescita, visti i magrissimi margini loro concessi e sono spinte verso l’applicazione di sistemi mafiosi. La delinquenza organizzata toglie soldi al Sud e li investe nelle zone più ricche del Nord, facendosi così strumento della discriminazione interna al paese. 

Il Sud, penalizzato da infrastrutture insufficienti e mal gestite, non ha nessuna possibilità di affrancarsi dalla situazione di marginalità in cui è stato ridotto. I fondi maggiori, anche quelli in precedenza destinati alle aree più deboli, vengono dirottati al Nord.
Al Sud mancano strade, ferrovie, porti , aeroporti, reti telematiche ed ogni altro tipo di infrastruttura normalmente disponibile nei paesi europei.La stampa e le televisioni, tutte al Nord, ci ricordano continuamente e ci convincono, che gli abitanti del Sud sono fannulloni, incapaci di gestirsi ed in qualche caso mafiosi. Alcuni docenti universitari o direttori di giornali del Sud, accondiscendenti verso il potere e per questo ammessi alla ribalta televisiva, ci ricordano che siamo un popolo minore e per questo dobbiamo accettare le scelte coraggiose dei fratelli maggiori del Nord. Il ministro dell’Istruzione ci rammenta poi che le nostre scuole ed università sono minori, in base a criteri stabiliti da lei stessa e, per questo, avranno meno soldi di quelle del Nord. La presidente di Confindustria, con accento rigorosamente del Nord, ci dice che i lavoratori di Pomigliano devono accettare condizioni peggiori di quelli degli altri stabilimenti italiani, perché il Sud non può permettersi di rinunciare a generose offerte di lavoro. Il governatore Formigoni, dalle TV di stato e di Berlusconi, ci ricorda continuamente che solo le regioni “virtuose” potranno accedere ai fondi stanziati dal governo, mentre quelle del Sud dovranno accontentarsi di meno. L’Irap al Sud è più alta, perché le regioni hanno accumulato, nella sanità, un deficit eccessivo, non importa se i fondi complessivamente disponibili siano ben inferiori a quelli destinati al Nord. Questi hanno l’intervento “ordinario”, il Sud solo quello “straordinario”, come se non si appartenesse tutti allo stesso paese.   Se qualche imprenditore straniero si azzardasse, malgrado le difficili condizioni, ad investire al Sud, verrebbe immediatamente dissuaso, in maniera da non fare concorrenza alle imprese del Nord, nel supremo interesse del paese, come è accaduto nel recente passato (Toyota ha impiantato uno stabilimento in Francia, dopo aver tentato inutilmente di realizzarlo in Italia). I governanti, capeggiati in questo dai leghisti, stanno mettendo a punto, per noi, il federalismo fiscale che, tagliandoci drasticamente i già ridotti fondi, ci insegnerà ad autogovernarci bene. Quindi, in sostanza si dimostrerà che al Sud bastano le briciole purché siamo messi sotto tutela di capaci governanti e manager del Nord. Noi la manovalanza, preferibilmente bassa, loro il cervello. I nostri giovani migliori saranno ben istruiti in un periodo di formazione al Nord, quindi appena diventati leghisti, inviati qui a comandare in rappresentanza dei poteri del Nord. Naturalmente si interviene anche sui pedaggi autostradali, applicando maggiori rincari alle regioni, secondo loro meno virtuose, tralasciando di applicare alcuna tariffa alla tangenziale di Milano, da sempre gratuita.
In effetti accade che un partito regionalista, con forte connotazione razzistica, governa l’intera nazione, facendo il bello ed il cattivo tempo e stabilendo quale sia la ripartizione delle risorse.
Se, indispettiti da tutto ciò, decidessimo poi di acquistare beni prodotti all’estero, poco male: la stragrande maggioranza degli importatori sta al Nord e per questo pagheremmo comunque una tangente al settentrione. Se volessimo attivare un mutuo dovremmo rivolgerci ad una banca del Nord, così come accade quando stipuliamo un’assicurazione, dato che tutte le compagnie hanno sede al Nord. In conclusione, ci sono 20 milioni di abitanti che non hanno infrastrutture, fabbriche, banche, assicurazioni, importatori, televisioni, stampa e, dulcis in fundo, rappresentanza politica. Le intenzioni della politica dominante sono quelle di aumentare ulteriormente le distanze Nord – Sud, perché l’avidità non ha evidentemente limiti. Quindi i cittadini del Sud, non nati poveri, ma impoveriti ed emarginati da qualsiasi possibilità di sviluppo, nei 150 anni dall’unità d’Italia ( si veda il rapporto Daniele – Malanima dell’Università di Catanzaro e del ISSM - CNR rispettivamente, disponibile su internet) non hanno in pratica nessuna possibilità di potersi affrancare da un ruolo di marginalità e sottosviluppo, cui sono stati condannati, potranno solo peggiorare, avviandosi a confermare ancor di più di essere l’unico esempio di colonia interna ad un paese europeo.
Il tempo che passa è un fattore a noi contrario; l’azione del governo tende infatti a contrarre sempre di più i nostri margini di autonomia e libertà, togliendoci, poco a poco, anche i diritti più elementari.
Un sistema per invertire la tendenza, però c’è: una presa di coscienza ed una forte mobilitazione.
Infatti se i cittadini si mettono a manifestare individualmente saranno ignorati, se si raggruppano in piccoli gruppi saranno derisi, scherniti e si parlerà del solito “vittimismo” meridionale, se si raccolgono invece in centinaia oppure, meglio, in migliaia, saranno presi sul serio e potranno dire la loro.

Quando daremo una bella dimostrazione di orgoglio meridionale?  

Nicola Perrini  (L'altro Sud)

< Precedente   Prossimo >