Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow l'Opinione arrow Dov'Ŕ il libero arbitrio?
Skip to content
Dov'Ŕ il libero arbitrio? PDF Stampa E-mail
Scritto da N.Cantelmi   
martedý, 06 aprile 2010 08:22

Image Pubblichiamo un pensiero di Nuccio Cantelmi, non vogliamo passare per eretici e rischiare  la scomunica, ma ci sembra doveroso dare spazio anche ad opinioni "fuori dalle righe". 

C’era una volta il libero arbitrio. C’era una volta l’uomo, il fato e Dio. Poi, la CEI, Conferenza Episcopale Italiana, invita gli italiani a non votare i partiti che sostengono aborto e matrimoni gay. Così mi son chiesto: ma che fine ha fatto il libero arbitrio? Non ricordo, infatti, di aver mai sentito la CEI lanciare anatemi su coloro che votano per i partiti che hanno promosso la guerra in Iraq (chiamatelo pure peace keeping…). Non mi pare che Bagnasco o chi per lui si sia mai indignato (al di là di qualche generico rimbrotto sulla bruttezza della guerra) per le votazioni parlamentari sulle missioni di pace in zona di guerra, ovvero sul fatto di mandare militari armati e con regole di ingaggio a uccidere ed essere uccisi in terra straniera.
Che un morto iracheno valga meno di un aborto? C’è forse una graduatoria nell’importanza dei morti?

Perché Bush, Berlusconi e Blair non sono stati scomunicati? Perché non è stato inviato un contingente di 10.000 preti in Iraq per impedire l’occupazione ed il massacro di civili inermi (oops, scusate vittime collaterali)… Perché snidare le armi di distruzione di massa ha significato colpire proprio quella popolazione civile che doveva essere protetta? Tuonare contro la possibilità che la donna sia riconosciuta nella sua autodeterminazione, invece, non comporta irritare capi di stato o leader di nazioni nelle quali la chiesa ha avuto ed ha qualche piccolo problemino di relazioni pubbliche. In fin dei conti, tranne qualche anima profondamente laica e liberale nessuno si sente preso di mira, anzi tutti si affannano a rincorrere il consenso massimalista. Aborto, eutanasia, unioni omosessuali. Scelte di vita. Scelte. Libero arbitrio.
Il libero arbitrio è responsabilità. Per i credenti, questa responsabilità si traduce nel giudizio divino (ripetiamo, divino, di Dio) e per i laici in quello umano. Ma il giudizio è sempre successivo alla scelta.
Così, è possibile uccidere qualcuno, salvo poi aspettarsi la reazione dell’ordinamento al fatto illecito. Nessuna legge umana dirà mai: è vietato uccidere. La legge esprime solo un disvalore ad una condotta già accaduta e le conseguenze previste per tale fatto.
L’uomo, dunque, è sempre libero. Anche di peccare. Soprattutto, l’uomo è libero di assumersi le proprie responsabilità, davanti a Dio e davanti agli uomini.
Lasciatemi decidere come morire. Lasciatemi decidere come vivere il mio amore verso l’altro e, ahimé, lasciate che siano le donne a decidere se portare avanti una gravidanza.
Lasciatemi la possibilità di sbagliare e quella di essere giudicato.
Lasciatemi il libero arbitrio, insomma!!!

Nuccio Cantelmi - Cane sciolto
< Precedente   Prossimo >